Febbraio 28, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Malvone sbarca in Slovenia e spera di portare le sue empanadas in Germania, Francia e Italia.

Malvone sbarca in Slovenia e spera di portare le sue empanadas in Germania, Francia e Italia.

Malvone è nato sette anni fa con un obiettivo principale: Prendi un'empanada criolla Evocava direttamente il gusto di Buenos Aires. Non è questo il punto spagnolo Tipiche empanadas argentine, ma per ottenere quelle vere, ogni argentino che vive in Spagna deve essere un ambasciatore chiave del marchio.

Era l'idea dei suoi fondatori.Alessandro Polo e David Alvado, che hanno trovato un vero vantaggio in questo prodotto preferito della gastronomia argentina e che serve come piatto principale o antipasto oltre ad essere indispensabile in ogni celebrazione. Sulla base della crescita e dei numeri dell'azienda nel corso degli anni, l'hanno raggiunto.

L'azienda spagnola ha recentemente registrato una crescita delle vendite del 12% e un fatturato di 16,4 milioni di euro.. Si sono rivolti a centinaia di aziende e intendono continuare a crescere in Europa. Alejandro Polo, suo amministratore delegato, socio e cofondatore, analizza obiettivamente i dati dell'azienda e i suoi piani di espansione.

Domanda-2023 Cosa valuti i dati?

Risposta: Dato che è stato un anno molto impegnativo, i risultati sono incoraggianti. A livello aziendale, è stato l’anno più impegnativo che abbiamo avuto.

K. Un anno segnato dall’inflazione, soprattutto alimentare ed energetica. Due elementi che influiscono direttamente sul tuo business. Come ti ha influenzato?

R. Dalla produzione abbiamo raggiunto cifre a doppia cifra. Poi anche la parte logistica è costosa. Ottenere e spedire le nostre empanadas è costoso. Anche la questione salariale è diventata costosa. Abbiamo deciso di non aumentare il prezzo sapendo che ormai i consumatori hanno una sensibilità molto forte. La cosa più semplice da fare è aumentare il prezzo, potresti non notarlo a breve termine, ma a lungo termine è una zappa sui piedi.

K. Ma sicuramente questo avrebbe avuto un impatto diretto sui margini, sui margini, che sono già stati ridotti nel settore?

R. Assolutamente, ha assolutamente influito sui margini. Quindi, un grande traguardo per noi oggi è il lancio completo di un nuovo laboratorio che ci consentirà di automatizzare molti dei processi che prima eseguivamo manualmente. Ovviamente niente empanada, vengono incartate una ad una a mano, perché anche il cliente ha la percezione che si tratti di un prodotto molto artistico, e così è. Ma, ad esempio, il movimento delle empanadas dovrebbe avvenire in una sequenza automatizzata. Ad esempio, la pallettizzazione delle scatole stesse. Cerchiamo di automatizzare tutti i processi che non influiscono sulla qualità dell'empanada. Esattamente, senza incidere sui prezzi.

READ  Il Canada batte l'Italia nella sua seconda finale di Coppa Davis | Il calcio è fuori

K. Questo si traduce in meno dipendenti?

UN. È meno personale là dove non incide sulla qualità dell'empanada, perché oggi qualcuno trasporta i sacchetti da un posto all'altro o qualcuno sposta un carrello nel congelatore. Stiamo cercando di automatizzare questi tipi di processi attraverso la tecnologia.

K. Questo nuovo laboratorio, con un investimento di 6 milioni di euro, consentirà di avere la capacità produttiva necessaria per fornire empanadas a 500 negozi. È un obiettivo molto ambizioso, che tempistica hai fissato per raggiungerlo?

R. Beh, guarda, non abbiamo fissato una scadenza. Ciò che ci è successo finora in sei anni di esperienza è praticamente di frequentare un laboratorio all'anno. Ci siamo resi conto che stavamo crescendo così tanto che avevamo bisogno di costruire un nuovo laboratorio. Il problema che avevamo era che ci rendeva inefficienti. Quindi, raggiungere i 500 negozi non è qualcosa su cui vogliamo metterci pressione, ma abbiamo la capacità di averli. Perché quello che ci è successo è che quando inizi a negoziare con un master franchisee, è molto difficile avere un piano di espansione aggressivo in un paese europeo se non puoi garantire la produzione. Abbiamo creduto che la strada giusta fosse quella di creare un grande laboratorio.

