Aprile 23, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Celebration and Shipwreck” al MACBA, una mostra che mette in risalto il Bauhaus

“Celebration and Shipwreck” al MACBA, una mostra che mette in risalto il Bauhaus

Walter Gropius, fondatore della scuola, in inchiostro cinese dà il benvenuto a “Celebrazione e naufragio”, al Macba

Lui Museo d'Arte Contemporanea di Buenos Aires (Macba) La stagione di campionamento è iniziata con Celebrazione e naufragioche, basandosi sulle opere di sei artisti (3 argentini e 3 spagnoli), suggerisce un collegamento con il patrimonio di… Bauhausuna scuola d'avanguardia di architettura, design, artigianato e arte tedesca che esisteva tra il 1919 e il 1933.

L'esposizione, che riprende “alcuni postulati estetici e ideologici del Bauhaus”, si presenta come “un esercizio corale di adattamento e riappropriazione che recupera momenti formativi, figure e registri che hanno definito gli insegnamenti innovativi della scuola nel corso del Novecento”. lui scrive. David ArmengolDirettore artistico del Centro artistico La Capella di Barcellona, ​​genera così “un dialogo trasversale in molteplici direzioni in cui il fascino del Bauhaus convive attraverso proposte artistiche particolarmente sensibili al suo patrimonio formale e concettuale”.

La produzione, frutto di uno sforzo congiunto con il Centro Culturale Spagnolo di Buenos Aires, inizia con un grande ritratto a penna e inchiostro cinese di Walter Gropiusil fondatore della scuola, è stato realizzato da un argentino residente a Barcellona Gonzalo Elviraha motivato l'incontro, poiché la mostra ha avuto un passaggio limitato – in termini di pezzi esposti – nel Museo Municipale di Belle Arti Juan Sánchez de Río Negro, nel 2015. Inoltre, sono esposte opere di artisti iberici Edoardo Arbus, Ravel G. Bianchi E Regina Jimenez E residenti locali Alicia Herrero E Michel Cicot.

Edward Arbus trasformò in musica una serie di illustrazioni architettoniche (J. G. Batalla)

“Questo progetto nasce da derive scolastiche, perché man mano che ogni artista realizza il suo lavoro, si generano relazioni tra opere, tra linguaggi, tra modi di concepire l'opera in base all'approccio”, spiega Elvira.

“L’arte contemporanea venne a confermare ciò che la scuola Bauhaus proponeva all’epoca, poiché possiamo trovare video, musica sperimentale, ecc. “Non si lavora in una lingua, non si lavora in una disciplina, e in un certo senso sarà il risultato di ciò che la scuola ha proposto”, aggiunge Herrero, le cui opere sono entrate nella collezione del Museo Reina Sofía durante l'ultima edizione della mostra di Madrid Arco, nonché della mostra Regina Giménez.

Al piano terra, lì Vanità, follae sculture Vita di ogni giorno E Vanitàdal 2021 al 2022, che rispecchia le tematiche più strettamente legate all'opera Alicia Herreroavvicinando e decontestualizzando elementi economici, come i grafici a torta e l'uso di materiali architettonici.

Regina Jimenez davanti ad uno dei grandi dipinti geografici (JG Batalla)

“I grafici economici hanno il colore, la flessibilità, l'ordine spaziale che sto cercando di suggerire in modo che le persone possano affrontare con sensibilità qualcosa che è di per sé considerato discutibile o discutibile. Noi artisti cerchiamo di generare questo”, dice Herrero le opere a cui è associato. . Disegni geograficil Regina Jimenezuna serie di grandi tessuti di cotone riciclato appesi a lato della rampa che conduce al primo piano.

READ  Prima dell'arrivo della terza stagione di "Emily a Parigi", possiamo goderci la storia in un altro modo | Regalo

Così, con Jiménez si passa dal simbolo economico al simbolo geografico, in questi pezzi che formano mappe stellari, che entrano nell'astrazione scientifica astronomica da un aspetto più esplicativo. “La carta stellare è stata ricreata con forme geometriche, disegnando a mano, questo approccio tra arte e artigianato nella scuola, che è anche un salvataggio per i laboratori tessili del Bauhaus, quelle astrologhe dimenticate, per le quali erano ingiuriose chiamato all'interno della scuola come”, dice Jiménez. Weavers.”

