Aprile 23, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il film documentario “La Habana de Fito” arriva a Malaga da Cuba per mostrare la vita e la carriera del musicista Vito Páez | Presente

Il film documentario “La Habana de Fito” arriva a Malaga da Cuba per esplorare la vita e la carriera del musicista Vito Páez

Alla prima al Teatro Echegaray erano presenti il ​​regista Juan Pin Villar e Alfredo Calviño, il produttore del film
Lungometraggio “La Habana de Fito” diretto da Juan Ben Villarproiettato nella sezione Documentari Ufficiali Fuori Concorso del Festival di Malaga, vuole rendere omaggio al musicista e compositore Rodolfo Páez, conosciuto come Vito Baez. Il versatile artista argentino alias Trovatore rock argentinoÈ considerato l'anima della musica rock nel suo paese e in tutta l'America Latina. Durante più di quarant'anni della sua carriera, Vito Páez ha dimostrato la sua versatilità con un'opera musicale composta da 28 album in studio, un maxi-singolo, quattro album dal vivo e dodici compilation, ed è stato regista, sceneggiatore, interprete e romanziere.

La sua carriera musicale lo ha portato ad essere associato a Cuba e all'Avana, e questa connessione è esattamente ciò di cui si è parlato nel documentario “La Habana de Fito”. Juan Pin Villar, il regista cubano, conosce Vito Páez da tempo e da una conversazione avuta è nata l'idea di questo progetto.

“Eravamo seduti sul balcone e abbiamo iniziato a parlare della vita. Così è stato, e alla fine, ci siamo resi conto che ognuno di noi stava scrivendo le fidanzate che aveva l'altro”, ha scherzato Ben Vilar nella discussione post-spettacolo, in al quale ha partecipato anche il produttore. Alfredo Calvino. Quindi abbiamo chiesto un dispositivo di registrazione in modo che la conversazione e la verità potessero essere registrate. Volevamo un registratore in modo che quella storia potesse essere raccontata ai nostri figli quando non c'eravamo più.

READ  Shakira e Jennifer Lopez sono tra le latine più ricche del mondo

Al posto di un registratore, hanno avuto una macchina fotografica e anni dopo, quando hanno visto quel materiale, hanno deciso di recuperare materiali d'archivio di diverse istituzioni e filmare un documentario che vuole essere un riassunto di ciò che hanno vissuto tra il 1959 e il 1989, anni in cui Cuba ha vissuto il cambiamento che loro stessi hanno vissuto. “Cuba non sarà mai la Cuba che ho vissuto io o la Cuba che ha vissuto Vito Páez.” Il nastro, della durata di un'ora, offre la visione che entrambi avevano di Cuba, cosa è successo e cosa hanno vissuto entrambi.
Juan Pin Vilar è un regista, scrittore e produttore cinematografico che ha conseguito un master in Storia dell'arte presso l'Università dell'Avana. Per più di un decennio ha diretto programmi televisivi cubani, trasmessi anche in Messico e negli Stati Uniti. Produce e dirige programmi musicali e documentari su celebrità della cultura latinoamericana. Ha vissuto a Cuba e in Messico. Oltre a fiction, video di concerti e serie TV, nel 2017 ha diretto il documentario Pablo Milanes, vincitore del Premio Lucia all'IFF di Jepara.