sabato, Giugno 22, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Alla ricerca dell’autore di abiti realizzati con algoritmi | un lavoro

Questa settimana si è svolta la 78esima edizione della Mercedes-Benz Fashion Week, una delle principali fiere della moda spagnola, giunta alla sua 39esima edizione. Parallelamente a questi eventi tradizionali, stanno emergendo nuove iniziative, come la prima AI Fashion Week tenutasi ad aprile a New York. Un evento che dimostra come questo settore stia attraversando una profonda trasformazione globale legata alle nuove tecnologie e, in particolare, all’integrazione dell’intelligenza artificiale (AI) nei processi di progettazione, produzione e commercializzazione.

L’utilizzo dell’intelligenza artificiale nel settore della moda non è una novità. “L’intelligenza artificiale classica è stata utilizzata per gestire l’inventario dei prodotti, misurare le tendenze o classificare potenziali gruppi di clienti”, conferma Cristina Mesa, partner del dipartimento di proprietà industriale e intellettuale di Garrigues. Un chiaro esempio di ciò è Inditex, da sempre leader quando si tratta di gestire la catena di fornitura in modo più efficiente utilizzando strumenti predittivi per adeguare la produzione agli ordini ed evitare le scorte. “L’ultima tecnologia AI è una questione diversa e ha un impatto totale sul lato creativo del settore”, afferma l’avvocato.

Attraverso l’intelligenza artificiale generativa, spiega Cristina Mesa, si possono creare intere collezioni, basate su trend precedentemente scoperti, e persino evocando lo stile di alcuni designer. In questo senso, il marchio Stitch Fix utilizza piattaforme di intelligenza artificiale generativa per personalizzare i consigli di stile. Da parte sua, Desigual ha appena presentato la sua collezione progettata con il supporto di algoritmi. Questo è ciò che ha già fatto Stradivarius con la sua collezione Primavera/Estate 2023, dove l’intera campagna è stata creata utilizzando l’intelligenza artificiale, dalla produzione degli abiti alle modelle, che fungevano da avatar.

READ  Fabian presenta Amigos, il suo secondo singolo e video musicale per Gian Marco Zignago Farándula RMMN | Luci

Di fronte a questa nuova realtà in cui l’intelligenza artificiale generativa è sempre più diffusa tra i marchi, Carlos Rivadola, avvocato e direttore TMT presso ECIJA, avverte che le principali sfide legali sono la proprietà intellettuale e il diritto d’autore sull’abbigliamento. Innanzitutto, l’avvocato sottolinea che qualsiasi disegno creato unicamente dall’intelligenza artificiale non può essere protetto né registrato. «Il problema si pone con le creazioni miste, soprattutto se l’utente non lo dichiara e chiede di registrare il proprio design.

Carlos Rivadola ritiene che ci siano molte incertezze riguardo alle creazioni miste che possono causare conflitti e che non hanno ancora una risposta giuridica. Come, ad esempio, cosa succede quando un progettista si affida all’intelligenza artificiale, che peso ha l’ausilio dell’intelligenza artificiale nel risultato finale o quale importanza bisognerebbe dare agli indicatori o alle istruzioni stesse (Convocato) per il progettista (persona fisica). L’esperto sottolinea che “la legge spesso non avanza al passo della tecnologia”, aggiungendo che “questo non può essere escluso, in un prossimo futuro, a seconda della quantità e della qualità della legge”. Entrata Con il contributo di un designer/creatore umano, queste opere possono generare una sorta di diritti correlati, come la semplice fotografia.

Causa

L’addestramento di questi sistemi richiede l’acquisizione di milioni di dati, che possono includere opere protette da copyright. Questa è un’altra questione conflittuale in questo ambito: violazioni della proprietà intellettuale quando materiali protetti da terze parti vengono utilizzati per addestrare i sistemi di intelligenza artificiale. “Tutte le cause legali sull’IA che sono venute alla luce sono legate a questo punto, anche se al momento non c’è alcuna soluzione”, afferma David Gomez, socio amministratore di Baylos.

READ  Manuel Turizo gareggia con Mariah Carey, Cher ed Elton John a Natale

Ci sono, secondo l’avvocato, due principali tendenze contrastanti. Da un lato c’è la questione degli autori e creatori di contenuti che sostengono che utilizzare le loro opere per addestrare sistemi di intelligenza artificiale viola i loro diritti. D’altra parte, gran parte dell’industria e alcuni teorici, che sono favorevoli alla liberalizzazione dell’accesso ai dati o ai contenuti in modo che i sistemi di intelligenza artificiale siano quanto più potenti possibile, creando una sorta di rifugio sicuro, Giusto uso Oppure un’eccezione, che esenta gli sviluppatori di sistemi di intelligenza artificiale dall’utilizzo di contenuti protetti da copyright nella loro formazione. Per David Gomes, è probabile che col tempo verrà adottata una posizione che tuteli i diritti di proprietà intellettuale per il libero utilizzo da parte dell’IA.

Quanto a chi sia responsabile della violazione dei diritti di terzi a causa delle creazioni realizzate dai sistemi di intelligenza artificiale, David Gomez non ha dubbi. A suo avviso, l’utente della piattaforma di intelligenza artificiale deve essere ritenuto responsabile, poiché è lui che crea il prodotto utilizzando un metodo specifico Convocato (Richiesta dispositivo) per la successiva commercializzazione.

Silvia Muñoz Valera, CEO di Nueva Abogacía, ha deciso che i conflitti che causerà la diffusione dell’intelligenza artificiale nel settore tessile affronteranno le classiche questioni giuridiche del diritto della moda, come la proprietà intellettuale, ma “presentate in modo completamente diversi da come li abbiamo conosciuti finora.” E conclude che “i conflitti hanno lo stesso background, ma si sviluppano attraverso la tecnologia che offre un mondo di grandi possibilità e grandi rischi”.

Nello specifico, aggiunge Cristina Mesa, “Ci si aspetta che sorgano cause legali nei casi in cui le collezioni sono progettate in base allo ‘stile’ su cui si concentra la discussione quando l’output generato dall’intelligenza artificiale supera i confini labili tra ispirazione e plagio”.

READ  Il ristorante del Noma, René Redzepi a Copenhagen, entra nell'Olimpo a tre stelle

Avatar come modelli

Un’applicazione dell’intelligenza artificiale generativa che viene sempre più integrata nel settore della moda è l’uso degli avatar nelle campagne pubblicitarie o nelle sfilate di moda. Levi’s, ad esempio, ha annunciato che a partire dalla fine di quest’anno combinerà modelli in carne ed ossa con avatar sviluppati mediante strumenti di intelligenza artificiale. Al di fuori del settore tessile, il marchio giapponese Shiseido ha utilizzato in una campagna due avatar creati da The Digitals, la prima agenzia di modelle digitali. In questi casi il rischio legale è che i diritti d’immagine possano essere violati. “Il modello di intelligenza artificiale viene addestrato utilizzando informazioni e immagini preesistenti, quindi probabilmente presenta somiglianze con persone reali, che hanno il diritto di proteggere la propria immagine”, spiega Carlos Rivadola, avvocato TMT presso ECIJA.

Segui tutte le informazioni Economia E un lavoro In Facebook E Twittero nel nostro Newsletter settimanale

Programma dei cinque giorni

Le quotazioni economiche più importanti del giorno, con chiavi e contesto per comprenderne la portata.

Ricevilo nella tua email

Chiara Pisano
Chiara Pisano
"Drogato televisivo certificato. Ninja zombi esasperatamente umile. Sostenitore del caffè. Esperto del Web. Risolutore di problemi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles