Febbraio 27, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I rischi “Cripto” non sono scomparsi e si stanno già diffondendo attraverso gli ETF Bitcoin

I rischi “Cripto” non sono scomparsi e si stanno già diffondendo attraverso gli ETF Bitcoin

I tanto attesi ETF Bitcoin hanno portato ad una correzione dei prezzi. Anche se c’erano grandi aspettative che l’approvazione degli 11 ETF avrebbe messo le ali alle criptovalute, ciò non è avvenuto nei giorni successivi all’evento. Del resto, già cominciano ad apparire le prime crepe, che ancora una volta si concentrano sulla volatilità delle criptovalute e sui rischi connessi all’operare in questo mercato, anche attraverso gli ETF offerti dal sistema finanziario tradizionale.

Recentemente, appena tre settimane dopo il lancio di questi prodotti, i rischi sono già diventati evidenti attraverso esempi concreti. Le vulnerabilità delle criptovalute sono state ribadite ancora una volta: come la pressione di vendita di un singolo partecipante possa generare un'elevata volatilità, il potenziale di arbitraggio o i rischi connessi all'ingresso in Bitcoin per il sistema finanziario tradizionale. Niente di tutto questo è scomparso e bussa ancora una volta alla porta degli ETF spot su Bitcoin, anche se finora le tensioni sono limitate.

FTX è dietro uno dei recenti attriti. La piattaforma di criptovaluta in bancarotta ha un'ampia posizione nel Grayscale Bitcoin Trust (GBTC), un fondo bitcoin che è stato convertito in un fondo quotato in borsa dopo l'approvazione da parte della Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti. Alcuni giorni dopo questo cambiamento di natura, la società fondata da Sam Bankman Fried (SBF), che è in fase di liquidazione, Ha fatto marcia indietro. Ciò equivaleva a ca 1 miliardo di dollari.

“Il suo ritiro ha causato il caos sul mercato, soffocando le posizioni lunghe (long squeeze)”, conferma Manuel Villegas, analista di asset digitali presso Julius Baer. Sottolinea il fatto che la sua partecipazione era così ampia da causare una pressione al ribasso e costringere gli investitori con posizioni lunghe ad annullarla. “Le inefficienze del mercato non sono completamente scomparse”. Aggiungere.

READ  Calo degli utili e dei ricavi nel terzo trimestre di Investing.com

In questo caso, il movimento di un operatore ha avuto un effetto di rimbalzo sul mercato, provocando perdite, anche se alcune di esse sono state recuperate negli ultimi giorni. Ad ogni modo, il giorno prima dell’approvazione degli ETF spot, Bitcoin veniva scambiato a oltre 46.200 dollari, mentre attualmente si muove intorno ai 42.000 dollari. Diminuzione del 9%.

“L'approvazione degli ETF spot su bitcoin si è rivelata un evento di vendita alla notizia”, ​​afferma Simon Peters, analista di criptovalute presso eToro, sottolineando il fatto che nei giorni precedenti la sua approvazione, il mercato ha visto un rally, cosa che ha fatto più tardi. Non ci è voluto molto perché questo si traducesse in un sacco di profitti. Ciò che hanno fatto gli operatori è stato comprare le voci di approvazione e venderne la notizia, dimostrando che l’ETF, di per sé, non deve necessariamente portare ad un valore maggiore. Allo stesso modo, l’adozione istituzionale non sminuisce la natura di Bitcoin come asset rischioso.

D'altra parte, l'analisi di Julius Baer spiega anche come FTX abbia arbitrato l'ETF Bitcoin prima che fosse un fondo quotato in borsa, poiché le attività sottostanti del fondo e il prezzo delle sue azioni possono variare, consentendo agli investitori di entrare pagando un premio o uno sconto . L’exchange ha approfittato di questa situazione vendendo allo scoperto Bitcoin e poi vendendo le sue posizioni in scala di grigio a un prezzo più alto.

“La domanda per questi ETF è stata elevata e il mercato, tuttavia, è migliorato Ci sono opportunità di fare arbitrato, “Il che consente la manipolazione dei prezzi dei Bitcoin e la manipolazione degli indicatori di riferimento utilizzati dai manager”, avverte Villegas.

