Aprile 24, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Non esistono armonie musicali universali

Non esistono armonie musicali universali

L’intonazione e l’accordatura degli strumenti musicali hanno il potenziale di manipolare il nostro apprezzamento dell’armonia, e una nuova ricerca dimostra che mette in discussione secoli di teoria musicale.

Secondo l'antico filosofo greco Pitagora, “l'armonia” (una piacevole combinazione di toni) avviene attraverso relazioni speciali tra numeri semplici come 3 e 4. Recentemente, gli scienziati hanno cercato di trovare spiegazioni psicologiche, ma per questi “rapporti perfetti”. A loro viene ancora attribuito il merito di rendere bello il suono della corda e si ritiene che la sua deflessione renda la musica “dissonante” e sgradevole.

Ma i ricercatori dell’Università di Cambridge, Princeton e del Max Planck Institute for Experimental Aesthetics hanno scoperto due modi principali in cui Pitagora si sbagliava.

Il loro studio, pubblicato sulla rivista Nature Communications, mostra che nei normali contesti di ascolto, in realtà non preferiamo che le corde siano in queste proporzioni perfettamente matematiche.

Il coautore Dr Peter Harrison, della School of Music dell'Università di Cambridge e direttore del Center for Music, ha dichiarato: “Preferiamo leggere deviazioni. Ci piace un po' di imperfezione perché dà vita ai suoni e lo troviamo attraente”. Scienze.

I ricercatori hanno anche scoperto che il ruolo svolto da queste relazioni matematiche scompare se si considerano alcuni degli strumenti musicali meno familiari ai musicisti, al pubblico e agli accademici occidentali. Questi strumenti sono solitamente campane, gong, xilofoni e altri tipi di strumenti a percussione accordati. In particolare, hanno studiato il “bonang”, uno strumento gamelan giavanese costituito da una serie di piccoli gong.

“Quando usiamo strumenti come il bonang, perdiamo gli speciali numeri pitagorici e troviamo modelli completamente nuovi di armonia e dissonanza”, ha detto il dottor Harrison.

READ  Hanno presentato "Madija", uno spazio "tessuto" da studenti e insegnanti di comunicazione sociale

“La forma di alcuni strumenti a percussione fa sì che quando li colpisci e risuonano, le loro componenti di frequenza non rispettano quelle tradizionali relazioni matematiche. È allora che scopriamo che accadono cose interessanti.”

“La ricerca occidentale si è concentrata molto sugli strumenti orchestrali familiari, ma altre culture musicali utilizzano strumenti che, a causa della loro forma e fisica, sono ciò che chiamiamo ‘stonati’.”

I ricercatori hanno creato un laboratorio online in cui più di 4.000 persone provenienti dagli Stati Uniti e dalla Corea del Sud hanno partecipato a 23 esperimenti comportamentali. Le corde sono state suonate per i partecipanti e ciascuno è stato invitato a dare una valutazione numerica di quanto si sono divertiti o a utilizzare un cursore per regolare alcune note nella corda per renderla più divertente. Gli esperimenti hanno prodotto più di 235.000 giudizi umani.

Gli esperimenti hanno esplorato gli accordi musicali da diverse prospettive. Alcuni si sono concentrati su intervalli musicali specifici e hanno chiesto ai partecipanti di giudicare se li preferivano perfettamente intonati, leggermente diesis o leggermente bemolle. I ricercatori sono rimasti sorpresi nel trovare un’elevata preferenza per lievi imperfezioni o “disarmonia”. Altri esperimenti esplorarono la percezione dell'armonia con strumenti musicali occidentali e non occidentali, compreso il bonang.

Sfidano l’idea convenzionale

I ricercatori hanno scoperto che le armonie del bonang corrispondono chiaramente alla scala musicale specifica utilizzata nella cultura indonesiana da cui proviene. Queste note consonantiche non possono essere riprodotte, ad esempio, su un pianoforte occidentale perché si trovano tra le tacche della scala musicale tradizionalmente utilizzata.

Il dottor Harrison ha dichiarato: “I nostri risultati sfidano l'idea tradizionale secondo cui l'armonia può essere solo unidirezionale e che gli accordi dovrebbero riflettere queste relazioni matematiche. Abbiamo dimostrato che esistono molti tipi di armonia e che ci sono buone ragioni per cui sono stati sviluppati in altre culture”. .” . .

READ  Due giovani che promuovono uno spazio per esporre mosaici idraulici recuperati dai rifiuti

Ancora più importante, lo studio indica che i partecipanti (musicisti inesperti che non avevano familiarità con la musica giavanese) erano in grado di apprezzare istintivamente le nuove armonie delle melodie Bonang.