Marzo 4, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Marcelo Brogli ha parlato del suo futuro e ha ripercorso la partita finale del Mondiale Under 20 contro l’Italia

Marcelo Brogli ha parlato del suo futuro e ha ripercorso la partita finale del Mondiale Under 20 contro l’Italia

ESPN. com16 giugno 2023 alle 11:32 ETLettura: 5 minuti.

Marcelo Brogli ha commentato le emozioni generate dalla vittoria del Mondiale Under 20 in Argentina, ha detto cosa è più importante della vittoria del titolo e ha parlato del suo futuro. All’allenatore delle giovanili dell’Uruguay è stato anche chiesto se vorrebbe unirsi allo staff tecnico di Marcelo Bielsa.

“Emozioni dopo emozioni perché quando si esce per strada l’espressione dell’affetto è sorprendente, provocando, ad esempio, qualcosa di ammirevole nei bambini che non finisce mai di stupirmi. Si potrebbe pensare che prenda dimensioni da quanto è stato realizzato, ma è ancora un po’ più forte ogni giorno”.a cominciare dal riferimento a Broly Friday in un’intervista a “100% Sport” (Sport 890 Radio).

Al tecnico dell’Under 20 dell’Uruguay è stato chiesto se vorrebbe unirsi allo staff tecnico di Marcelo BielsaEFE

Ha aggiunto su ciò a cui stiamo assistendo in questi giorni: “Ci sono così tante sensazioni ed è costante, non ti rilassi, esci in strada e per tutto questo tempo, penso che sarà così per alcuni mesi. È un momento molto speciale e bellissimo, e abbiamo provare, come diciamo ai bambini, a godersela da un posto sano, perché anche loro ci fanno pensare che siamo Superman, quando in realtà siamo carne e ossa.”

“Il titolo di campione del mondo è il tetto, ma quello che ha creato questa squadra sub 20 è la definizione, anche prima del Mondiale. La cosa più ricca è stata la gente, l’inno nazionale, uscire dall’hotel verso lo stadio, c’erano cose che ci ha lasciato bruciare, l’energia delle persone e tutto ciò che ci dà più potere, abbiamo davvero sentito quell’energia e penso che sia stata la cosa più bella dopo il risultato, senza contare che è fantastico e passerà alla storia, ma tutto il resto era la cosa più importante”, ha sottolineato.

READ  Trasferimenti NBA 2024: tutti i trasferimenti, ritiri e spostamenti per ogni squadra

Il futuro allenatore dei Campioni del Mondo Under 20

Allo stesso tempo, Broly ha dichiarato di non aver ancora ricevuto un’offerta da nessun club: “L’unica cosa che ho è un incontro mercoledì con la Federcalcio uruguaiana. E quello che non posso rimandare è un viaggio in Spagna per visitare i miei genitori.

“La priorità è con l’AUF, ascoltare cosa vogliono e cosa vogliono da me, al di là di tutto ciò che possono darmi, anche cercare un ritorno per contribuire con più cose. Se devo restare in nazionale, ho alcune idee per contribuire, soprattutto per lo sviluppo del calcio, delle giovanili e del miglioramento della nazionale”, spiega a Sport 890.

L’allenatore, che ha detto di non avere rappresentanti, ha convenuto che dovrebbe approfittare di questo buon momento della sua carriera, anche se ha notato che a volte nel calcio non sei dove meriti di essere, ma piuttosto dove ti mette lui.

“Penso che le cose sorgeranno a causa del modello di gioco, del modo in cui gioca la squadra, degli aspetti che sono stati apprezzati e della posizione dell’allenatore in una posizione importante”, ha detto.

Broglie ha dichiarato che per rispetto “non ci si può fermare da nessuna parte” nell’ipotetico scenario di dover sostituire Alfredo Arias, l’attuale allenatore del Peñarol, e ha confermato che nessuno dell’Orengro FC lo aveva contattato.