L’associazione con i tessili e i “tessitori” continua nel lavoro di Rosario Michel Cicotche propone la sua linea di tessuti in sbieco Prove colore per tovaglie E diversi Esercizi sul Bauhaus Oltre a due opere più grandi, Variazione tessile del Bauhaus n. 1 E 2che rompe la simmetria speculare per ottenere un'astrazione che sembra composta da 8 bit.

Michel Cicot e “La diversità dei tessuti al Bauhaus n. 1” (MACBA)

“Sono arrivato a lavorare nel settore tessile poco a poco, perché ho iniziato a pulire le superfici dipinte ed esplorare la tela, e ho notato che ero più interessato alla tela che alla pittura. All'inizio lavoravo su tovaglie, asciugamani e oggetti che avevano ricami precedenti, di un parente o di una donna che non conoscevo. Lo riferisco al Bauhaus perché mi interessava vedere queste donne dei laboratori tessili che frequentavano quella scuola perché erano ammesse, ma poi venivano trasferite al laboratorio tessile e non potevano frequentare i laboratori di pittura. E mi piaceva pensare un po' al lavoro delle donne che lo tenevano nelle loro case, nelle loro case, e a quelle altre donne che imparavano a conoscere le forme geometriche e altri processi di ricerca. Quindi, in questo incrocio, mi è piaciuto utilizzare la tecnica della tessitura a telaio e costruire i supporti su cui avrei lavorato”, spiega Cicot.

E aggiunge: “Lo collego anche a un workshop”. Kandinskyche ha lavorato Teoria dei colori Dove facevano esercizi ed esperimenti. Quindi lascio alcuni lavori come esercizi in cui prendo strisce di determinati colori, combino i colori orizzontali e poi li incrocio e vedo qual è l'effetto o come risultano gli incontri di quei colori. Ci sono delle limitazioni nel lavoro, perché lavorando solo con le barre che vanno in una direzione o nell'altra non si può andare fuori linea. Ho aggiunto anche queste due sovrapposizioni sugli asciugamani di lino che costituiranno un ritratto Anne Albers. Gli asciugamani erano già ricamati e ho aggiunto questo aggiornamento ai pixel più spessi. Mi piaceva il modo in cui le gonne diventavano più grandi, perché dentro le gonne delle donne poteva esserci tutto un mondo, una situazione”.

Alicia Herrero davanti alla serie “Putin” (JJ Batalla)

Al piano successivo è esposta una selezione di nove dipinti della serie Il mio malloppo Di Herrero, presentato alla Recoleta nel 1997, dove oggetti d'avanguardia del Bauhaus convivono con ceramiche dell'Alto Perù o di Venezia del XIX secolo.

READ  La tecnica speciale di Santiago del Moro per calmare la tensione prima della cerimonia di eliminazione del Grande Fratello

“Sono tutti adattamenti di diverse opere d'arte saccheggiate dal colonialismo. Non erano solo i pezzi che meritavano di essere riportati al loro luogo originale, come quello precolombiano o greco, ma anche quelli che avevano lo status di arte locale”. oggetti che nascono dal design industriale.” L'artista spiega: “Forse, come molti di questi pezzi, di origine antichissima, erano destinati all'uso quotidiano e poi divenuti oggetti di culto sacro, come opere d'arte in importanti collezioni di tutto il mondo.” il pianeta.”

In Sedia Robinson (2007), Ravel G. Bianchi Rappresenta il culmine di un lungo processo di ricerca incentrato su un ufficio da lui progettato Giuseppe Albers Nel 1923: La Table per la sala d'attesa dell'ufficio direzionaleSi suppone che sia il miglior ufficio che un direttore d'ufficio possa avere.

“La sedia di Robinson”, di Ravel G. Bianchi (MACBA)

“Questo tavolo è stato realizzato solo come prototipo perché si è subito scoperto scomodo e poco pratico. “Mi è sembrata una buona metafora di quello che intendo essere il progetto ideologico del Bauhaus, fallito”, dice l'Olot artista nato.

