Maggio 21, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Discesa nella “stanza segreta” di Michelangelo: i disegni del genio si aprono al mondo

Discesa nella “stanza segreta” di Michelangelo: i disegni del genio si aprono al mondo

Nel quadro, disegni a carboncino attribuiti al genio rinascimentale Michelangelo si trovano sulle pareti del “passaggio segreto” sotto la sacrestia da lui stesso realizzato per la Chiesa di San Lorenzo. EFE/Gonzalo Sanchez.

Foto: EFE – Gonzalo Sanchez.

“Credo che questa sarà un’occasione speciale per il pubblico di visitare la sala e per la comunità scientifica di studiarla nuovamente”, ha detto Paola D’Agostino, direttrice dei Musei del Bargello, di cui la chiesa fa parte.

La vasca, che misura 10 metri di lunghezza, 3 di larghezza e 2,5 di altezza, è raggiungibile scendendo alcune strette scale nascoste in una botola accanto all’abside della “Sacrestia Nuova” che Michelangelo completò nel 1533 per i Medici nella cattedrale . SanLorenzo.

Le sue pareti sono costellate di disegni a carboncino e sanguigna: corpi animati, volti espressivi e scarabocchi che evocano, a colpo d’occhio, la potente anatomia di un maestro, come “David” o “Mosè”.

Consigliamo: Verso la scomparsa

Segui El Espectador su WhatsApp

Scoperta

La scoperta avvenne nel novembre del 1975, quando lo storico Paolo dal Poggetto ordinò la pulizia del passaggio sotto l’abside che fino al 1955 era stato utilizzato come deposito del carbone.

Tuttavia, sotto l’intonaco delle pareti comparvero subito i disegni, scatenando un acceso dibattito tra chi intravedeva la mano del genio e chi si opponeva a questa ipotesi. La discussione è stata – e continua ad essere – avanzata.

Dal Poggetto sostenne poi l’ipotesi che la stanza fosse stata il nascondiglio dell’artista durante le ripetute persecuzioni avvenute nella Firenze del XVI secolo, basandosi sulla testimonianza di un suo allievo, Ascanio Condivi, e del biografo rinascimentale Giorgio Vasari.

Nello specifico, poté rifugiarsi lì per sfuggire alla vendetta di papa Clemente VII Medici, adirato per aver lavorato per i rivali della sua dinastia durante il suo esilio tra il 1527 e il 1530.

READ  Come utilizzare InstaFest con Spotify sul nostro iPhone e alternative simili su Apple Music

Lo storico suggerì che Michelangelo finalmente ottenne il perdono e poté tornare a lavorare a Firenze, finché la abbandonò nel 1534 per stabilirsi a Roma, dove avrebbe ereditato opere straordinarie come gli affreschi della Cappella Sistina.

Noi raccomandiamo: Il collezionismo ovvero l’arte di raccontare storie con gli oggetti

D’Agostino vede il genio del Buonarroti anche nei tratti, quando intravede l’immagine di una donna che ricorda la “Leda”, tela perduta ma nota per il suo dipinto, o un uomo che somiglia al “Laocoonte”, la scultura ellenica che appare come tale . Sono rimasto molto colpito da lui.

“Giudicate voi stessi”

In ogni caso, il direttore del museo ha sottolineato che, “come sempre accade” con i grandi maestri, la paternità può e deve essere analizzata attraverso la scienza, e ha convocato un convegno internazionale con i più grandi esperti.

Anche se ha osservato che “l’occhio dell’intenditore va oltre qualsiasi ricerca scientifica”, scommettendo che nei tratti “si uniscono la mano del maestro e quella degli altri”.

Il visitatore potrà però giudicare da sé poiché la sala verrà inaugurata il 15 novembre ed i biglietti potranno essere acquistati già da oggi al prezzo di 20 euro.

L'”estrema precisione” dei disegni richiederà la massima attenzione, per questo si è deciso di dividere le opere in gruppi di 4 distribuiti in momenti diversi.

Potresti essere interessato a: Pallone d’Oro per Linda Caicedo

Poiché per arrivarci è necessario scendere alcune scale strette, non sarà consentito l’ingresso alle persone con disabilità o ai bambini sotto i 10 anni.

Il nuovo armadio

Successivamente potrete ammirare questo luogo ricco di storia, la Basilica di San Lorenzo, scelta dai Medici, leggendaria e interessante stirpe di imperatori rinascimentali fiorentini, come tomba.

READ  Le produzioni di Medellin arrivano al Cartagena de Indias International Film Festival

Il tempio, simbolo dello sfarzo di questa famiglia, racchiude al suo interno una “Sagrestia Antica”, realizzata nel 1419 dal geniale architetto Filippo Brunelleschi, padre della spettacolare cupola del Duomo, o “Cappella dei Principi”, voluta da Cosimo I. De Medici.

A metà del Cinquecento papa Leone

La tomba di Lorenzo “il Magnifico”, modello del “principe” umano, è raffigurata con aria malinconica, poggiando il dito sulle labbra di pietra, mentre le sonnolente Aurora e Crepuscolo, stremate, si prostrano ai suoi piedi.

Ricorda con compiacimento la tomba del fratello minore, Giuliano, ucciso nella congiura dei Pazzi del 1478, alzato dinanzi alla notte e al giorno, e rivolgendo lo sguardo verso il visitatore, come per scoprirlo, ma ignaro dei dipinti conservati nella tomba . Il seminterrato di questo luogo maestoso.