Novembre 28, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Jill lancia il suo spazio e mostra al PG cosa ha.

Di Bettina Maringo

Martin Gill ha incontrato ieri il suo più stretto gruppo di sindaci e funzionari per definire i dettagli finali dell’atto con cui presenterà oggi a Villa Maria il suo spazio politico e territoriale all’interno del peronismo regionale, ma con l’ampliamento di altri spazi.

Come questo giornale avanza una settimana fa, l’ex Segretario ai Lavori Pubblici per la Nazione è determinato a giocare elettivamente nel 2023 nell’ambito del ricambio generazionale di Cordoban PJ che potrebbe guidare Martin Llayrora come candidato per succedere al governatore Juan Schiaretti nella List de Córdoba. Gil non esclude nulla, chiede dibattito interno e dialogo all’interno del partito al governo per determinare le nomine, ma molti lo posizionano come un potenziale collega dell’attuale sindaco della capitale, che oggi non ha più nulla per l’obiettivo di mantenere governatore.

Per questo ruolo, ci sono molte liste incluse, dal suo omologo di Rio Cuarto, Juan Manuel Lamosas, dal vice Natalia de la Sota, dal ministro del governo Facundo Torres, a un uomo o una donna apartitici. Storici dello schiaettismo, tra cui la senatrice Alejandra Vigo, sottolineano i confini di Villamariense: appartiene al Frente de Todos e il Cordobesismo non ha nulla a che fare con questo spazio. La mossa municipale e aggiuntiva di BJ di oggi tenterà di cancellare questi limiti, anche se potrebbe esserci una presenza di funzionari del governo locale come “cani da guardia”.

L’intenzione non è quella di parlare di candidature ma di mostrare la portata e la capacità di raccogliere voti. Alle 16:00, all’American Hotel di Villa Maria, l’ex secondo in comando Gabriel Katopudis presiederà una sessione plenaria di sindaci, leader di comunità e leader interni che risponderanno a lui, alla presenza di leader estremisti, di quartiere e indipendenti . Parlano nel loro ambiente di 90 documenti confermati e chiave del Tribunale federale e con una richiesta di dialogo.

READ  Disney ti porta nello spazio per cena (ma senza lasciare la Terra)

La verità è che tutti gli occhi del panel così come la fronte dei todos saranno sulle dimensioni e sulla “geolocalizzazione” dei partecipanti. Domenica scorsa, per una diretta su Dia 7 trasmessa su Canale 10, Gill si è occupata di mostrare l’estensione regionale e il raduno di Natalio Graglia, da Villa Nueva, San Martin County; Enrique Mendes Paz, di Sintra, Unione; Carlos Guzman, di La Parra, Rio Primero; Matías Torres Sena, di Laguna Larga, Rio Segundo e Agustin Gonzalez, di Cruz Alta, provincia di Marcos Juarez. Hanno tutti un buon rapporto con Honeycomb o alcuni tratti con leader con peso. In effetti, la leadership regionale dell’AKP ha implementato procedure amministrative per la consegna di certificati per le posizioni ottenute nel recente accordo del partito, e “tutti e tutti” sono coinvolti, secondo l’AKP.

Nel caso del dipartimento di San Martín (dove Gil ed Eduardo Acastillo hanno accettato di dirigere), l’atto era a Tio Poggio, e non mancava nessuno: insieme a Oscar Gonzalez, Carlos Masi, Francisco Fortuna, Gil e Castillo, e il capo dell’Agenzia per la Cultura Nora Bedano. L’ala più importante di FdT, Schiaretti, non ha gradito quella foto.

Per questo, nello spazio del fronte, la domanda che verrà risolta questo pomeriggio è quale contributo all’atto generativo daranno i sindaci e i capi delle venticinque comunità al blocco del nuovo fronte peronista a Cordova, che è separato dal blocco dirigente e ha già un posto nel tavolo provincia-comune. Questa rottura, che fece di Carlos Caserio uno dei suoi promotori, fu un duro colpo per Césardom, che è attribuito al capitale politico rappresentato dai sindaci e dai loro alleati. Pochi giorni dopo questa notizia, i sindaci di schiarettisti e laryoristi del collegio elettorale strategico di Colón hanno incoraggiato la standardizzazione delle date elettorali per le elezioni comunali con date locali, nel caso di località che non hanno una propria carta organica. Pochi giorni dopo, Honeycomb ha convocato più di 350 presidenti dall’interno di tutte le parti per firmare il sostegno al piano di boicottaggio per 10.000 seed house per i settori vulnerabili. Erano tutti lì.

READ  Questa è la nuova teoria in fase di valutazione