K. Nel corso dell'anno il brand ha aperto 11 nuovi negozi, portandolo a 92 negozi; 89 in Spagna e 3 a Porto (Portogallo). Il 2024 sarà l'anno dei 100 negozi?

R. Senza dubbio quest'anno compiremo il centenario. In questi giorni ne abbiamo aperti due a Barcellona e la prossima settimana apriremo il primo store in Slovenia. Infatti nel primo trimestre, quando solitamente le aperture non sono molte, quest'anno qualche apertura ce ne sarà.

READ  Il progetto "Calatrava Volcanoes Geopark: Ciudad Real" è stato presentato alla European Geoparks Conference in Italia.

K. Qual è il tuo focus principale nel nostro Paese?

R. Catalogna. Siamo presenti ovunque tranne che in Estremadura, Galizia e Asturie. Ovviamente continueremo a crescere dove siamo già, ma l'obiettivo principale è il punto di riferimento che abbiamo in Catalogna. Per noi questi sono i negozi più redditizi del marchio. La categoria in Catalogna esiste da molti anni, poiché gli argentini hanno sempre vissuto principalmente in Catalogna. È chiaro che la nostra sfida è per il 2024, ma non abbiamo un numero specifico di negozi, il che significa che non copriremo quell'area.

D: Sei in Portogallo e questa settimana è stato aperto un negozio in Slovenia… quali posti vorresti raggiungere di più?

R. Beh, guarda, ora siamo in trattative aperte con Germania, Francia e Italia con diversi master franchise, ma non chiuse. Non sappiamo se apriremo in un paese, due o tre l'anno prossimo. Cerchiamo soprattutto un titolare principale con esperienza nel settore della vendita al dettaglio o della ristorazione. Vogliamo qualcuno che svilupperà per noi un piano di espansione in quel mercato.

D: All'interno della categoria, a quale pubblico si rivolge Malvone?

R. Puntiamo su spagnoli, turisti e argentini che rappresentano la parte principale delle vendite. È ben classificato nella categoria fast food. Siamo in una zona Premio Per chi cerca un prodotto di qualità superiore rispetto a quello che si trova in un fast food. Non siamo un prodotto economico, né vogliamo esserlo a causa del tipo di prodotti. Le farine che utilizziamo provengono dall'Italia, possiamo avvalerci di un produttore piccolo ed economico, sì, ma abbiamo fatto tante prove con questa qualità, ma non ci siamo riusciti. Andiamo a marchi molto specifici, cerchiamo una certa qualità e finora i consumatori la apprezzano. Sa che paga più di una pizza, ma rispetta quella qualità.

READ  Radio L'Avana Cuba | La Camera di Commercio di Cuba promuove investimenti e affari in Italia (+Foto)

K. Gran parte della vostra forte espansione deriva dal modello di franchising. Qual è il suo peso negli affari?

R. Ora abbiamo il 30% di negozi di proprietà e il 70% di negozi in franchising. Questa è una proporzione che vogliamo mantenere sempre, perché crediamo di far sì che il brand non perda la sua essenza. Alla fine della giornata siamo ancora quasi un affare da un centesimo, quindi è importante capirlo. A volte è facile mettersi nei panni del proprietario ed è difficile mettersi nei panni del proprietario. In questo caso abbiamo le stesse condizioni, il che ci aiuta soprattutto a comprendere meglio il modello di business. L'obiettivo a lungo termine è mantenere il 30-70, escludendo l'Europa, dove riteniamo che saranno al 100% franchisee primari.

K. Quale volume di affari prevedete di raggiungere quest'anno?

R. Speriamo di arrivare a 20 milioni di euro. Avevamo chiuso il precedente a 16,4 e quest'anno, se le cose andranno come pensiamo, speriamo di avvicinarci a 20.

D. Creando il tuo sito distribuzione A Malvone, hai intenzione di interrompere il tuo accordo con Clovo?

R. Siamo sposati esclusivamente con Clovo. Ma riteniamo di non poter controllare il trattamento dei dati. Ciò significa che non sappiamo quando un cliente acquista da noi una, tre o cinque volte. Per noi è essenziale poterli influenzare in modo diverso. con distribuzione Possediamo ciò che facciamo. Per noi è essenziale.