Poi ha escluso di entrare nello staff tecnico della prima squadra: “Ma non per Bielsa. Quando c’era Diego (Alonso) mi hanno chiesto la stessa cosa e non era mia intenzione. Voglio crescere come allenatore. Lo farei Mi piace imparare da Bielsa e vedere la sua formazione, ma preferisco avere il mio staff tecnico. Ascolto molto, ma mi piace prendere decisioni da solo, mi piace che la decisione finale sia mia”.

READ  Sandy Alcantara riceve il Premio Juan Marechal 2022

L’allenatore ha commentato che doveva andare questo martedì al Complejo Celeste e ha potuto parlare per qualche minuto con Bielsa: “Abbiamo avuto una bella chiacchierata. Ricevere complimenti da qualcuno come Bielsa è fantastico per qualsiasi allenatore. A parte il calore che ha avuto con me, è un ragazzo che analizza molto bene il calcio e sai che vede dettagli che forse pochi fanno.

“Ho iniziato a dirigere nelle scuole e all’università calcio, ho fatto l’assistente, poi ho lavorato in allenatore, in B, poi di nuovo in allenatore. Penso di aver avuto una carriera in crescita e a ritmi sostenuti, non voglio smetti di crescere e spero che un giorno sarò in posti importanti. “Prima classe”, ha detto.

La finale contro l’Italia e la presenza di Luciano Rodriguez come protagonista

Dopo aver battuto gli Stati Uniti nei quarti di finale, Cello Brogli ha detto di aver confermato che la squadra era pronta per cose importanti: “Italia, Stati Uniti e Inghilterra sono state le squadre più solide sia tatticamente che individualmente. Contro gli Stati Uniti abbiamo avuto vittime (Mathias Abaldo, Andrés Ferrari, Luciano Rodriguez) E giocatori molto importanti si sono presentati e hanno mostrato la loro faccia, e questo ti dà anche sicurezza.La consegna di estranei è stata assolutamente cruciale, se non avessimo trovato queste prestazioni in questi giocatori sarebbe sono stati impossibili.”

E ha sottolineato a proposito della vittoria finale sull’Italia con un gol di Luciano Rodriguez all’86’: “Penso che abbiamo avuto un grandissimo pregio che loro non hanno trovato il gioco interno che hanno fatto molti danni, sono stati veloci e corti contatti all’interno, ma in nessun momento hanno trovato quello spazio e sono stati sopraffatti dalla nostra pressione, che era molto strutturata e strutturata.

READ  Liverpool e Real Madrid si incontrano di nuovo in UEFA Champions League

“A volte ci siamo accorti che eravamo in vantaggio, ma il calcio è il calcio e quando non si segnano gol contro una squadra di quel tipo… non c’era un secondo di compiacimento perché era una squadra molto pericolosa”, ha detto il DT, che ha ricordato la sconfitta contro l’Inghilterra nella fase a gironi, ha insegnato loro che una piccola discrepanza può essere molto costosa.

“Quel livello di competizione ti fa crescere un po’, penso che i giocatori abbiano subito approfittato di lui e capitalizzato su di lui. Si è fatto carico delle cose che sono successe e siamo arrivati ​​a quella finale con molto apprendimento”, ha detto. .

Infine, Broglie ha detto che gli è sempre stato chiaro che Luciano Rodriguez sarebbe partito titolare in finale contro l’Italia dopo aver scontato due giornate di squalifica dopo essere stato espulso negli ottavi contro il Gambia.

Il tecnico ne ha spiegato le ragioni, all’inizio ha indicato di aver sempre preferito giocare con due ali, unica eccezione quella sollevata contro Israele, ma perché non aveva più indicazioni da chiedere (l’unica era Juan Cruz de los Santos, visto che Anderson Duarte e Nicolas Seri hanno trovato posto lì dentro).

“Nemmeno io ne ho mai dubitato perché Luciano è un giocatore molto importante che ci dà molta verticalità e ha un gol che è più di quello che non ha segnato ai Mondiali fino alla finale. Era anche una persona nuova che ha raggiunto la finale in modo straordinario ed era molto motivato”, ha affermato.