Aprile 18, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Daniel Ortega descrive il presidente ucraino come un “nazista” e critica l’Unione europea

Daniel Ortega descrive il presidente ucraino come un “nazista” e critica l’Unione europea

“In questo incontro che l’Unione Europea ha avuto con la Comunità degli Stati latinoamericani e caraibici, hanno voluto includere il fascista, il presidente nazista dell’Ucraina, che era lì”, ha detto Ortega in un discorso all’evento principale in occasione del 44° anniversario della vittoria della rivoluzione sandinista, e poi ha fatto una dichiarazione senza consenso sull’Ucraina.

Il vertice di Bruxelles tra Unione Europea e Gruppo dei Paesi latinoamericani e caraibici si è concluso martedì con una dichiarazione che esprimeva “preoccupazione” per la “guerra contro l’Ucraina” ma evitava di fare riferimento alla Russia, dopo faticosi negoziati che non hanno raggiunto un consenso con il Nicaragua.

“C’è un principio in questi incontri”, ha detto Ortega in un discorso che è durato più di un’ora e mezza.

Ha aggiunto che l’Unione Europea ha rifiutato di includere la sospensione delle sanzioni economiche contro Venezuela e Nicaragua nell’accordo basato sulla copertura.

Ortega ha aggiunto: “Abbiamo proposto di mettere l’accordo anche lì, chiedendo la fine della politica di aggressione e sanzioni di Cuba contro, prima di tutto, Venezuela e Nicaragua. Non hanno accettato di annettere Venezuela e Nicaragua”.

Migliaia di giovani in camicia bianca e decine di illustri ospiti hanno partecipato alla cerimonia nella Plaza de la Dignidad Nacional di Managua, dove hanno sventolato la bandiera rossa e nera del Fronte Sandinista di Liberazione Nazionale (FSLN).

Lode a Gheddafi

Alla cerimonia, Ortega ha elogiato il leader libico ucciso Muammar Gheddafi, che “è stato di supporto in quella regione e ha difeso l’unità dei popoli arabi”.

Dopo aver notato che gli Stati Uniti ei loro alleati europei avevano “distrutto la Libia”, ha detto: “Non possiamo dimenticare Gheddafi (…), ha espresso la sua solidarietà al Nicaragua e ci ha offerto solidarietà incondizionata”.

READ  Immigrati alle porte degli Stati Uniti sotto il freddo

Ortega ha anche esortato il suo omologo colombiano, Gustavo Petro, a cercare “un modo per formare un accordo” sul confine dopo la sentenza della Corte internazionale di giustizia, che la scorsa settimana ha respinto una richiesta del Nicaragua di estendere la sua piattaforma offshore.

“Nel miglior spirito di pace e comprensione, invio questo messaggio al presidente Petro”, ha aggiunto Ortega, dopo aver ricordato una sentenza dell’Aia del 2012 che ha approvato la rivendicazione del Nicaragua su 75.000 chilometri quadrati di territorio nei Caraibi.

Ha anche criticato più volte gli Stati Uniti.

festeggiamenti

Da martedì sera, migliaia di sostenitori del governo Ortega hanno preso parte a una veglia culminata mercoledì mattina presto con i fuochi d’artificio, in occasione del 44esimo anniversario della vittoria della rivoluzione sandinista.

Il posizionamento in Plaza La Vie, di fronte al lago Managua, ha preceduto l’atto centrale di Ortega, che ha guidato il governo sandinista negli anni ’80 ed è tornato al potere nel 2007.

“Celebriamo 44 anni della rivoluzione, 44 anni dopo che il popolo nicaraguense ha continuato i sentieri della pace, dell’amore, del progresso, dell’istruzione e della salute, 44 anni della rivoluzione”, ha detto all’AFP l’attivista sandinista Carlos Lopez, 59 anni.

Bande musicali hanno ravvivato la veglia e migliaia di persone hanno sventolato la bandiera rossa e nera dell’FSLN.

Gli eventi dell’anniversario della rivoluzione iniziarono l’11 giugno in tutto il Paese a causa dell’impresa dell’allora milizia di sinistra del Fronte Sandinista di Liberazione Nazionale, che rovesciò il dittatore Anastasio Somoza il 19 luglio 1979.

“Viviamo in libertà, con grande prosperità, pace, e questa è la cosa principale, abbiamo molti progressi, molti ospedali, molte strade, molte università, possiamo vivere in pace e libertà”, ha detto all’AFP Veronica Garcia, 60 anni.

READ  La Russia chiede all'Ucraina di estradare le persone coinvolte negli attacchi dell'Escambray

Ortega afferma che le proteste sono state un tentativo di colpo di stato sponsorizzato da Washington.

Alcuni leader sandinisti che hanno preso parte alla rivoluzione hanno accompagnato le proteste del 2018 e hanno subito sanzioni governative, tra cui deportazione, privazione della cittadinanza e confisca dei beni.