Ottobre 19, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cos’è l’effetto Mozart e come aiuta le persone con epilessia

Per un po ‘di tempo, Vari neurologi studiano da vicino ciò che la società ha chiamato “effetto Mozart”. Cos’è quello Come un brano musicale del famoso musicista austriaco ha un effetto terapeutico sulle persone che soffrono di epilessia.

Ricerca fatta da Ricercatori della Geisel School of Medicine di Dartmouth, Concentrati sullo studio approfondito di 16 pazienti con questa malattia che sono stati ricoverati in ospedale per vedere da vicino gli effetti che la melodia di Mozart ha avuto su di loro, e quindi Trova un qualche tipo di trattamento non invasivo per questi pazienti.

I sensori cerebrali sono stati posizionati su ciascun paziente per monitorare l’aspetto dei cosiddetti IED, gli eventi cerebrali a breve termine che sperimentano. Epilessia ogni volta che hanno un attacco Ma di solito è dannoso.

Sulla base di una ricerca di un altro gruppo di studiosi su com’era nel 1993, che ha dimostrato che nei bambini produce benefici nello sviluppo del pensiero e del tempo spazio, Ora anche quello è stato scoperto Alcune persone con epilessia che hanno ascoltato per 10 minuti la cosiddetta Sonata per due pianoforti in re maggiore, nota anche come K448, hanno mostrato una minore attività elettrica nel cervello con conseguente convulsioni.

Questo nuovo studio ha dimostrato che L’ascolto della sonata per almeno 30 secondi può essere associato a picchi meno frequenti di determinate attività elettriche nel cervello di persone la cui epilessia non risponde ai farmaci. Cioè, aiuta a ridurre la frequenza degli attacchi. Quando hanno confrontato la risposta alla struttura dell’azione, hanno scoperto che gli effetti aumentavano durante le transizioni tra frasi musicali più lunghe, quelle che duravano 10 secondi o più.

In 16 pazienti analizzati, Le unghie caddero di due terzi in tutto il cervello, Ma è caduto più sulla corteccia frontale destra e sinistra del cervello, dove sono regolate le risposte emotive.

La conclusione di questi ricercatori è che l’ascolto della Sonata di Mozart aiuta a ridurre i picchi di attività neuronale che possono causare crisi epilettiche.

“Il nostro ultimo sogno è identificare un genere di musica ‘antiepilettica’ e utilizzare la musica per migliorare la vita delle persone con epilessia”, ha affermato Robert Kuhn del Dartmouth College, coautore dello studio pubblicato su Scientific Reports.

Altri pezzi classici non hanno lo stesso effetto

I ricercatori volevano sapere se qualche altro atto musicale classico avesse causato lo stesso effetto K448 di Mozart, quindi il gruppo di studio è stato esposto ad altri stimoli uditivi, composizioni e persino ai loro generi musicali preferiti, senza ottenere la stessa risposta.

Per esempio, Ascolta 90 secondi della commedia di Wagner Caratterizzato da armonie mutevoli ma “nessun tono distinto”, che non ha comportato alcun tipo di effetto di cambiamento su di esso.

Sebbene non si sappia ancora esattamente cosa renda speciale la sonata di Mozart, essi ritengono che il suo effetto terapeutico sui pazienti epilettici sia dovuto al fatto che K448 è “strutturalmente organizzato in blocchi melodici fissi, ciascuno con una propria armonia di base”, che può stimolare a il cervello.

L’epilessia è probabilmente il disturbo cerebrale più diffuso, Con oltre 50 milioni di persone diagnosticate tutto il mondo. Colpisce circa l’1% della popolazione mondiale e un terzo di queste soffre di epilessia resistente ai farmaci, quindi questo studio potrebbe essere una speranza per loro.

Potrebbe interessarti:

Cosa fare quando una persona ha un attacco? Passo dopo passo

BACCHETTA: Come funziona un pacemaker che promette di fermare gli attacchi del morbo di Parkinson e dell’epilessia

8 miti e fatti sull’epilessia

READ  Dichiarazione di Città del Messico: sesto vertice dei capi di Stato e di governo della Comunità degli Stati dell'America latina e dei Caraibi (+ PDF)