Aprile 24, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Azorín Borse: una tradizione di famiglia ricca di competenze di marketing

Azorín Borse: una tradizione di famiglia ricca di competenze di marketing

Concorso di moda emergente Una nuova edizione parte alla ricerca del prossimo fenomeno della moda spagnola. Promosso da Modaes con Studio di avvio di MangoIl Fashion StartUp Contest celebra la sua quarta edizione con l'obiettivo di essere una piattaforma per la pubblicazione di nuovi progetti, uno spazio di apprendimento e un punto di contatto tra imprenditori, aziende di moda, gruppi di investimento e altri attori. Concorso di Moda Emergente in collaborazione con EHI, L'oca E Kibo Progetti Ha lo scopo di evidenziare il dinamismo dell'imprenditorialità spagnola della moda e aiutare a scoprire e immaginare nuovi progetti di valore in questo settore.

Sei tu il prossimo fenomeno della moda in Spagna?

Concorso di moda emergente 2024 Presentati!

Etichetta torna all'originale. Cristina Saitta Azurin Lavorava in una multinazionale quando ha deciso di avviare un'attività di borse.. Dopo aver vissuto vent'anni a Madrid e dedicandosi alla gestione del marchio e alla strategia aziendale in aziende multinazionali, è tornato ad Alicante, il suo paese d'origine, per dedicarsi al proprio marchio, seguendo la tradizione di famiglia, e fondando Bolsos Azorín.

“Mia madre era impegnata a realizzare borse”, dice. “Realizzava borse e scarpe di marchi di lusso e mi ha sempre trasmesso il valore dell'artigianato e dell'attenzione ai dettagli”, spiega. “Oltre a mia madre, anche i miei zii e quasi tutta la famiglia di mia madre sono strettamente legati al settore delle calzature e degli accessori”, aggiunge.

Quando Cristina Saita Azorin ha deciso di avviare un'impresa, ha voluto farlo con sua madre. “L'ho suggerito a mia madre, ma non aveva le energie e ho deciso di farlo da solo e creare un marchio di valore Creare pezzi artigianali per una produzione etica in termini di trattamento dei dipendentiSi riferisce alla produzione responsabile e così via. L'obiettivo del suo fondatore era “creare un marchio lontano dagli acquisti rapidi e creare prodotti che durino nel tempo con strati resistenti”.

READ  Potenza diesel! Il Ford Ranger Raptor avrà un motore 3.0 V6 con 250 CV

“Ho iniziato il progetto un anno fa, ma ho iniziato a pensarci nel 2018 e in quel momento la mia idea era quella di rivolgermi a un pubblico più giovane e associarlo a marsupi di fascia media convenienti con un buon design e costruzione, ma mentre ero guardando come veniva prodotto, era «il Covid e questo prodotto sono legati alla vita sociale di feste ed eventi». Quindi L'idea portava, secondo Cristina Saitta, “verso a Obiettivo “Più adulti con più potere d'acquisto”.

La startup, fondata nel 2023, lo è Posseduta al 100% dal suo fondatoreche si è avvalsa dell'aiuto di sua madre, Dolores Azurin, come consulente “perché sa molto del settore di Alicante e ha requisiti di qualità molto elevati”.

Con un finanziamento privato di 6.000 euro ha acquistato il materiale Un'altra parte è stata destinata alla produzione, alla pubblicità, alla creazione di siti web e ai materiali sui social media. Un anno dopo, il fatturato dell'azienda ha raggiunto i 15.000 euro. «Abbiamo lanciato due collezioni di borse ed erano esaurite», spiega Saitta, che aggiunge che a fine anno la sfida era maggiore nella produzione e nel lanciare in tempi rapidi la terza collezione. Conferma: “È pronto. L'abbiamo presentato alla fiera Bisotex e ora stiamo lavorando ai materiali fotografici necessari al sito per lanciare la terza collezione”.

Il marchio produce 350 unità (Dodici unità per modello). “Non vogliamo realizzare così tante unità per ogni modello da avere una certa esclusività”, afferma Saitta. La produzione avviene tuttavia in un laboratorio offshore ad Alicante .inizio Dai valore alla tua esistenza.

READ  7 azioni da prendere in considerazione il 26/10/2021 di Benzinga Spagna

Attualmente Bolsos Azorín vende attraverso il suo sito web e un punto vendita a Lerma, Burgos. COSÌ Il canale online rappresenta il 90% del volume di vendita dell'azienda. Alla fiera Bisutex, tenutasi recentemente all'Ifema Madrid, ha preso contatto con dieci punti vendita con l'obiettivo di lavorare di più nel canale fisico, visitare più fiere e trovare clienti multimarca per aumentare la distribuzione. “Internet funziona bene, ma richiede un forte investimento in pubblicità”, spiega Cristina Saita Azurin.