sabato, Luglio 20, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Il divieto dei sacchetti di plastica è fallito in ogni senso.

Bloomberg – Ricordi che qualche anno fa molti posti accettarono di vietare i sacchetti di plastica? Smetteremo tutti di usarli? Sì, davvero.

Ebbene, invece di ridurre l’uso di polimeri e il conseguente inquinamento, il divieto delle borse della spesa usa e getta potrebbe esacerbare entrambi i problemi. Dopo il divieto del 2022, secondo uno studio condotto all’inizio di questo mese dalla società di ricerche di mercato Fredonia, l’uso di sacchetti di plastica nei negozi del New Jersey è triplicato, e le emissioni derivanti dalla loro produzione sono aumentate di circa il 41%.

Chiunque sia passato davanti a un registratore di cassa dopo il proibizionismo sa perché. Negli ultimi anni da molti negozi sono scomparse le borse per la spesa usa e getta realizzate con sottili fogli di polietilene. Invece, ora devi pagare centesimi e dollari per borse riutilizzabili realizzate in polietilene più spesso e lucido, polipropilene non tessuto tipo waffle, carta da imballaggio o fibre vegetali come cotone e canapa.

I benefici di questo cambiamento per l’ambiente sono, nella migliore delle ipotesi, minimi. Potrebbe addirittura peggiorare la situazione. La misura più importante non è il numero di sacchi utilizzati, ma la quantità di materiali consumati e quanto sono contaminati. Le borse di plastica monouso sono molto meno dannose in termini di emissioni di carbonio, inquinamento chimico, proliferazione di alghe e consumo di acqua rispetto alle borse riutilizzabili, naturali o sintetiche. Lo svantaggio è che ne usiamo molto, quindi l'ingombro complessivo sarà inferiore con quelli riutilizzabili.

READ  Il Barcellona cancella la quotazione di Barça Media, la sua società di contenuti, al Nasdaq Stock Exchange | Economia

Tuttavia, le prove suggeriscono che non funziona in questo modo. Secondo uno studio condotto dal governo danese nel 2018, i sacchetti di plastica riutilizzabili devono essere utilizzati 52 volte prima che il loro impatto ambientale diventi inferiore a quello dei sacchetti usa e getta, che arriva a 20.000 volte nel caso del cotone biologico. (I numeri sono più bassi se guardiamo solo all’inquinamento da carbonio: i sacchetti di carta devono essere riutilizzati tre volte, fino a 11 volte per il polipropilene non tessuto e 131 volte per il cotone, secondo uno studio del governo britannico.)

Il nostro crescente consumo di plastica utilizzata nelle borse della spesa suggerisce che non la stiamo riutilizzando a questo ritmo. Dopo il divieto del New Jersey, è stata consumata più plastica solo per le borse in polipropilene che per tutti i precedenti tipi di trasportini. Lo stesso è stato osservato dopo il divieto dei bagagli in California nel 2016 e una norma del 2011 a Canberra, la capitale australiana. Secondo Greenpeace, nel 2019 i supermercati del Regno Unito hanno venduto 1,58 miliardi di sacchetti di plastica riutilizzabili, il che equivale a più di un sacchetto per famiglia a settimana, con la stessa impronta ambientale per famiglia di centinaia o addirittura migliaia di sacchetti tradizionali.

Disegna un foglio che trasporta una nuova borsa

Il problema con i prodotti usa e getta è che le fotografie (spesso messe in scena) di tartarughe che soffocano nelle borse della spesa sono un’allegoria del degrado ambientale, rendendo le persone colpite capri espiatori di un’intera cultura di abbandono. Trasportando la spesa in sacchetti di carta, possiamo sentirci come se stessimo facendo una piccola vittoria per il pianeta, anche se la frutta, lo yogurt, il latte, le patatine e la carne nel sacchetto sono ricchi di idrocarburi.

