Ottobre 16, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lula: “Con Bolsonaro il Brasile è diventato un paria internazionale”

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 ottobre 2021 – 09:33

Parigi, 7 ottobre (EFE). – L’ex presidente brasiliano Luiz Inazio “Lula” da Silva ha confermato che la possibilità di ripresentarsi è “molto alta” e considera prioritario cacciare l’attuale capo di Stato, Jair Bolsonaro. Dalle autorità accusa di aumentare la povertà nel Paese e di trasformarlo in un “paria internazionale”.

“Storicamente, la diplomazia brasiliana è sempre stata rispettata. Anche durante il periodo della dittatura militare, le relazioni del Brasile con il resto del mondo erano moderne e civili. Bolsonaro ha gettato tutto nella spazzatura”, ha detto Lula in un’intervista pubblicata dal quotidiano il Giovedi. Liberazione francese.

L’ex presidente accusa l’attuale capo di Stato di avere “nient’altro che gli occhi di (Donald) Trump e di inimicarsi Cina, Russia, Argentina, Bolivia, Cile…” Con lui, il Brasile è diventato un paria internazionale. E aggiunge: “Nessuno vuole riceverlo o riceverlo”.

L’ex presidente accusa Bolsonaro di “schiaffare tutte le norme civili stabilite dalla democrazia” e “sabotare le funzioni delle istituzioni create per proteggere l’ambiente e i nativi americani”.

“Per non parlare della crisi economica e sociale, con 116 milioni di brasiliani che soffrono di insicurezza alimentare e 33 milioni di disoccupati o condannati alla sottoccupazione”, aggiunge.

Crede anche che dovrà presentare una risposta davanti a un tribunale internazionale sulla sua gestione dell’epidemia, che ha definito un “genocidio” perché ha causato “molte morti che avrebbero potuto essere evitate”. Il Brasile ha subito 600.000 morti per COVID-19.

Sul punto di compiere 76 anni, anche se “con la forza di un uomo di 30”, Lula afferma che sta negoziando con i laburisti per scegliere un terzo mandato alle elezioni presidenziali del prossimo anno, perché il suo “leader politico non si fa vedere tutti i giorni”.

READ  Abbas ordina un attacco diplomatico contro il permesso agli ebrei di pregare nei locali delle moschee

L’uomo che ha vinto le elezioni presidenziali del 2002 e del 2006 è stato il favorito nei sondaggi dopo aver riconquistato il suo status dopo aver trascorso 580 giorni in prigione.

Lula ritiene che “la gente sia più povera ora” rispetto a quando era al potere e afferma di aver aumentato il salario minimo del 74% e ha aumentato il reddito dei poveri del 10%. “Questo ci ha permesso di espandere il mercato dei consumi e attrarre investimenti stranieri (…) e la mia formula è semplice: mettere i poveri nel bilancio e i ricchi nell’imposta sul reddito”, dice.

Per quanto riguarda la conservazione dell’Amazzonia, Lula si dice contrario al presidente francese, Emmanuel Macron, per quanto riguarda il suo status internazionale e si impegna a “invitare il mondo sviluppato a investire nella ricerca scientifica per beneficiare delle proprietà della biodiversità amazzonica nelle industrie farmaceutiche. e cosmetici”. EFE

lmpg / rcf / jgb

© EFE 2021. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi EFE, senza il previo ed espresso consenso di EFE SA, è espressamente vietata.