Settembre 30, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I produttori tessili scelgono materie prime vicine a causa del prezzo del cotone – mercantile

I prezzi della principale materia prima del settore tessile, il cotone, sono aumentati notevolmente dall’inizio dell’epidemia. Nello specifico, secondo i dati raccolti dalla Banca Mondiale ad aprile, il suo costo è aumentato significativamente negli ultimi 23 mesi. Inoltre, l’organizzazione internazionale osserva che “i prezzi del cotone dovrebbero aumentare di circa il 40% nel 2022, prima di diminuire del 6% nel 2023 quando i problemi correlati scompaiono”. Si riferisce al leggero calo della produzione in Cina e India, due dei maggiori paesi produttori di questa materia prima, a causa delle difficoltà climatiche. Di fronte a questo dilemma, i produttori tessili stanno scegliendo tessuti che richiedono meno elettricità e sono prodotti in regioni più vicine per mitigare l’impatto del cotone, dei prezzi dell’energia e dei trasporti. “Finché ci sarà un problema di domanda e offerta, il settore dovrà cercare alternative”, afferma Gonzalo Sainz, co-fondatore del mercato delle eccedenze tessili Recovo.

“Questa crisi non avrebbe colpito molto l’industria tessile se avesse avuto una produzione locale”
Gonzalo Sainz Co-fondatore di Recovo

Per quanto riguarda la stagione 2020-2021, “molti prodotti non sono stati consegnati completi o in tempo, i marchi hanno dovuto riuscire a offrire prodotti alternativi e ricorrere a stock di tessuti da fornitori che sono stati in grado di consegnare in tempo”, hanno affermato dalla società di vendita di tessuti stampati per i costumi da bagno TextilöTTA, e aggiungere che nella maggior parte dei casi non è stato possibile trasferire sul consumatore l’aumento del costo delle materie prime. “E nel 2022 la situazione rimane abbastanza instabile a causa del costo dell’energia in alcuni casi, della bassa produttività delle materie prime e dell’instabilità causata dal conflitto tra Ucraina e Russia”, hanno proseguito, che ha colpito molti paesi vicini che hanno un abbigliamento di grandi dimensioni industria manifatturiera.

READ  El Corte Inglés e Tendam miglioreranno la loro redditività nel 2022, ma meno che nel 2019 | comp

Nel caso del marchio di abbigliamento Desigual, ogni anno implementano una politica dei prezzi e le loro stagioni iniziano da zero. “L’idea non è di avere un impatto diretto perché conosciamo la complessità di trasmettere questo al cliente finale e cerchiamo di gestirlo nel modo più conveniente possibile in modo che i prezzi non vengano trasferiti direttamente”, afferma IT & Supply dell’azienda Responsabile della catena, Daniel Munoz. Dal momento che non è un prodotto continuo, i vestiti sono diversi ogni anno: “Non vedrai un aumento di prezzo ogni anno perché si tratta di prodotti diversi”, spiega.

Ad oggi, l’alternativa più economica è il lino. “Grazie a nessun processo di finitura richiesto, il lino consuma meno elettricità nella sua produzione e, quindi, il prezzo è rimasto più stabile”, spiegano da Recovo. Infatti, è già possibile notare un aumento degli abiti realizzati con questo materiale nelle ultime collezioni dei principali marchi di moda. È difficile prevedere una riduzione del consumo di cotone perché “rappresenta quasi un quarto dell’intera produzione annua di fibre tessili”, secondo Gonzalo Sainz (Ricovo), anche se TextilöTTA ritiene che “se il consumatore finale non è così esperto, non impegnativo, e i marchi vedono che utilizzando tessuti diversi a un prezzo migliore vendono lo stesso, è molto probabile che la sostituzione sarà graduale fino a diventare definitiva”. Per questo motivo, “designer famosi utilizzano già tessuti di bassa qualità in alcune delle loro linee di collezione, ma il fatto che tengano la loro etichetta è sufficiente per un acquirente alle prime armi per ottenere i modelli”, hanno detto.