JPMorgan ha già avvertito che una volta che l'ETF Grayscale sarà convertito in un fondo spot negoziato in borsa e il valore delle attività e delle quote verrà adeguato, potrebbe verificarsi un deflusso di fondi, poiché lo sconto verrà automaticamente annullato. Inoltre, anche l’emergere di nuovi concorrenti con commissioni inferiori può incoraggiare l’uscita. Se ciò accade simultaneamente, i rischi di prezzo sono elevati.

READ  La banca centrale del Perù alza il tasso di interesse allo 0,50%, dopo averlo mantenuto invariato per un anno e mezzo

Tutto ciò rivela che i criptoasset possono generare tensioni non solo all’interno dei propri confini, ma colpire anche soggetti terzi. Tutto dipende da L’ampiezza dell’adozione e la sua connessione al sistema finanziario.

Un chiaro esempio dei rischi connessi a questi collegamenti e delle loro ripercussioni è la crisi bancaria verificatasi a marzo. Silvergate è diventata una banca “cripto” un decennio prima del suo collasso. Uno dei suoi clienti era FTX e quando le cose cominciarono ad andare male, L'entità era molto vulnerabile ai problemi. I risparmiatori hanno perso fiducia nella società e hanno ritirato i depositi in massa, e anche i clienti “cripto” li hanno lasciati da parte.

Signature Bank, anch'essa fallita, aveva un gran numero di depositi di clienti in criptovaluta. Sebbene sia stata trascinata al ribasso anche dalle perdite del suo portafoglio obbligazionario, come quello della Silicon Valley Bank (SVB), la combinazione dei due si è rivelata fatale. L'entità è stata colpita sia dal caos della SVB che dal caos della Silvergate, il suo concorrente. Entrambi i casi sono completamente incarnati Rischi di creare un’esposizione significativa nel mercato delle criptovalute.

Fragilità del settore finanziario?

Tuttavia, esperti come Better Markets, uno dei principali oppositori all’approvazione dell’auto, hanno spiegato in dichiarazioni a Reuters che “come investitori Approfondisci prodotti come questo“Aumenta significativamente il rischio di connettività tra il settore bancario e l'ecosistema crittografico.” Uno scenario che potrebbe creare panico e caos finanziario per coloro che sono maggiormente esposti ai forti movimenti in questo mercato.

Tuttavia, per ora, il rischio che gli ETF sulle criptovalute siano sufficientemente ponderati da far sì che la loro volatilità possa portare a situazioni simili rimane remoto. Felipe Sánchez Cole, professore di economia applicata e professore all'EDEM, spiega che i rischi sono “esagerati al momento” ma avverte che “se il mercato cresce abbastanza, le grandi fluttuazioni osservate a volte (durante l'inverno delle criptovalute, per esempio)) ”) potrebbe generare grossi problemi per le banche, come situazioni di panico e rischi di contagio. Sanchez Cole insiste che “non siamo ancora arrivati ​​a quel punto e il rischio è limitato, ma potrebbe succedere”. Da S&P Global hanno sottolineato anche il collegamento delle criptovalute con i servizi bancari È ancora “molto limitato”.

READ  Wall Street ha chiuso in ribasso. Permangono preoccupazioni sull'aumento dei tassi di interesse

In questo senso, diverse istituzioni hanno criticato l’idea che gli enti finanziari abbiano un’esposizione diretta o indiretta al settore delle criptovalute. Nel corso di quest’anno, mentre lo strumento era in discussione, la stessa Banca Centrale Europea e la Federal Reserve hanno pubblicato dei rapporti in cui si parlava dei problemi che lo strumento avrebbe potuto generare. La Fondazione europea ha affermato che questi asset sono “soggetti a significativi rischi di boom e bust” e “se una banca ha un'esposizione diretta o indiretta ai criptoasset, deve affrontare rischi significativi non coperti dal quadro attuale”.

Da parte sua, la Federal Reserve ha spiegato: “Abbiamo visto i rischi di contagio nel settore delle criptovalute e riteniamo che queste stesse connessioni possano comportare rischi per l'economia globale”. Istituti bancari con esposizione a questo settoreDa parte sua, il FMI ritiene che i collegamenti “potrebbero già essere fondamentali” oggi per una parte del settore bancario. “Man mano che asset come Bitcoin diventeranno sempre più accettati, la correlazione aumenterà e porrà rischi significativi alla stabilità finanziaria.” Difesa.