Marzo 5, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cosa succede se un paese blocca ChatGPT?  Questo è quello che fanno in Italia per scavalcare il veto

Cosa succede se un paese blocca ChatGPT? Questo è quello che fanno in Italia per scavalcare il veto

L’Agenzia spagnola per la protezione dei dati (AEPD) ha annunciato pochi giorni fa la sua decisione di avviare un procedimento ufficiale di indagine preliminare contro la società americana OpenAI, nota come la persona dietro il chatbot di intelligenza artificiale ChatGPT. regolamenti.

Allo stesso modo, anche il Comitato europeo per la protezione dei dati (EDPB) ha annunciato l’avvio di un gruppo di lavoro sull’intelligenza artificiale. L’obiettivo è migliorare lo scambio di informazioni e la cooperazione su possibili iniziative per l’applicazione del regolamento europeo da parte delle autorità di protezione dei dati.

Attualmente c’è grande preoccupazione tra la comunità scientifica e gli esperti nel campo della tecnologia L’intelligenza artificiale comporta molti rischi Oltre alle conseguenze potenzialmente catastrofiche di un fallimento di questa tecnologia, in particolare per quanto riguarda i dati degli utenti.

Stato di ChatGPT in Europa

In Europa, la situazione con ChatGPT è delicata in alcuni paesi, poiché l’Italia ha annunciato l’intenzione di porre il veto a ChatGPT, spingendo OpenAI a rispondere rapidamente bloccando l’accesso al suo strumento di intelligenza artificiale per la generazione di testo. Nonostante tutto, ha promesso il suo amministratore delegato Sam Altman La sua azienda segue “tutte le leggi sulla privacy”.

[Renta 2022-2023: el trucazo de ChatGPT para pagar menos en tu declaración]

Tuttavia, il paese transalpino non è l’unico paese preoccupato per la privacy, con le autorità di regolamentazione in Germania e Francia che iniziano a indagare su ChatGPT se decidono di imporre restrizioni simili. Ora ha anche contattato l’Agenzia spagnola per la protezione dei dati. Tuttavia, a differenza di quanto avvenuto in Italia, negli altri paesi non ci sono vincoli o limitazioni all’utilizzo di OpenAI. Di seguito descriviamo cosa succede in questo caso.

READ  La Germania ritira la causa contro l'Italia davanti all'ICJ

Cosa succede se un paese blocca ChatGPT?

Visto lo scenario presentato, molti si chiedono cosa accadrebbe se un paese bloccasse ChatGPT, un’intelligenza artificiale che attualmente sta riscuotendo un enorme successo con la registrazione. 10 milioni di utenti giornalieri entro 40 giorni dal lancio. È diventato il sito Web in più rapida crescita nella storia.

[Renta 2022-2023: el trucazo de ChatGPT para pagar menos en tu declaración]

Pertanto, milioni di persone si connettono ogni giorno a questo strumento, e anche se alcuni paesi lo bloccano, c’è un’opportunità per aggirare il divieto attraverso i servizi VPN, come osservato quando OpenAI ha geobloccato l’accesso al suo servizio in Italia.

Da quando il divieto è stato implementato il 1 aprile, i servizi VPN sono cresciuti in modo esponenziale, con dati di download superiori a quelli registrati prima del suo lancio. Servizi ChatGPT vietati nel paese transalpino.

Sebbene gli utenti possano utilizzare una VPN per aggirare il divieto cambiando il proprio indirizzo IP con uno non italiano, OpenAI ha spiegato che gli account ChatGPT originariamente registrati in Italia non saranno più disponibili, quindi dovranno creare un nuovo account non italiano. -IP italiana, meno male in cambio della continua fruizione di questo servizio. I dati mostrano che l’interesse italiano per le VPN è aumentato del 600%.

[ChatGPT lo tiene clarísimo: este es el castillo más bonito de toda España]

Una VPN è una rete privata virtuale, un software di sicurezza che falsifica la posizione reale dell’indirizzo IP di una persona e crittografa tutti i dati che lasciano il dispositivo. Da questa parte, Viene utilizzato per accedere a servizi vietati in un paese Lo strumento simula la presenza dell’utente in un altro sbloccato.

READ  La Procura italiana ha sbagliato a chiedere l'estradizione di Marta Lucia Ramirez per affari di aviazione militare

ChatGPT potrebbe tornare in Italia a fine mese

Come accennato, l’Italia è l’unico Paese in cui l’uso di ChatGPT è vietato, ma questo divieto potrebbe finire presto, in quanto il GPDP ha concesso a OpenAI tempo fino al 30 aprile per ottemperare a una serie di requisiti relativi alla privacy. Se è conforme ai requisiti del regolatore, Lo strumento può essere restituito in Italia.

[Fake news, manipulación y hackeos: cómo ChatGPT es un “profundo riesgo para la Humanidad”]

“Il garante italiano sta riconsiderando la sua decisione e non vediamo l’ora di lavorare con loro per rendere ChatGPT nuovamente disponibile per i nostri clienti in Italia”, hanno affermato da OpenAi. Tra i requisiti richiesti, OpenAi deve fornire la possibilità di eliminare o modificare questi dati e pubblicare informazioni sul proprio sito Web su come e perché tratta le informazioni personali di utenti e non utenti.

Allo stesso modo, OpenAi deve fare affidamento sul consenso o su un “interesse legittimo” per utilizzare i dati personali per addestrare gli algoritmi ChatGPT. L’azienda è tenuta a verificare l’età degli utenti e la configurazione del sistema di filtraggio. Bambini di età inferiore ai 13 anni e adolescenti di età compresa tra i 13 e i 18 anni senza il permesso dei genitori. Se tutti questi requisiti saranno soddisfatti, l’autorità di vigilanza italiana innalzerà il limite temporaneo dei suoi cittadini a ChatGPT.