Aprile 24, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le Nazioni Unite avvertono di una crisi alimentare senza precedenti a Gaza Notizia

Di fronte alla crisi umanitaria che i residenti della Striscia di Gaza stanno attraversando dopo più di 90 giorni di assedio israeliano, il capo della Missione di aiuto d’emergenza delle Nazioni Unite, Martin Griffiths, ha avvertito sabato che i residenti dei territori palestinesi si trovano ad affrontare condizioni senza precedenti. livelli di insicurezza alimentare mai registrati.

Leggi anche:

Condannano il lancio da parte di Israele di quasi 600 attacchi contro centri medici palestinesi

Griffiths ha fatto riferimento al numero di morti, feriti e attacchi agli ospedali da parte delle forze israeliane e ha affermato in una dichiarazione che la Striscia di Gaza è diventata un luogo di morte e disperazione.

Il funzionario delle Nazioni Unite ha aggiunto che nei territori palestinesi si sta verificando una catastrofe sanitaria pubblica, con malattie infettive che si diffondono nei rifugi sovraffollati.

Martin Griffiths ha sottolineato che circa 180 donne palestinesi “partoriscono ogni giorno in mezzo a questo caos”.

“Gaza è semplicemente diventata inabitabile. La sua gente è testimone di minacce quotidiane alla sua esistenza, mentre il mondo guarda”, ha detto Griffiths nella dichiarazione rilasciata dall'Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) in inglese.

Secondo i dati dell’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi (UNRWA), dall’inizio dell’assedio israeliano alla Striscia di Gaza sono circa 1,9 milioni le persone sfollate.

Secondo il Ministero della Sanità, più di 22.500 palestinesi sono stati martirizzati da quando Israele ha iniziato l’operazione militare aerea, marittima e terrestre contro la Striscia di Gaza.