Cerca alternative alla convergenza
Sebbene l’Asia sia ancora la principale fonte di produzione, l’industria tessile ha iniziato a spostare i propri fornitori per mantenere i margini di profitto e la redditività. Hanno spiegato da TextilöTTA che “molti prodotti sono stati colpiti dalla scarsità del tessuto, e hanno dovuto cercare alternative locali, con il rischio di non trovare lo stesso materiale e di dover reperire altre alternative per la produzione”. Da Rykovo affermano che “se l’industria si affidasse alla sua produzione sul modello di prossimità, allora questa crisi non avrebbe un effetto così chiaro”. Attualmente i principali produttori di cotone sono Cina, India, Stati Uniti, Brasile, Pakistan e Australia, mentre i produttori di lino sono concentrati in Europa (Regno Unito, Francia, Belgio e Paesi Bassi) e Canada.

“Stiamo cercando di garantire che l’aumento del prezzo dei tessuti abbia il minor impatto possibile sui costi”
Daniel Munoz IT & Supply Chain Manager presso Desigual

Tutto dipende dal modello di produzione: “Lavoriamo più a lungo di quanto il fast fashion possa richiedere”, spiega Daniel Muñoz (Desigual), un approccio che consente loro di negoziare con i fornitori di materie prime “in modo meno teso e meno reattivo sui prezzi. Allo stesso tempo, . Iniziano a gestire le proprie materie prime e, se sanno che diventerà più costoso nel prossimo futuro, vanno avanti e aumentano le scorte in Asia. “Cerchiamo di avere il minor impatto possibile sia sui nostri costi che sul cliente finale”, ma “non è facile da gestire perché non solo cotone, è anche il costo del trasporto navale che è raddoppiato in sei o sette rispetto a un anno e mezzo”.

READ  Come includerlo nei portafogli, insieme a Goldman Sachs AM

Il costo aggiuntivo dell’abbigliamento riportato sul prezzo finale di vendita è quello derivante dall’utilizzo del cotone biologico: “Ci sono un gran numero di marchi che segnalano un prodotto ecologico e ipoallergenico e altri che acquistano solo cotone biologico con tutto il necessario certificazioni e non sostituiranno in alcun modo tale norma con altri materiali”, come confermano da TextilöTTA. È il caso di Primark e del suo programma per il cotone sostenibile, che è stato recentemente ampliato dell’80% per formare 275.000 agricoltori entro il 2023 con l’obiettivo di aumentare del 60% la quantità di questa materia prima per i prodotti di filiera irlandesi. Dicono dell’azienda “Il cotone costituisce oltre il 50% delle nostre gamme di abbigliamento e, sebbene nell’ultimo anno abbiamo assistito a un aumento del prezzo del cotone, in particolare biologico, ci impegniamo a garantire che siamo leader di prezzo e che sono accessibili su base giornaliera.”

Il prezzo del lino è rimasto più stabile perché consuma meno elettricità nella sua produzione

Per quanto riguarda il fatto che l’industria della moda stia facendo scorte per far fronte a queste complessità, TextilöTTA indica la possibilità che i fornitori delle grandi catene di distribuzione cercheranno di immagazzinare alcune delle qualità che sono sempre richieste”, ma visti i volumi con cui si occupano, non pensano di tenere le scorte. Gran parte di tutti gli articoli sono in attesa di ricevere ordini dai loro clienti. ” Desigual afferma che “l’eccesso di scorte è ciò che abbiamo imparato a non fare”. Ora, “quello che stiamo cercando di fare è lanciare acquisti, notificare, non fare affidamento sull’aereo per portare i vestiti, lanciare ordini prima, ma non aumentare l’inventario”, afferma Daniel Muñoz. Da parte sua, Gonzalo Sáenz (Recovo) consiglia di utilizzare i materiali “disponibili intorno a noi prima di prendere decisioni radicali” guidati dall’attuale contesto di mercato. “Il Riutilizza i tessuti già prodotti È una soluzione ideale a questo problema, poiché non sono interessati da questi costi aumentati”, aggiungono.

READ  La capacità ridotta e l'aumento dei costi minacciano la logistica dei veicoli - El Mercantil