Maggio 16, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il buco nero supermassiccio potrebbe aver “invertito” il suo intero campo magnetico | Scienza ed Ecologia | Dott..

Un’indagine internazionale che coinvolge una squadra di Istituto Spagnolo di Astrofisica nelle Isole Canarie (IAC) Ha fornito nuove prove di una misteriosa esplosione da una galassia a 216 milioni di anni luce di distanza.

Questa scoperta suggerisce una nuova spiegazione basata su un cambiamento spontaneo dei poli magnetici nel campo che circonda il buco nero centrale.

Lo studio ha utilizzato dati combinati di vari satelliti e telescopi, tra cui il Telescopio Nacional Galileo (TNG) e il Gran Telescopio Canarias (GTC), entrambi situati presso l’Osservatorio Roque de los Muchachos (Garafía, isola spagnola della Palma).

I risultati saranno pubblicati prossimamente sulla rivista Giornale astrofisico, Avvisa l’IAC in una dichiarazione.

Rapidi cambiamenti nella luce visibile nella galassia 1ES 1927 + 654

All’inizio di marzo 2018, l’All-Sky Automated Survey of Supernovae (ASAS-SN), un programma automatizzato per la ricerca di nuove supernove e altri fenomeni astronomici transitori, ha allertato gli scienziati che una galassia chiamata 1ES 1927+654 era aumentata nella sua luminosità. volte alla luce visibile.

La ricerca sulle precedenti scoperte del sistema ATLAS (Automated Astronomy Alert System) e del sistema di allerta precoce (ATLAS) finanziati dalla NASA mostra che l’eruzione è iniziata mesi prima, verso la fine del 2017.

Tre mesi dopo la scoperta, l’emissione di raggi X della galassia era scomparsa.

Sibasish Laha, ricercatore post-dottorato presso l’Università del Maryland e spiega Goddard Space Flight Center della NASA negli Stati Uniti.

Ma questo evento, le fa notare, “rappresenta la prima volta che vediamo i raggi X completamente spenti mentre si illuminano ad altre lunghezze d’onda”.

“Una prima spiegazione per l’eruzione ha suggerito uno scenario in cui una stella passa così vicino al buco nero da disintegrarsi, aumentando la luminosità e allo stesso tempo interrompendo il flusso di gas”, afferma Josefa Becerra, ricercatrice IAC e coautore dell’articolo.

READ  Snapdragon G3x Gen 1, questo è il nuovo processore da gaming

Tuttavia, aggiunge, “un tale evento svanirà più rapidamente di questa esplosione”.

Campo elettromagnetico

Il team di ricerca ha analizzato osservazioni recenti e d’archivio che coprono l’intero spettro elettromagnetico.

L’Osservatorio Neil Gehrells Swift della NASA e il satellite XMM-Newton dell’Agenzia spaziale europea (ESA) hanno fornito misurazioni ultraviolette e raggi X.

Le osservazioni con la luce visibile sono state effettuate utilizzando il Telescopio Nacional Galileo (TNG) e il Gran Telescopio Canarias (GTC o Grantecan).

Le misurazioni radio sono state ottenute utilizzando il Baseline Very Long Array, una rete di 10 radiotelescopi situati negli Stati Uniti, il Very Large Array nel New Mexico e la rete European Very Long Interferometer (VLBI).

“L’elevata qualità dello spettro GTC/OSIRIS consente di separare il contributo stellare da quello del nucleo attivo”, sottolinea Jose Acosta, ricercatore IAC e coautore dell’articolo.

Osserva che “le giovani stelle dominano gli assemblaggi stellari della galassia ospite e le forti linee di emissione dominano lo spettro nucleare”.

La maggior parte delle grandi galassie, inclusa la Via Lattea, contengono un buco nero supermassiccio con una massa da milioni a miliardi di volte quella del Sole.

Quando il materiale cade verso uno di essi, si accumula prima in un’ampia struttura piatta chiamata disco di accrescimento. Quando il materiale ruota lentamente verso l’interno, si riscalda ed emette luce visibile a bassa energia, luce ultravioletta e raggi X.

Un ‘cambiamento radicale’ del campo magnetico

Vicino al buco nero, una nuvola di particelle estremamente calde – chiamata corona – produce raggi X ad alta energia. La luminosità di queste emissioni dipende dalla quantità di materiale che fluisce nel buco nero.

READ  Streamer DrLupo firma un accordo esclusivo con YouTube Gaming

La singolare scomparsa dell’emissione di raggi X fa dubitare agli astronomi che la corona responsabile di questa emissione sia scomparsa, indicando un “cambiamento drastico” nel campo magnetico.

“È vero”, afferma Mitchell Begelman, professore presso il Dipartimento di Astrofisica e Scienze Planetarie dell’Università del Colorado Boulder che ha sviluppato il modello.

“Il campo inizialmente si indebolisce alla periferia del disco di accrescimento, con conseguente aumento del riscaldamento e della luminosità della luce visibile e ultravioletta”, afferma.

Con il progredire del cambio di polarità, il campo diventa così debole da non poter più supportare la corona e l’emissione di raggi X scompare. Quindi il campo magnetico si rafforza gradualmente nella sua nuova direzione.

Nell’ottobre 2018, circa 3,4 mesi dopo la sua scomparsa, i raggi X sono tornati, indicando che la corona era stata completamente restaurata.

L’IAC osserva che le inversioni magnetiche sono probabilmente eventi comuni nell’universo.

La documentazione geologica mostra che il campo terrestre è cambiato inaspettatamente, con una media di alcune battute d’arresto ogni milione di anni nel recente passato.

D’altra parte, il Sole subisce un’inversione magnetica come parte del suo ciclo naturale di attività, cambiando i poli nord e sud circa ogni 11 anni.

POCHI (EFE, IAC, NASA)