Marzo 5, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cos’è USB-C, la presa di ricarica che ha sostituito il cavo Lightning di Apple?

Cos’è USB-C, la presa di ricarica che ha sostituito il cavo Lightning di Apple?

LONDRA (AP) – Apple sta abbandonando il cavo Lightning e la presa di ricarica per iPhone, allineandosi al resto del settore tecnologico adottando USB-C, uno standard di connettività più ampiamente utilizzato. Ciò è in gran parte dovuto allo standard di carico comune dell’UE che sarà presto implementato in tutto il blocco dei 27 paesi.

Ecco uno sguardo al connettore USB-C e cosa significa per i consumatori:

Cos’è USB-C e come posso distinguerlo dalle altre prese?

La prima parte dell’abbreviazione sta per Universal Serial Bus e sostituisce le versioni precedenti dei cavi USB utilizzati in qualsiasi cosa, dalle stampanti e dischi rigidi ai mouse dei computer e ai lettori Kindle.

Il connettore USB-C ha una forma ovale allungata, che si differenzia dai suoi predecessori. È anche simmetrico e reversibile, il che elimina una critica comune alle versioni precedenti, come i connettori USB-A rettangolari, perché non esiste un modo sbagliato di collegarlo.

Cosa c’è di così bello nell’USB-C?

I cavi USB-C possono fornire più potenza, consentendo ai laptop di caricarsi più velocemente, e consentono velocità di trasferimento dati più elevate, consentendo di copiare grandi quantità di file da un computer a un disco rigido esterno. Allo stesso tempo, possono inviare un segnale video al monitor e fornire alimentazione agli accessori collegati.

Anche il connettore USB-C è progettato pensando al futuro. L’aspetto non cambierà, ma le nuove versioni e i dispositivi a cui si connettono includeranno funzionalità migliorate. Ciò significa che gli utenti devono fare attenzione, poiché i dispositivi più vecchi potrebbero non essere compatibili con le specifiche più recenti.

È anche più sottile dei connettori USB-A, quindi si adatta meglio ai dispositivi nuovi e più piccoli.

READ  “Molte persone verranno licenziate”. La nuova intelligenza artificiale che Xbox utilizzerà nei giochi avrà gravi conseguenze secondo i doppiatori

Perché Apple lo usa?

Apple difende da tempo il suo connettore Lightning per iPhone, anche se quasi nessuno lo utilizzava. L’azienda si è opposta fermamente alla richiesta dell’Unione Europea di un dispositivo di ricarica comune per tutti, affermando che ciò limiterebbe l’innovazione e, in ultima analisi, danneggerebbe i consumatori.

Il gigante tecnologico californiano ha mantenuto la sua posizione anche se altri hanno iniziato ad aggiungere connettori USB-C ai propri dispositivi. Ma dopo che la proposta dell’UE ha ricevuto l’approvazione fondamentale lo scorso anno, Apple ha ceduto e non ha guardato indietro.

Un dirigente dell’azienda che ha recentemente presentato l’ultimo iPhone non ha menzionato il cavo Lightning quando ha presentato il suo sostituto.

“USB-C è diventato uno standard accettato a livello globale, quindi stiamo introducendo USB-C su iPhone 15”, ha affermato Kayann Drance, vicepresidente iPhone Product Marketing.

Drance ha spiegato che USB-C “è stato integrato nei prodotti Apple per anni” e ora può essere utilizzato su MacBook, iPad, iPhone e AirPods.

Che ruolo ha giocato l’Europa?

Il cambiamento di Apple è un esempio di come le normative UE finiscono per avere effetti a catena in tutto il mondo – noto come “effetto Bruxelles” – poiché le aziende decidono che rispettare queste regole è più semplice che realizzare prodotti diversi per regioni diverse.

L’Unione Europea ha trascorso più di un decennio a esercitare pressioni sull’industria tecnologica affinché adottasse uno standard comune per i dispositivi di ricarica. La spinta per standard uniformi per i cavi fa parte di un impegno più ampio volto a rendere i prodotti venduti nell’UE più sostenibili e a ridurre i rifiuti elettronici.

READ  La mod trasforma Tekken in un gioco di combattimento di Elden Ring

Lo standard di ricarica comune dell’UE non entrerà in vigore fino all’autunno del 2024. Copre telefoni, tablet, e-reader, cuffie, fotocamere digitali, auricolari, console per videogiochi portatili, tastiere, mouse, altoparlanti portatili e dispositivi di navigazione.

Stabilisce inoltre lo standard per la tecnologia di ricarica rapida e offre ai consumatori il diritto di scegliere se acquistare nuovi dispositivi con o senza caricabatterie.