Marzo 5, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’economia dell’Eurozona sta intensificando gli avvertimenti di recessione

L’economia dell’Eurozona sta intensificando gli avvertimenti di recessione

Gli indicatori dell'industria e dei servizi a dicembre prevedono una nuova contrazione del PIL dell'Unione nel quarto trimestre dopo un calo dello 0,1% nel terzo trimestre, una tendenza da cui la Spagna si sta allontanando.

Indipendentemente dalla sua profondità e durata (gli esperti prevedono un calo relativamente breve), tutto indica che l’Eurozona è già scivolata in una recessione tecnica dopo essersi contratta dello 0,1% nel terzo trimestre del 2023 e aver aggravato la sua recessione.Questa accelerazione nella stanza. Questo è ciò che prevede l'ultimo PMI composito dell'Eurozona, uno dei termometri più affidabili quando si tratta di valutare lo stato dell'attività economica. La sua diagnosi non è del tutto rassicurante, perché questo indicatore “predice la seconda contrazione consecutiva dell'attività totale della regione nel quarto trimestre”, afferma Cyrus de la Rubia, capo economista della Hamburg Commercial Bank, l'ente che promette di collaborare con Standard & Poor's Globale. PMI, che avverte che “sta suonando l’allarme recessione” nel blocco della moneta unica.

Il PMI composito dell’Eurozona (che misura l’attività industriale e dei servizi) ha raggiunto i 47,6 punti a dicembre. Sebbene sia lo stesso livello del mese precedente, è chiaramente al di sotto dei 50 punti che definiscono il confine tra espansione (sopra questo livello) e contrazione (sotto di esso), e continua per sette mesi consecutivi (da giugno) in territorio negativo. Gli indicatori mostrano cioè un continuo deterioramento dell’attività imprenditoriale a causa del calo della domanda di prodotti e servizi nell’area dell’euro, nel contesto di un forte aumento dei costi di finanziamento per combattere l’inflazione, che ha portato a un rallentamento dell’attività e diffondere il contagio all’occupazione, che a dicembre è nuovamente diminuita per la seconda volta in quasi tre anni. Sebbene il freddo sia iniziato nell'industria, il virus recessivo ha finito per vaccinare anche i servizi, il cui PMI ha raggiunto i 48,8 punti a dicembre, un decimo in più rispetto a novembre ma chiaramente in territorio di contrazione.

READ  Le azioni Dell cadono dopo le prospettive pessimistiche sull'ambiente aziendale

La debolezza del blocco è un riflesso della forte influenza che affligge le tre maggiori economie, Germania, Francia e Italia, che “sta ostacolando maggiormente l’attività economica nell’eurozona”. In effetti, i primi due prodotti hanno registrato una contrazione dello 0,1% nel terzo trimestre, mentre l'Italia ha registrato una crescita debole, pari allo 0,1%. Al contrario, la Spagna, la quarta economia più grande dell’euro, è emersa dal rallentamento osservato dalle sue controparti a dicembre e ha registrato un aumento della sua attività complessiva, sebbene Standard & Poor’s Global avverta che “l’espansione osservata in Spagna è stata marginale”. Questa ripresa è dovuta principalmente al settore dei servizi, il cui PMI è salito a dicembre, nel pieno della campagna natalizia e dei consumi, a 51,5 punti, mezzo punto in più rispetto a novembre, mantenendosi al di sopra del livello di 50. Il punto che separa crescita e sviluppo. Contrazione. Una buona performance che ha consentito la creazione di posti di lavoro (anche se comincia a rallentare) e ciò si è evidenziato nell’aumento dei nuovi ordini grazie soprattutto alla domanda interna, poiché “i nuovi ordini da parte dei clienti esteri sono diminuiti di nuovo a dicembre e al ritmo più elevato da allora Ottobre 2022.” Naturalmente, le assunzioni aggiuntive di dicembre si sono tradotte in un aumento del costo del lavoro, che le aziende hanno compensato aumentando i prezzi medi, che “sono aumentati al tasso più forte dallo scorso maggio”, il che potrebbe in definitiva alimentare le pressioni inflazionistiche.

La tenuta dei servizi contrasta con l'apparente debolezza dell'industria spagnola, scesa in dicembre a 46,2 punti, proseguendo nove mesi consecutivi di contrazione, con cali sia della produzione che dei nuovi ordini. Tuttavia, in un paese dei servizi come la Spagna, la resistenza del settore potrebbe essere sufficiente a mantenere viva la fiamma della crescita nel quarto trimestre, secondo S&P Global, dopo che nel terzo trimestre era cresciuto dello 0,3%. La domanda ora è quanto tempo potrà evitare gli effetti del rallentamento europeo un’economia come quella spagnola, che concentra il 53% delle sue esportazioni nell’Eurozona e oltre il 60% nell’Unione Europea nel suo complesso.

READ  Riparare l'equipaggiamento fa guadagnare punti in una battaglia "Net Zero".

Le assunzioni rallentano e la disoccupazione diminuisce nel 2024

Il mercato del lavoro spagnolo ha mostrato una notevole resilienza nel 2023, con 539.740 posti di lavoro creati quest’anno e un numero di disoccupati in calo di 130.197. La tendenza, però, punta già da mesi verso un rallentamento, che sarà più marcato nel 2024. È quanto avvertono gli esperti di Randstad, che, in assenza dell'EPA per il quarto trimestre, sarà pubblicato dall'Istituto Nazionale di Statistiche a gennaio. L’introduzione del 26 ottobre affermava che “gli alti livelli osservati negli ultimi mesi nella creazione di posti di lavoro indicano un rallentamento nella creazione di posti di lavoro”. Nel terzo trimestre del 2023 sono stati creati 209.100 nuovi posti di lavoro, con un aumento dell’occupazione del 3,5% su base annua, il tasso più alto degli ultimi quattro trimestri. Per il Randstad, “Questi livelli non sono sostenibili nel tempo e, quindi, stimiamo un rallentamento di questa dinamica nei prossimi mesi sia nella creazione di posti di lavoro che nella riduzione della disoccupazione”. La società di risorse umane conferma che quest'anno gli stipendi sono stati adeguati in media tra il 2% e il 3,5%, un valore leggermente inferiore all'inflazione, il che, a suo avviso, dimostra la cautela delle aziende riguardo al momento giusto per aumentare gli stipendi dei propri dipendenti. Secondo Randstad, tutte le attività vedranno un miglioramento dei livelli salariali, anche se la società ritiene che gli incrementi maggiori si registreranno nel commercio al dettaglio, nei servizi alle imprese, come marketing, vendite, finanza e risorse umane, nonché nella logistica e nei trasporti. Bancario e consulenza.

READ  Il prezzo di Fantom aumenta del 100% dopo il lancio del programma di incentivi FTM da 370 milioni di CoinTelegraph