domenica, Giugno 23, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Ciò che diceva la lettera di Steve Jobs è stato venduto all’asta per 175.759 dollari

L’ufficio di Steve Jobs a Cupertino è conservato così come lo lasciò dalla sua morte nel 2011. (Foto: Diana Walker)

Recentemente è stato riferito che la lettera è stata realizzata a mano Steve Jobs È stato messo all’asta per una cifra importante tramite la casa d’aste americana RR Auction, l’ente incaricato di verificarne l’autenticità.

Il manoscritto è di grande importanza non solo per chi lo ha scritto ma anche per il suo contenuto, poiché contiene informazioni su come Jobs ha progettato la pubblicità del libro. Mela-1il primo personal computer dell’azienda.

RR Auction ha descritto l’oggetto all’asta come:Bozza storica Una delle prime pubblicità per “Apple Computer-1”, scritta interamente con la grafia di Stephen Jobs nel 1976, incluse due Polaroid del prototipo funzionante, fotografate al The Byte Shop e con didascalia di Jobs.

Vendere all’asta il discorso di Steve Jobs

Secondo lo storico di Apple Corey Cohen, le specifiche tecniche della bozza dell’annuncio scritta a mano corrispondevano perfettamente La pubblicità originale dell’Apple-1che fu pubblicato per la prima volta nel numero di luglio 1976 della rivista Interface, segnando l’inizio pubblico di quella che sarebbe diventata una delle aziende più preziose e influenti al mondo.

In cima al foglio c’era scritto “Apple Computer-1″, poi Jobs aggiunse una serie di caratteristiche che voleva evidenziare nell’annuncio come il microprocessore 6800, 6501 o 6502, annotando tra parentesi che il 6501 o 6502 sono ” consigliato perché si dispone di un processore core” “.

Ha continuato con i dettagli “on-board”: “Tutti gli alimentatori, 8KB di RAM (4K dinamico a 16 pin), terminale crt completo: Ingresso: tastiera ASC11, Uscita: video composito, completamente espandibile a 65K byte tramite presa di ingresso. EDGE, 58 circuiti integrati di cui 16 per 8K RAM!! Software di monitoraggio (per 2 parti integrate (256 byte)) incluso”.

READ  Apple ha rilasciato una patch per un bug di iOS 16 che impediva l'attivazione del terminale su reti WiFi aperte

È interessante notare che Jobs affermò un “core on the road (ROM)”, che non si materializzò mai per l’Apple-1, ma lo fece l’anno successivo per l’Apple II. Ha concluso notando il prezzo di 75 dollari per “solo scheda + manuale, un vero affare.”

Leggi anche: Il biografo di Steve Jobs rivela diversi dettagli intimi sull’uomo d’affari Elon Musk nel suo nuovo libro

La prima pubblicità per l’Apple-1

D’altro canto, si nota che in fondo al foglio l’imprenditore ha firmato con il suo nome e cognome”Stefano JobsHa aggiunto l’indirizzo di casa e il numero di telefono dei suoi genitori, “11161 Crist dr., Los Altos, Ca 94022, (415) 968-3596”, la sede originaria della Apple Computer Company.

Oltre alla lettera e all’annuncio originale del giornale Interface, l’asta presentava altri elementi chiave nella storia dell’Apple-1: due foto originali Polaroid a colori lucide da 3,5″ per 4,25″ scattate al Byte Shop di Mountain View, California, che mostravano un computer Apple-1 completamente assemblato con una scheda, una tastiera e un monitor collegati e un display del computer Apple-1 che mostra un programma Torsolo di mela.

All’interno delle immagini, Jobs ha scritto “Questo è Apple System di Apple Computer Inc., 11161 Crest Dr. Los Altos, CA 940, (415 \ 968-3596, Stephen” e “Sfocato a causa del movimento della fotocamera.”)

La Polaroid di Steve Jobs è stata messa all’asta.

Potrebbe interessarti: Scopri l’eredità di Steve Jobs: il visionario che ha cambiato il mondo della tecnologia

Infine, è stato aggiunto all’asta un documento presentato dal destinatario originale della lettera di lavoro. In esso, la persona raccontava di aver incontrato il cofondatore di Apple “in terza media nel 1968”.

READ  20 scorciatoie da tastiera che ti renderanno un professionista su Windows e Mac

“Da quando era appena arrivato a scuola, Jobs cercava qualcuno con cui trascorrere l’estate, così siamo diventati subito amici”, racconta l’anonimo autore. Durante quelle vacanze andavano in giro in bicicletta per la zona. com.soleggiatovalee Los Altos e attraverso le montagne di Santa Cruz fino alla spiaggia.

“Durante il periodo in cui Apple 1 era in lavorazione, ho fatto visita a Steve diverse volte (Natale 1975, Spring Break 1976, Estate 1976) e ho osservato i computer mentre venivano testati nelle scatole del garage. Durante una di queste visite, Steve mi diede una Polaroid del computer, uno screenshot Polaroid dell’Apple 1 Basic e un’offerta scritta a mano per le schede madri per $ 75 ciascuna.

Desideria Zullo
Desideria Zullo
"Educatore generale della birra. Pioniere del caffè per tutta la vita. Sostenitore certificato di Twitter. Fanatico di Internet. Professionista dei viaggi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles