Febbraio 28, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Centenario di Maria Callas: un’esperienza immersiva ricordando i Soprani

Centenario di Maria Callas: un’esperienza immersiva ricordando i Soprani

Un poster gigante di Maria Callas all’ingresso del museo è dedicato alla sua memoria ad Atene.

Foto: EFE – Diego Saez Papachristo

La direttrice del museo Despina Andreopoulou ha spiegato: “L’obiettivo attraverso questa esperienza immersiva è quello di evidenziare la personalità di Maria Callas e quanto importanti siano stati il ​​suo stile e la sua voce, e come abbia cambiato radicalmente la storia del teatro musicale nell’intero XX secolo.”

Situato nel centro di Atene, di fronte alla cattedrale ortodossa della capitale ellenica e in un edificio classico che un tempo ospitava un albergo, il museo ha aperto dopo anni di ritardo, arrivando giusto in tempo per celebrare il centenario del cantante greco-americano. .

Oltre ai gioielli e agli abiti, si aggiungono alcune sue composizioni musicali, nonché le lettere che scambiava con le persone a lui vicine. Tutto questo è stato redatto dal Comune di Atene, che dal 2000 acquista gli oggetti personali del cantante, oltre a ricevere donazioni da istituzioni e privati.

Ti invitiamo a leggere: Maria Callas, cento anni di leggenda e una vita tra gloria e scandalo

Segui El Espectador su WhatsApp

Abiti e altri accessori indossati da Maria Callas durante le sue uscite, in mostra ad Atene.

Foto: EFE – Diego Saez Papachristo

La visita inizia al secondo piano, dove la sala si trasforma in un palcoscenico d’opera una baseuna foresta con alberi enormi, dove puoi sentire Callas eseguire la canzone Afifa Al-Mughniyah. Uscito dalla sala “Norma”, il visitatore entra nella sala “Tosca”, una stanza rossa in cui sono presenti mobili dell’epoca, e ora, oltre ad ascoltare, è possibile vedere il soprano recitare il dramma drammatico su un maxischermo . la canzone Visi darti.

Dopo l’esperienza coinvolgente, il tour scende al primo piano, dove i visitatori possono saperne di più sulla carriera della cantante, sulla sua formazione al Conservatorio Nazionale di Atene, sul suo debutto al Teatro Lirico della città e sulla sua ascesa alla gloria internazionale negli anni ’50. Ci sono anche sezioni dedicate alla vita personale della cantante, con un riferimento separato al leggendario armatore greco Aristotele Onassis, che fu il grande amore della sua vita e che la abbandonò per Jackie Kennedy, vedova del defunto presidente degli Stati Uniti John F. Kennedy. . Kennedy.

“Un museo come questo era necessario non solo ad Atene, ma in tutto il mondo, perché l’obiettivo è che le nuove generazioni possano conoscere personalità e artisti come Maria Callas”, ha sottolineato Andreopoulou. Qualcosa che sembra essere stato raggiunto, come conferma Ioana, una delle visitatrici del museo. “Sono molto emozionata. Per molti anni ho seguito la carriera e la vita della Callas in televisione. Non sono mai stata una grande fan dell’opera, ma ho amato la Callas”, ha detto con entusiasmo.

Noi raccomandiamo: La Leggenda di Maria Callas (Arte e Cultura)

In occasione del centenario della nascita della Callas, inserita nella lista degli anniversari dell’UNESCO, il museo ha preparato per questo sabato una serie di eventi, tra cui programmi didattici per famiglie, ad ingresso gratuito.

Pianta generale del museo dedicato a Maria Callas, ad Atene, Grecia.

Foto: EFE – Diego Saez Papachristo

Il grande soprano, per molti la migliore cantante lirica della storia, nacque il 2 dicembre 1923 a New York da una famiglia greca e ritornò con i suoi genitori in Grecia nel 1937, dove si formò con la spagnola Elvira Hidalgo.

READ  La commovente reazione dei partecipanti al GH quando i loro parenti entrarono in casa e rimasero "congelati"

L’ampia gamma della sua voce, unita alla sua padronanza della tecnica, le ha permesso di cantare ruoli da soprano leggero (Lucia, Semiramide, Gilda) a ruoli drammatici (Brunilda, Lady Macbeth) e persino mezzo (Carmen, Delilah).

Potresti essere interessato a: Daniel Alvarez: “La sindrome dell’impostore ci porta a fare le cose”

Maria Callas morì il 16 settembre 1977, all’età di 53 anni, di infarto a Parigi e, dopo il funerale, il suo corpo fu cremato e le sue ceneri furono disperse nel Mar Egeo.