Spiega che il tavolo è stato inizialmente trasformato in una “sedia molto scomoda” e ora viene presentato in parte, a brandelli, come “un progetto derivante da un naufragio”. Mostra anche una serie di opere con pappagalli, in parte perché sono i compagni di Robinson Crusoe, e in parte, dice, perché “quell'animale ha la capacità di cantare senza capire cosa sta dicendo e questo è ciò che lo rende così umano”. Allo stesso tempo.” .

Al piano successivo c'è il lavoro Edoardo ArbusChe presenta un sistema complesso di opere in dialogo con il brand come un asse con tre linee di lavoro integrate, da cui costruisce un percorso che va dall'architetto al musicista, e gioca tra la materialità e la sua essenza.

Edouard Arbus viene coinvolto nella progettazione degli edifici Bauhaus (J.G. Batalla)

In termini di pezzo scultoreo Casa degli insegnanti (2015) è un riferimento specifico al progetto delle quattro case progettate da Gropius nel 1923 a Dessau per gli insegnanti interni. D'altra parte, una serie di schizzi La casa dell'artista (2015), presenta variazioni di colore basate su test sull'architettura plastica Theo van Doesburg, pubblicato anch'esso nel 1923, in cui il pittore e architetto olandese esplora i confini tra pittura e architettura attraverso continui giochi di piano e colore. In Sequenza audio n. III E Sequenza audio n. IV (2015) Si possono vedere e sentire i risultati emersi dal codice inventato.

READ  La controversa decisione presa dal Grande Fratello quando Fury iniziò a parlare della sua diagnosi

“Nel primo caso, Arbós presenta un'immagine morbida e negativa delle quattro case, aprendo così un dialogo teso tra la pianta e la forma fisica del suo edificio. Altri ancora mettono in discussione i confini tra concetto ed esperienza, tra utopia e realtà.” nella seconda, l'artista barcellonese immagina la rinnovata eredità di Van Doesburg attraverso composizioni astratte che privilegiano la fotografia rispetto all'architettura”, spiega Armengol.

E aggiunge: “Nella terza e ultima parte, dopo questo dialogo tra progetto e unità presentatoci dall'architetto e dal pittore, Arbus ci presenta un regolamento edilizio attraverso il quale si organizzano proposte aperte, come se fosse un gioco . Un dialogo relazionale tra scrittura, disegno, scultura, architettura e suono. Un gioco che ricorda, in qualche modo, quella voglia di sfumare i confini tra i linguaggi che caratterizzava il nostro spirito old school.

Serie di opere di Gonzalo Elvira (GG Batalla)

Nello stesso spazio si trovano, tra gli altri, disegni di Elvira a china come Fontana nazista, aspetto E Monumento al Lavoratore Ignotoche ripercorre i diversi momenti dell'opera realizzata da Gropius nel 1922, andata parzialmente distrutta durante la Seconda Guerra.

Celebrazione e naufragio Si tratta di una mostra giocosa in molti modi, poiché gli artisti catturano l'essenza dei diversi mestieri della scuola tedesca, avvicinandoli dalle loro prospettive. Per chi è interessato al Bauhaus, può essere affascinante osservare come questa eredità si incarna nelle idee e nelle tecniche dell’arte contemporanea, mentre per chi non è tanto legato all’esperimento dell’avanguardia tedesca, può recuperare e collegare immagini e stili. Dietro le performance che popolano la nostra quotidianità. La longevità del Bauhaus lì, all'estero, sta nel design, nell'architettura, nell'arredamento della casa, così come nei quattro piani del Museo di San Telmo.

* Celebrazione e naufragioio Si potrà visitare fino al 23 giugno, dal lunedì alla domenica e nei giorni festivi dalle 12 alle 19, escluso il martedì, in Avenida San Juan 328, città di Buenos Aires. Ingresso generale: 3000. Studenti, insegnanti, pensionati e bambini dai 6 ai 12 anni 1500. I minorenni e le persone con disabilità entrano gratuitamente. Mercoledì: Generale: $ 1.500; Studenti, insegnanti e pensionati certificati: gratis, bambini dai 6 ai 12 anni gratis.