Febbraio 21, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il vertice amazzonico si conclude con un piano per proteggere le foreste, ma senza obiettivi misurabili

Il vertice amazzonico si conclude con un piano per proteggere le foreste, ma senza obiettivi misurabili

Un vertice amazzonico in Brasile si è concluso mercoledì con un piano d’azione per proteggere la foresta pluviale che è stato salutato come un passo importante per affrontare il cambiamento climatico, ma non conteneva impegni concreti a cui alcuni ambientalisti volevano porre fine.

I governatori e i ministri di otto paesi che condividono la regione amazzonica hanno firmato martedì una dichiarazione nella città brasiliana di Belém che delinea i piani per promuovere lo sviluppo economico dei loro paesi, impedendo al contempo che la continua distruzione della foresta pluviale “raggiunga un punto di non ritorno”.

Diversi gruppi ambientalisti hanno visto la Dichiarazione come una raccolta di buone intenzioni con pochi obiettivi misurabili e scadenze specifiche. Altri, invece, l’hanno elogiata e il Coordinatore dei Popoli Indigeni di Cuenca Amazonica — l’organizzazione che riunisce i gruppi indigeni della regione amazzonica — ha accolto con favore l’inclusione di due delle sue principali richieste.

“È importante che i leader dei paesi della regione abbiano ascoltato la bandiera e compreso l’appello della società: l’Amazzonia è in pericolo e non abbiamo molto tempo per agire”, ha dichiarato il WWF International Group in un comunicato. “Ma il WWF si rammarica che i paesi amazzonici, di comune accordo, non abbiano raggiunto un punto comune per porre fine alla deforestazione nella regione”.

Al vertice, mercoledì, erano presenti anche i presidenti della Repubblica Democratica del Congo e della Repubblica Democratica del Congo, l’inviato del presidente indonesiano e l’ambasciatore francese in Brasile in rappresentanza del territorio amazzonico francese della Guyana. Era presente anche un inviato dalla Norvegia, il maggior contributore al Fondo Amazon brasiliano per lo sviluppo sostenibile.

Mercoledì i rappresentanti nazionali hanno firmato un accordo simile a quello dei loro omologhi del giorno prima, anche se meno esaustivo. Né includeva obiettivi specifici e critiche per lo più rafforzate nei confronti dei paesi sviluppati per non aver fornito i finanziamenti su larga scala promessi per combattere il cambiamento climatico.

READ  L'America Latina ei Caraibi hanno individuato tre priorità regionali della FAO

Gli otto paesi presenti martedì – Bolivia, Brasile, Colombia, Ecuador, Guyana, Perù, Suriname e Venezuela – sono membri dell’Organizzazione del trattato di cooperazione amazzonica (ACTO) recentemente rivitalizzata, che spera nel fatto di presentare un fronte unito. Hanno una voce convincente nelle conversazioni ambientali globali che portano alla conferenza sul clima COP28 a novembre.

Il vertice avanza la strategia del presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva per aumentare l’interesse globale nella conservazione dell’Amazzonia. Incoraggiato dalla diminuzione del 42% della deforestazione durante i suoi primi sette mesi in carica, ha cercato sostegno finanziario internazionale per proteggere le foreste.

Parlando ai giornalisti dopo l’incontro di mercoledì, Lula ha criticato “le misure protezionistiche mal mascherate da preoccupazioni ambientali” che limitano le importazioni dai paesi in via di sviluppo, affermando che i paesi sviluppati dovrebbero mantenere le loro promesse di sostegno monetario per proteggere le foreste.

“La natura, che ha inquinato lo sviluppo industriale per 200 anni, chiede loro di pagare la loro parte in modo che possiamo rivitalizzare parte di ciò che è stato distrutto. La natura ha bisogno di soldi”, ha dichiarato Lula.

La regione amazzonica si estende su un’area grande il doppio dell’India. Due terzi di esso sono in Brasile e il restante terzo è condiviso da altri sette paesi e dalla Guyana francese. Storicamente, i governi l’hanno considerata un’area da colonizzare e sfruttare, con scarso rispetto per la sostenibilità e i diritti delle sue popolazioni indigene.

