Aprile 25, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Corte Suprema deciderà se Trump parteciperà al ballottaggio – Telemundo Miami (51)

La Corte Suprema deciderà se Trump parteciperà al ballottaggio – Telemundo Miami (51)

Washington – La Corte Suprema degli Stati Uniti ha accolto venerdì il caso relativo all'espulsione dell'ex presidente Donald Trump dalle primarie del Partito repubblicano in Colorado.

La decisione mette la Corte nella posizione di decidere una posizione nazionale sulla possibilità che Trump possa partecipare alle elezioni presidenziali del 2024 o se, al contrario, il ruolo che ha avuto nell’attacco al Campidoglio del 2021 lo renda non idoneo.

In una breve memoria giudiziaria, la Corte Suprema ha indicato di aver accettato il caso in questione e che i nove giudici avrebbero tenuto un'udienza pubblica l'8 febbraio per ascoltare le argomentazioni delle parti.

La richiesta della Corte Suprema di studiare il caso è arrivata dal team legale di Trump, che ha presentato ricorso contro una precedente decisione della Corte Suprema del Colorado.

Il 19 dicembre dello scorso anno, con una sentenza senza precedenti nella storia degli Stati Uniti, la Corte Suprema del Colorado ha stabilito che Trump non poteva partecipare alle primarie del Partito Repubblicano in quello Stato a causa del suo ruolo nell’attacco al Campidoglio.

Successivamente, il 28 dicembre, il Maine è diventato il secondo stato a squalificare Trump. In questo caso, la decisione è stata emessa dall'autorità responsabile dell'organizzazione delle elezioni in quel distretto, ovvero la segretaria democratica del Maine Sheena Bellows.

Anche il team legale di Trump ha presentato ricorso contro questa decisione, presa dal Segretario di Stato del Maine, in quel caso davanti alla Corte Suprema di quello Stato.

In entrambi i casi, le autorità hanno ritenuto che Trump abbia partecipato a un tentativo di “ribellione”, che lo squalifica dalle cariche pubbliche ai sensi dell’articolo III del Quattordicesimo Emendamento della Costituzione.

READ  Il candidato presidenziale di estrema destra francese parla con Trump

Questo emendamento fu approvato nel 1868, dopo la guerra civile negli Stati Uniti, con l'obiettivo di impedire l'arrivo al potere dei ribelli confederati del sud che avevano giurato fedeltà alla Costituzione e poi l'avevano tradita.

Queste decisioni, in assenza di una pronuncia della Corte Suprema degli Stati Uniti, riguardano solo gli stati del Colorado e del Maine, perché nel sistema federale americano ogni stato – e non la nazione – è responsabile dell'organizzazione delle elezioni.

Anche altri quindici stati, tra cui Oregon, Virginia, New York e Nevada, stanno decidendo se Trump può candidarsi alla presidenza.

Nel complesso sistema politico ed elettorale americano, dove gli stati organizzano le elezioni, anche se presidenziali, ogni stato ha le proprie leggi e regole, quindi richieste simili possono portare a risultati diversi.

È qui che la Corte Suprema diventa più importante, poiché la sentenza della Corte Suprema dovrebbe essere seguita in tutto il paese.

Sei dei nove membri della Corte Suprema sono considerati conservatori, tre dei quali sono stati nominati dallo stesso Trump durante il suo mandato, quindi sarebbe sorprendente se non fossero d'accordo con l'ex presidente.

Ma il fatto che alcuni di loro siano seguaci dell’”originalismo”, un movimento giuridico che chiede di interpretare la Costituzione così come è stata scritta dai Fondatori, mette in dubbio la futura decisione della Corte Suprema.

Anche se la sessione pubblica per studiare il caso si terrà l'8 febbraio, non si sa ancora quando la Corte Suprema emetterà la sua sentenza e non si sa fino a che punto si spingerà la questione.

Le elezioni primarie in Colorado e Maine sono previste per il 5 marzo.

READ  Il cellophane e la vita di Einstein - Juventud Rebeldi