Maggio 19, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il presidente del Messico critica gli Stati Uniti in tournée in Centroamerica

Il presidente del Messico, Andres Manuel Lopez Obrador, giovedì ha iniziato un tour di cinque giorni in Centro America e Cuba, attaccando il governo degli Stati Uniti. Ha duramente criticato i funzionari per aver inviato miliardi di dollari in Ucraina e per aver ritardato gli aiuti allo sviluppo in America Centrale.

Nella sua prima tappa nel vicino Guatemala, il presidente messicano ha chiesto la cooperazione di Washington per affrontare la povertà e la disoccupazione che stanno portando decine di migliaia di guatemaltechi a nord, al confine con gli Stati Uniti. López Obrador era arrabbiato per il fatto che gli Stati Uniti avessero rifiutato le sue richieste di aiutare a espandere il suo programma di riforestazione nella regione.

“Sono due cose diverse e non vanno confrontate (…) ma sono già stati approvati più di 30.000 milioni di dollari per la guerra in Ucraina e abbiamo trascorso quattro anni, da quando il presidente Donald Trump era qui, proponendo che fosse sostenuta con $ 4.000 milioni e fino ad oggi niente Assolutamente niente”, ha detto Lopez Obrador.

Sebbene abbia notato che si trattava di qualcosa di “inspiegabile”, il presidente ha indicato che avrebbe rispettosamente continuato a insistere sul fatto che gli Stati Uniti devono collaborare.

Il suo programma di punta, Sembrando Vida, paga uno stipendio mensile agli agricoltori per coltivare e prendersi cura degli alberi da frutto e del legname sulla loro terra.

Il Messico ha chiesto al governo degli Stati Uniti di contribuire a finanziare il progetto, cosa che non è ancora avvenuta. Lo stato sta promuovendo un altro programma di formazione professionale per i giovani nelle aziende, I giovani stanno costruendo il futuro. I critici affermano che entrambe le iniziative mancano di trasparenza.

READ  La polizia e i coloni israeliani hanno nuovamente preso d'assalto il luogo santo

Da parte sua, il ministro degli Esteri messicano, Marcelo Ebrard, ha affermato sui social media che gli incontri con il presidente del Guatemala, Alejandro Giamatti, e altre autorità si sono concentrati sullo sviluppo, la migrazione e il rafforzamento delle relazioni bilaterali.

Secondo Ebrard, il Messico rafforzerà il programma di rimboschimento nella provincia guatemalteca di Chimaltenango.

Questo è solo il terzo viaggio all’estero in più di tre anni per AMLO, come è noto alla gente, che spesso afferma che la migliore politica estera è una buona politica interna. Il tour offre anche al Messico l’opportunità di riaffermarsi come leader in America Latina e sarà ben accolto da alcuni leader sotto la pressione di Washington e altri accusati delle loro presunte tendenze antidemocratiche.

Geograficamente e figurativamente, il Messico si trova tra gli Stati Uniti e il resto dell’America Latina. Lopez Obrador ha evitato le critiche, risalenti all’amministrazione Trump, secondo cui la sua amministrazione sta facendo il lavoro sporco di Washington nel tentativo di fermare i migranti prima che raggiungano il confine.

In Centro America, il presidente sarà ricevuto in parte come inviato degli Stati Uniti per la politica dell’immigrazione.

In vista del Summit delle Americhe che si terrà a giugno a Los Angeles, il governo degli Stati Uniti ha cercato di trovare consenso su un approccio regionale alla gestione dei flussi migratori. Negli ultimi anni, un gran numero di centroamericani, così come haitiani, cubani, venezuelani, colombiani e immigrati di altri continenti, hanno attraversato il continente verso nord.

Una visita offre a Lopez Obrador l’opportunità di mostrare una certa indipendenza dagli Stati Uniti. Il presidente messicano ha criticato il suo blocco economico a Cuba, rilevando di aver detto ai funzionari statunitensi che nessun Paese dovrebbe essere escluso dal Vertice delle Americhe. Il governo di Joe Biden ha indicato che Cuba, Venezuela e Nicaragua non saranno invitati.

READ  Costa Rica in allerta per un aumento esponenziale dei casi di Covid-19

Da parte sua, Giamatti ha ricevuto pressioni da Washington per fare marcia indietro nella lotta del Paese contro la corruzione, un’importante campagna per l’immagine di AMLO in Messico.

Lopez Obrador visiterà anche El Salvador, Honduras e Belize, anche se la sua ultima tappa a Cuba sarà la più simbolica. Il suo presidente, Miguel Diaz-Canel, ha visitato il Messico lo scorso anno per partecipare a eventi che commemorano la sua indipendenza.