Tutti i paesi dell’Amazzonia hanno ratificato l’Accordo sul clima di Parigi, che richiede ai firmatari di fissare obiettivi per la riduzione delle emissioni di gas serra. Ma storicamente, c’è stata poca cooperazione transfrontaliera, che è stata minata dalla scarsa fiducia, dalle differenze ideologiche e dall’assenza di una presenza governativa.

READ  Il progetto di emendamento del Paraguay all'Accordo sull'istruzione con l'Europa

I membri di ACTO – che si sono incontrati solo per la quarta volta nei 45 anni di esistenza dell’organizzazione – hanno dimostrato martedì di non essere del tutto d’accordo su questioni cruciali.

Gli impegni per proteggere la foresta sono stati contrastanti. E la loro dichiarazione congiunta non includeva un impegno congiunto a porre completamente fine alla deforestazione entro il 2030, come alcuni avevano sperato. Brasile e Colombia hanno già preso questo impegno.

Alcuni scienziati affermano che quando il 20-25% della foresta sarà distrutto, le precipitazioni diminuiranno drasticamente, trasformando più della metà della foresta in una savana tropicale, con una massiccia perdita di biodiversità.

L’Observatório do Clima, una rete di dozzine di gruppi ambientalisti e sociali, così come Greenpeace e The Nature Conservancy, hanno lamentato la mancanza di promesse dettagliate nella dichiarazione.

“I 113 paragrafi operativi della dichiarazione hanno il vantaggio di riattivare un ACTO dimenticato e riconoscere che il bioma ha raggiunto un punto di non ritorno, ma non offrono soluzioni pratiche o un programma di azioni per evitarlo”, ha affermato l’Osservatorio. Clima in un comunicato.

La leader indigena colombiana Fanny Cuero, coordinatrice delle organizzazioni indigene nel bacino amazzonico, ha applaudito la dichiarazione per aver risposto a due delle sue principali richieste: il riconoscimento dei loro diritti sulle terre tradizionali e la creazione di un meccanismo per la partecipazione formale delle popolazioni indigene all’ACTO.

Bruna Santos, direttrice del Brazil Institute del Woodrow Wilson Center, ha affermato che il vertice ha dimostrato “un tentativo di impegnarsi con l’Amazzonia come parte di un’agenda regionale”, ma ha anche evidenziato ambiguità nelle priorità del governo brasiliano, anche per quanto riguarda l’esplorazione petrolifera .

READ  Miraflores | La San Isidro e La Brena: questa è la zona migliore di Lima in cui vivere se sei una madre o un padre single, secondo Amnesty International | Perù | evatt | le risposte

Il presidente colombiano Gustavo Petro ha criticato aspramente quella che dice essere l’ipocrisia di lottare per preservare l’Amazzonia mentre si promuove l’estrazione di petrolio.

Lula si è astenuto dal prendere una posizione definitiva sul petrolio, sostenendo che la decisione dipende da una questione tecnica. Nel frattempo, la Petrobras di proprietà statale ha esplorato la foce del Rio delle Amazzoni alla ricerca di petrolio greggio.

Nonostante i disaccordi, ci sono stati segnali di una maggiore cooperazione regionale e un crescente riconoscimento globale dell’importanza della regione amazzonica nel contenere il cambiamento climatico. I giudici hanno affermato che avere una voce collettiva – oltre a incanalare più soldi per ACTO – potrebbe aiutarlo a servire come rappresentante della regione sulla scena globale alla conferenza COP sul clima.

Anders Haug Larsen, direttore della difesa internazionale presso la Rainforest Foundation Norway, un organismo di difesa della foresta pluviale norvegese, ha affermato che i paesi amazzonici hanno ragione a chiedere più soldi ai paesi sviluppati e che la loro volontà politica di proteggere le foreste tropicali rappresenta un’opportunità storica.

Ha dichiarato che “con il piano di questo vertice e il continuo calo della deforestazione, è qui che la comunità internazionale dovrebbe investire i suoi soldi per il clima”.

___

La copertura climatica e ambientale dell’AP riceve il sostegno di diverse fondazioni private. AP è l’unico responsabile di tutti i contenuti.