READ  Ford inizia la produzione in serie del camion elettrico F-150 Lightning

C’è una montagna di idee sbagliate dietro questa convinzione. Ad esempio, le microplastiche – i minuscoli detriti che sono diventati così onnipresenti da apparire sempre più nei tessuti animali e umani – non hanno nulla a che fare con gli imballaggi. È molto probabile che i polimeri ingeriti provengano da fibre di abbigliamento, gomma di pneumatici, vernice e polvere di città.

Tessili, vernici e pneumatici sono la fonte di quasi tutte le microplastiche presenti nell’oceano

I rifiuti più grandi probabilmente non sarebbero influenzati in modo significativo dal divieto di trasporto. Circa il 98% del materiale raccolto in uno studio del 2018 sul Great Pacific Garbage Patch, un’area dell’oceano contenente circa 79.000 tonnellate di detriti galleggianti, era costituito da attrezzi da pesca e frammenti di plastica dura. Film e fogli, come quelli dei sacchetti della spesa, costituiscono circa lo 0,2% della massa totale, forse perché affondano rapidamente sul fondo del mare.

Schema spazzatura

Quasi nessuno di questi rifiuti è attribuibile agli Stati Uniti, per non parlare del New Jersey. La plastica marina proviene principalmente da fiumi brevi e dal corso veloce che attraversano grandi città a medio reddito che non possono permettersi di gestire adeguatamente i propri rifiuti. Circa l’81% dei polimeri oceanici proviene dall’Asia e più di un terzo viene emesso dalle sole Filippine, secondo un’analisi del 2021. Gli Stati Uniti, che producono lo 0,25% del totale, producono meno rifiuti marini di Panama o della Repubblica Dominicana .

READ  Il caffè ha abbassato il prezzo lo scorso anno
Grafico della responsabilità per i rifiuti di plastica negli oceani del mondo

Anche i dati raccolti dai sostenitori del divieto delle borse nel New Jersey hanno difficoltà a far sembrare che ne valga la pena. Un sondaggio del 2023 condotto dal gruppo no-profit Clean Ocean Action ha rilevato che le borse costituivano meno del 2% degli oggetti raccolti durante i giorni di pulizia della spiaggia, tra cui involucri di caramelle, tappi di bottiglia, filtri di sigaretta, cannucce, agitatori e persino bocchini. . Sono in inferiorità numerica.

Se il divieto è così inefficace, dovremmo abolirlo del tutto? Beh, forse no.

Le regole sembrano essere popolari. Dallo studio di Canberra è emerso che il sostegno al mandato è salito al 68% dopo la sua attuazione, un risultato abbastanza notevole nella storia del proibizionismo. In definitiva, tali leggi fanno solo una piccola differenza per l’ambiente, nel bene e nel male, ma incoraggiano tutti noi a pensare quotidianamente all’impatto dei nostri modelli di consumo sul mondo nel suo insieme, e forse anche a prendere decisioni più ponderate in futuro. . . .

Una soluzione migliore sarebbe quella di dare alle persone la possibilità di utilizzare borse usa e getta vecchio stile, a basso impatto climatico, e poi addebitare un prezzo scoraggiantemente alto a tutti i vettori, indipendentemente dai materiali di cui sono fatte, per indurre le persone a pensarci due volte. riguardo a farlo. Quindi metti giù la borsa. Materiali di consumo più economici nella spazzatura.

In definitiva, smaltire la borsa della spesa dopo un utilizzo è una scelta, non una necessità dettata dalla natura del materiale. Tuttavia, la persona che sta facendo di più per l'ambiente non è quasi certamente quella persona che porta con sé la propria borsa di cotone al 100%, ma piuttosto la persona che utilizza la sua sottile borsa usa e getta più e più volte, finché non si rompe.

Questa nota non riflette necessariamente l'opinione del comitato editoriale o di Bloomberg LP e dei suoi proprietari.

Maggiori informazioni su Bloomberg.com

Desideria Zullo
Desideria Zullo
"Educatore generale della birra. Pioniere del caffè per tutta la vita. Sostenitore certificato di Twitter. Fanatico di Internet. Professionista dei viaggi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles