Marzo 5, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L'auto “Made in China” sta accelerando in Europa e detronizzando il Regno Unito nelle esportazioni

L'auto “Made in China” sta accelerando in Europa e detronizzando il Regno Unito nelle esportazioni

L’acquisto di auto cinesi dall’Unione Europea è in forte crescita da anni, ma il 2023 è sulla buona strada per essere il primo anno in cui le auto del colosso asiatico prenderanno il comando nel mercato comune. La Cina è riuscita a posizionarsi come paese Il primo partner per l'esportazione di veicoli Dedicato al trasporto passeggeri dopo aver aumentato le vendite nell'Unione Europea del 53%. specifica, L'Unione ha importato automobili per un valore di 12.037 milioni di euro Tra gennaio e novembre 2023, secondo gli ultimi dati disponibili presso Eurostat.

Al ritmo di MG, Geely, Polestar o BYD; La Cina è riuscita a superare il precedente maggiore esportatore, il Regno Unitoche nonostante abbia aumentato le sue vendite nell'UE di 2,6 miliardi di dollari, ha chiuso novembre con un totale cumulativo di veicoli per un valore di 10,8 miliardi di euro, il 10% in meno rispetto alla Cina.

Gli acquisti di veicoli sono aumentati di 16 miliardi di dollari (circa il 30%) e sono cresciuti in modo generalizzato in tutti i mercati. Ma, Nessun altro paese è riuscito ad aumentare la propria influenza sui mercati europei come la Cina.. Un altro paese asiatico, il Giappone, occupa il secondo posto con un'espansione del 41% a 9,5 miliardi di euro. Tuttavia, il miglioramento nel commercio automobilistico giapponese è stato inferiore di 12 punti percentuali rispetto a quello cinese.

Con l'ascesa di Pechino, l'Asia è diventata il principale punto di acquisto automobilistico europeo e la regione da conquistare. Con gli ultimi dati disponibili fino a novembre 2023, le auto asiatiche sono cresciute fino ad essere rappresentate Più di quattro acquisti di automobili su dieci vengono effettuati al di fuori dell'UE.

READ  Batterie! Questo è il nuovo tipo di furto nel pagamento delle fatture on-line: evitare il tracollo

Le importazioni dalla Spagna aumentano del 91%

La Cina è al secondo posto negli acquisti internazionali di autovetture in SpagnaQuesto secondo gli ultimi dati disponibili del Ministero dell'Industria, del Commercio e del Turismo. La crescita degli acquisti dei marchi cinesi è stata superiore a quella dell’Unione Europea e ha raggiunto il 91% in più rispetto allo stesso periodo del 2022, attestandosi a 2,6 miliardi di euro e dopo aver superato partner comunitari come la Francia, che solo nello stesso periodo ha collocato 1.616 milioni euro di veicoli nel paese.

Come nel resto dell’Unione Europea, gli acquisti di automobili sono aumentati in modo significativo. Tuttavia, in Spagna Su ogni 10 euro di acquisti, 3,5 euro provenivano da marchi cinesi; Mentre in Europa il rapporto era limitato a 2,4 euro ogni 10 euro.

Tasti ondulati cinesi

Le case automobilistiche del colosso asiatico hanno scosso l'industria europea con una formula basata su prezzi competitivi, tecnologia avanzata e auto elettriche, facendone lo slogan dei legislatori europei per raggiungere questo obiettivo. Rimozione del carbonio duro dalle strade. Il potere d’acquisto, il quadro normativo e la rete avanzata di infrastrutture marittime in generale hanno reso il Vecchio Continente un luogo ideale per i marchi cinesi dove concentrarsi sui confini europei dove far sbarcare le proprie flotte. Spettacoli misti e gamme 100% elettriche.

L’ascesa delle auto cinesi in Europa non sorprende se teniamo conto che i principali produttori europei sono stati impegnati in un lungo e costoso processo di elettrificazione della loro produzione, mentre i cinesi producono già da anni automobili con questa tecnologia in generale. misurare. Questi dati hanno più senso se esaminati Il controllo che i produttori cinesi hanno sulla loro catena del valoreLe compagnie minerarie del Paese asiatico possiedono gran parte delle miniere di cobalto e litio, le principali materie prime nella produzione di batterie, nei Paesi in cui vengono sfruttate, ed estraggono anche Il vantaggio rispetto agli europei nella lavorazione e raffinazione di questi materiali.

READ  Otto domande e risposte sulla crisi energetica | mercati

L’avanzata specializzazione dei suoi produttori ha rivoluzionato il mercato, che oggi soffre di dipendenza da fornitori esterni come le aziende cinesi, che, con alcune eccezioni come ByD, La maggior parte di loro sono aziende statali.. Questa è la situazione che ha spinto la Commissione Europea ad intervenire sulla questione lo scorso ottobre e a condurre un’indagine per analizzare gli aiuti pubblici e i sussidi ricevuti dalle case automobilistiche cinesi che “distorcono” il mercato a prezzi mantenuti “artificialmente”. Enormi sussidi statali”, secondo la presidente della Commissione Ursula von der Leyen.

Una volta conclusa l’indagine, l’organismo europeo dovrà determinare se le catene del valore dei veicoli elettrici di origine cinese beneficiano di aiuti illegali o minacciano di causare danni economici ai produttori dell’UE. In tal caso, la Commissione valuterà se sia il caso di fissare tariffe più elevate per limitare l’impatto delle misure sugli importatori.

Prima di arrivare a queste conclusioni, altri paesi come la Francia hanno preso l’iniziativa di attuare politiche protezionistiche per difendere la produzione di automobili “Made in Europe”. Attraverso il programma a sostegno delle auto elettriche, entrato in vigore due mesi fa, L’esecutivo francese cerca di fermare l’enorme ondata di auto cinesi Stabilire uno standard che nega gli aiuti ai veicoli che non rispettano una serie di requisiti ambientali, colpendo in modo significativo i veicoli prodotti sul suolo cinese.

Il successo di MG in Spagna

Ma non tutto l’emergere delle flotte del gigante asiatico si può riassumere nell’auto elettrica. La verità è che anche i marchi europei hanno fatto la loro parte in questo attacco, scommettendo sulla riduzione dei volumi e sull’aumento dei costi di produzione per finanziare la riconversione della loro industria. Opportunità di mercato, che Marchi come MG sono stati in grado di trarne vantaggio per vendere auto a combustione E ottenendo risultati senza precedenti, senza andare oltre, in Spagna.

READ  Cinque chiavi che devi conoscere per iniziare venerdì

Il successo ottenuto da questo marchio tra i consumatori spagnoli è stato tale che il suo modello MG ZS si è affermato in agosto come la prima auto cinese a guidare le vendite mensili più elevate nel mercato spagnolo, dove nei dati accumulati dello scorso anno era tra le quattro migliori Tra i venditori, con quasi 20.000 record, è superato solo dalla Toyota Corolla, dalla Seat Arona e dalla Dacia Sandero. I primi dati del 2024 sembrano confermare questa tendenza, collocando questo SUV compatto al terzo posto in termini di scelta degli automobilisti.