Marzo 4, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lula critica alla COP28 i paesi che “traggono profitto” dalle guerre

Lula critica alla COP28 i paesi che “traggono profitto” dalle guerre

Venerdì a Dubai, all’inizio del vertice sul clima COP28, il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva ha criticato i paesi che traggono vantaggio dalle guerre e, in questo senso, ha chiesto un maggiore ruolo di leadership per le Nazioni Unite.

“Dobbiamo credere di nuovo nel multilateralismo – ha detto Lula nel suo discorso – È incomprensibile che le Nazioni Unite, nonostante i loro sforzi, non siano in grado di mantenere la pace, semplicemente perché alcuni dei suoi membri traggono vantaggio dalla guerra”.

Il presidente ha sottolineato che solo l’anno scorso il mondo ha speso più di due miliardi di dollari in armi e che “questa somma può essere investita nella lotta alla fame e al cambiamento climatico”.

Ha chiesto: “Quante tonnellate di carbonio vengono emesse dai missili che volano nel cielo e cadono su civili innocenti, in particolare bambini e donne affamati?”

Cambiamento climatico

Venerdì Lula ha partecipato all’apertura di questo vertice e nel suo discorso ha anche sottolineato le sfide che l’umanità deve affrontare di fronte al cambiamento climatico.

Il leader progressista ha citato il premio Nobel per la pace Wangari Maathai, keniano, che ha detto all’attivista africano: “La generazione che distrugge l’ambiente non è quella che ne paga il prezzo”, riferendosi alle misure immediate da adottare.

Con il 2023 considerato “l’anno più caldo degli ultimi 125.000 anni” e siccità, inondazioni e intense ondate di caldo sempre più frequenti, Lula ha citato come esempi la siccità nell’Amazzonia brasiliana e gli uragani nel sud del Paese.

Ha sottolineato: “La scienza e la realtà ci mostrano che questa volta il conto è arrivato in anticipo. Il pianeta non aspetta più che il conto venga passato alla prossima generazione, ed è stanco degli accordi sul clima che non sono stati rispettati”.

READ  La Russia condanna le esercitazioni NATO

Per Lula, gli aiuti finanziari ai Paesi bisognosi non arrivano nonostante una retorica “eloquente” ma “vuota”, che richiede “azioni concrete” perché “la legge sul cambiamento climatico non è uguale per tutti, e colpisce prima i poveri”.

Il presidente, tornato il 1° gennaio per il suo terzo mandato, si è chiesto: “Quanti leader mondiali sono veramente impegnati a salvare il pianeta?”

Nel suo discorso, Lula ha citato la disuguaglianza come un ostacolo alla protezione delle risorse naturali e ha affermato che l’1% più ricco del pianeta emette la stessa quantità di carbonio del 66% della popolazione mondiale.

“Il mancato rispetto degli impegni assunti mina la credibilità del regime”, ha sottolineato Lula, esprimendo il suo rammarico per la mancata attuazione di impegni come quelli ottenuti con il Protocollo di Kyoto (1997) o gli Accordi di Parigi (2015).

Rimozione del carbonio

Al termine del suo discorso, Lula ha affermato che “il mondo è già convinto del potenziale delle energie rinnovabili” e ha chiesto un maggiore “dibattito” sulla lentezza della decarbonizzazione per creare un’economia meno dipendente dai combustibili fossili sul pianeta.

“Dobbiamo farlo con urgenza e in modo equo”, ha detto Lula, appena un giorno dopo che il Brasile aveva annunciato che avrebbe aderito all’OPEC+ a gennaio, un gruppo di 23 “petro-nazioni” che controllano il 40% delle forniture mondiali di petrolio greggio.

Il presidente brasiliano, che ha visitato l’Arabia Saudita e il Qatar prima di arrivare negli Emirati, dovrebbe incontrare venerdì prossimo a Doha il suo omologo della Guyana, Irfaan Ali, secondo fonti ufficiali brasiliane.

L’incontro bilaterale si svolgerà nel quadro delle interviste con altri capi di Stato e di governo che Lula condurrà a Dubai.

READ  Biden esclude l'invio di truppe in Ucraina se la Russia invade