Aprile 22, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Luna aveva vulcani simili a quelli sulla Terra

La Luna aveva vulcani simili a quelli sulla Terra

Gli scienziati hanno dimostrato che un grande vulcano sulla Luna era alimentato da una camera magmatica granitica molto più grande sotto la superficie, il processo vulcanico più simile alla Terra mai identificato sulla Luna. È stato scoperto nella regione di Compton-Belkovichi, che si ritiene sia un vulcano spento: nasconde ancora una grande fonte di calore nel sottosuolo.


Utilizzando un nuovo tipo di strumento a microonde, i ricercatori del Planetary Science Institute (PSI) negli Stati Uniti ne hanno scoperto le prove Un processo vulcanico sulla Luna è stato visto finora solo sulla Terra. Secondo il nuovo studio, recentemente pubblicato sulla rivista Nature, la scoperta è stata resa possibile dalle misurazioni delle orbite delle lune cinesi Chang’E 1 e 2.

Vulcani lunari e i loro misteri

Secondo i ricercatori, prima degli anni ’50 si credeva questo Crateri lunari Era associato ai vulcani. Tuttavia, gli studi associati alle missioni Apollo hanno cambiato questa prospettiva, dimostrando che quasi tutti questi crateri sono stati causati da impatti di rocce spaziali.

Nonostante ciò, nuove indagini hanno rianalizzato ciò che è possibile Vulcano lunare. “C’era un’abbondante attività vulcanica, con inondazioni basaltiche e sottili flussi di lava, che coprivano circa il 16% della luna, ma non molta attività intorno alla spessa lava silicea, che potrebbe formare qualcosa che chiamiamo un vulcano sulla Terra”, ha detto in una dichiarazione. comunicato stampa Matthew Siegler, capo del gruppo di ricerca.


Tuttavia, questa idea potrebbe iniziare a cambiare, secondo i risultati degli scienziati americani. utilizzando lo strumento scomponi lunghezze d’onda delle microondePiù a lungo dell’infrarosso, a bordo delle orbite cinesi Chang’E 1 e 2, siamo stati in grado di mappare le temperature del sottosuolo. Quello che abbiamo scoperto è che uno di questi vulcani sospetti, noto come Compton-Bilkowitz, brillava assolutamente alle lunghezze d’onda delle microonde”, ha aggiunto Siegler nella stessa dichiarazione.

READ  Google ha denunciato i truffatori per aver utilizzato il suo chatbot Bard

In sostanza, ciò significa che l’area è ancora calda, non necessariamente in superficie ma nel sottosuolo. L’unico modo per spiegarlo, secondo Siegler e il suo team, è attraverso Calore in eccesso proveniente da qualche parte sotto la crosta lunare, a grandi profondità. Successivamente, Compton Belkowitz Non solo questo era un vulcano in passato, ma continua anche a nascondere una grande fonte di calore sotto la sua struttura oggi.

Un vulcano lunare è simile a un vulcano terrestre

Le prove in superficie mostrano che questo vulcano probabilmente ha eruttato l’ultima volta 3,5 miliardi di anni fa, quindi il calore non proviene dalla lava fusa o qualcosa del genere, ma piuttosto da elementi radioattivi nella roccia ormai solida. L’unico tipo di roccia che contiene effettivamente abbastanza elementi radioattivi è granito.

Tecnicamente si chiama Batolite di granitoQueste strutture sono oggetti massicci di oltre 20 chilometri di diametro rispetto a prima lava sotterraneache non è mai esploso. I batoliti si trovano sotto catene vulcaniche, come le Ande in Sud America, e sono essenzialmente il “sistema idraulico” che li alimenta. Quando questi sistemi naturali si raffreddano, formano il granito. Il granito, quasi assente nel sistema solare al di fuori della Terra, è un tipo di roccia che è essenzialmente lava raffreddata che non ha mai raggiunto la superficie.


Pertanto, i dati ottenuti nel nuovo studio mostrano che un grande vulcano sulla superficie della luna si stava alimentando prima Camera magmatica in granito Si trova sotto di esso, ed ha un diametro di circa 50 chilometri: lo è Vulcani più simili a quelli osservati sulla Terra che sono stati finora stimati sulla Luna.

READ  Questo mostro Xiaomi è al momento il mio consiglio per circa 300 euro

riferimento

Rilevamento remoto di un bacino di granito lunare a Compton-Belkovitch. Matteo A Siegler e altri. Natura (2023). DOI: https://doi.org/10.1038/s41586-023-06183-5