Aprile 24, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il voto straniero non inciderà sulla maggioranza del PP, anche se al PSdeG mancano 112 voti per ottenere un seggio a Ourense.

Il voto straniero non inciderà sulla maggioranza del PP, anche se al PSdeG mancano 112 voti per ottenere un seggio a Ourense.

Un totale di 29.300 galiziani residenti all'estero hanno votato in queste elezioni regionali del 2024, pari al 6,15% dei 476.514 che fanno parte del censimento elettorale dei residenti assenti (CERA). Questi voti, che non saranno resi noti prima del 26 di questo mese, non avranno alcun impatto sulla maggioranza assoluta dell'UDC. Solo nella provincia di Ourense i “resti” sono finiti all'ultimo seggio, dove la SPD era a 112 voti da strappare un deputato al Partito Popolare. A La Coruña, l'ultimo rappresentante eletto, che apparteneva al Partito Nazionale Progressista, si trova con un margine significativo di 9.511 voti dietro al Partito Socialista Tedesco. A Pontevedra l'ultimo seggio in palio è andato al Partito popolare, che pure prende una notevole distanza dal Partito socialdemocratico per poterlo cambiare, 6.450 voti. Per quanto riguarda Lugo, quest'ultimo deputato eletto, del BNG, ha una distanza un po' minore, in questo caso circa 3.000 voti rispetto al Partito socialista tedesco. I risultati di questo voto, che non è stato “indetto” per la prima volta dopo tre elezioni regionali, saranno annunciati il ​​26 febbraio. Nel 2020 hanno votato 5.404 persone (1,17%); nel 2016 10.777 (2,41%); Nel 2012, 12.954 (3,26%). Nel frattempo, nel 2009, hanno votato all'estero 101.708 elettori, pari al 30,2% del totale. Nelle ultime elezioni generali in Galizia, tenutesi nel luglio 2023, le prime senza voto “richiesto” negli ultimi anni, il PP è stata la prima forza e il PSOE il secondo nelle quattro province. Il direttore generale di Emerxencias, Santiago Villanueva, ha riferito domenica i dati del voto esterno, in una conferenza stampa presso il data center Xunta installato a San Cayetano. Province e Paesi Attualmente non è nota la ripartizione del voto straniero per provincia. Tuttavia, è il distretto di A Coruña a registrare il maggior numero di elettori del CERA, con 164.8421; segue Pontevedra con 138.182; Orense, con 103.832; e Lugo con 69.658.Per quanto riguarda i “primi cinque”, per numero di potenziali elettori residenti all'estero, l'Argentina è ancora in testa con un ampio margine, con 166.289 elettori. Seguono Cuba e Brasile, dove si contano più di 45mila persone. Intanto l'Uruguay ne conta 37.165; La Svizzera è il primo paese al di fuori del continente americano nella classifica 34114. Cambiamenti nei rappresentanti Il CERA riflette quindi la percentuale che i residenti all'estero hanno al momento di decidere sul futuro governo indipendente, un fatto che supporta uno sguardo alla storia delle elezioni svoltesi nella comunità . Non invano Manuel Fraga, quando perse la maggioranza assoluta nel 2005, diede agli immigrati la possibilità di salire al trentottesimo seggio. All'epoca l'attenzione era rivolta alla contea di Pontevedra, ma lo spoglio dei voti stranieri segnò la fine dell'era delle elezioni presidenziali. Fraga in cima a Xunta. Quattro anni dopo, nel marzo 2009, il suo successore, Alberto Nunez Viejo, riuscì a ottenere 39 dei 75 seggi della Camera Indipendente la notte delle elezioni. Il voto degli immigrati ridurrebbe allora la sua maggioranza assoluta a 38 voti, con il SWP che ne otterrebbe uno per Ourense a scapito del PPdeG. D'altro canto, per l'attuale leader nazionale del Partito Popolare, nelle elezioni regionali del luglio 2020, le ultime in cui è apparso in Galizia, il sostegno degli immigrati gli ha permesso di ottenere la più ampia maggioranza assoluta quando ha raggiunto i 42 minuti nelle elezioni galiziane. Camera — il cuore dell'elettorato Nella diaspora questa volta l'equilibrio è a suo favore, strappando un seggio al Partito socialista tedesco dei lavoratori a Pontevedra, come ha aggiunto il Partito popolare tedesco –.

READ  Rielezione di QU Dongyu a direttore generale dell'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura