Marzo 2, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sono queste le sei chiavi che guideranno i mercati nel 2024, secondo MFS

Sono queste le sei chiavi che guideranno i mercati nel 2024, secondo MFS

Il team di soluzioni d’investimento di MFS Investment Management ha preparato un rapporto che include le questioni chiave che saranno cruciali per i mercati e l’ambiente macroeconomico nel corso del 2024. Il punto di partenza, la “lotta all’inflazione”, che sembra pendere a favore delle banche centrali e una chiusura del 2023 sorprendente per i titoli in termini di redditività, grazie allo slancio “Il meraviglioso numero 7”.

Queste le sei chiavi per il 2024 individuate dagli analisti di MFS:

1. Non è de-globalizzazione, ma “ri-globalizzazione”:

Il commercio globale è in continua evoluzione. Eventi recenti come le tensioni nella catena di approvvigionamento derivanti dalla pandemia o la guerra in Ucraina stanno promuovendo una “riglobalizzazione” che potrebbe avvantaggiare “le economie emergenti che un tempo erano eclissate dalla Cina”. Nello specifico, aziende che godono di una posizione favorevole in paesi come India, Tailandia e Vietnam. Inoltre, il direttore ritiene che anche le PMI americane possano trarre vantaggio dal “riciclaggio” negli Stati Uniti.

2. I rischi geopolitici stanno diventando sempre più difficili da affrontare:

Gli esperti non si aspettano che i rischi geopolitici “si dissiperanno nel breve termine”. I conflitti bellici come quelli citati in Ucraina e in Medio Oriente, il deterioramento delle relazioni tra Stati Uniti e Cina o i molteplici eventi elettorali che arriveranno quest’anno costituiscono un elenco che rende “essenziale” diversificare il portafoglio, “sia in termini di tipologie di asset ed esposizioni regionali”.

In questo caso, il reddito fisso, in particolare il debito pubblico, può contribuire a mitigare le ricadute di queste crisi, mentre il dollaro statunitense, il franco svizzero, lo yen giapponese e alcune materie prime “tendono a fungere da beni rifugio e possono costituire potenziali coperture”.

READ  T. Rowe Dynamic Global Bond Fund Aggiornamento: Mosse tattiche su Duration e Credito

3. I valori migliori possono rappresentare differenze:

Anche se di solito ci riferiamo ai “Grandi Sette” come se fossero un gruppo, il manager ritiene che “potrebbero esserci differenze significative all’interno del gruppo nel prossimo futuro, quindi gli investitori farebbero meglio a concentrarsi sui meriti individuali di ciascuna società”. .” Analizzarlo da una prospettiva omogenea. Quindi, ricordalo Periodi di estrema concentrazione del mercato sono spesso seguiti da un ritorno ai livelli storici Raccomanda agli investitori di “essere consapevoli delle idiosincrasie che esistono riguardo alla qualità del business, alle valutazioni e alle prospettive future” di queste società.

4. Deficit fiscale più elevato per un periodo più lungo:

I deficit eccessivi “pongono numerose sfide”, dicono gli esperti che hanno preparato il rapporto, che a questo punto puntano specificamente alla situazione negli Stati Uniti. Sebbene escludano che le sfide di politica fiscale a breve termine porteranno a tassi di interesse più elevati nel 2024, stimano che se queste sfide non verranno affrontate, gli investitori potrebbero vendere asset statunitensi di tutti i tipi.

5. Elevate performance statunitensi: analizza ciascuna azienda individualmente:

Secondo MFS, anche se il mercato obbligazionario speculativo mostra “chiari segnali di stress ciclico”, si ritiene “La frenesia riguardo al “muro della maturità” è eccessiva“Dato che tra il 2024 e il 2025 scadranno solo 150 miliardi di dollari, la cifra è gestibile.” A suo parere, il numero di aziende strutturalmente forti che offrono rendimenti interessanti è molto maggiore, anche se mettono in guardia anche sull'importanza della selettività. “che si trovano in una situazione difficile, come gli immobili commerciali, le telecomunicazioni e la distribuzione al dettaglio”.

READ  Standardizzare la misurazione delle strategie ESG, un obiettivo del private equity in Europa

6. Intelligenza Artificiale (AI): porre domande attentamente:

Il rapporto incoraggia gli investitori a porre domande e a mettere in discussione le risposte quando si affronta il futuro dell’intelligenza artificiale, poiché questa tecnologia “continua a sollevare più domande che risposte”. La chiave sta nella capacità di “identificare chi saranno i vincitori a lungo termine”. Una volta individuati, “essere convinti a mantenerli nel proprio portafoglio durante un periodo di rivoluzione tecnologica richiederà un’analisi fondamentale approfondita, curiosità intellettuale e disciplina”.