Marzo 4, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nei discorsi di Davos emerge il clamore sull’intelligenza artificiale etica e responsabile

Nei discorsi di Davos emerge il clamore sull’intelligenza artificiale etica e responsabile

L'inizio dell'anno è accompagnato dalla celebrazione di uno degli incontri più importanti del mondo: il tradizionale incontro Per il Forum Economico Mondiale (WEF)Conosciuto come il Forum di Davos. L'edizione di quest'anno, la n. 54, ha saputo raccoglierne più di 2.800 leader provenienti da 120 paesi diversi, Tra loro ci sono rappresentanti del governo o rappresentanti delle principali organizzazioni internazionali.

Per cinque giorni, dal 15 al 19 gennaio, all’insegna dello slogan “Ricostruire la fiducia”, i partecipanti hanno tenuto presentazioni e preso parte a dibattiti e incontri con l’obiettivo di cercare cooperazione su questioni quali la crescita economica, l’azione per il clima, la sicurezza energetica, la governance tecnologica o la tutela delle persone. diritti. sviluppo.

[Pedro Sánchez advierte en Davos sobre los riesgos de la inteligencia artificial: “Hay mucho en juego”]

Gli argomenti discussi nelle sessioni di quest'anno si sono concentrati su quattro aree principali, tra cui come procedere verso una maggiore sicurezza e unità in tutto il mondo; L'occupazione e come favorirne la crescita nella “nuova era”; e diffusione di strategie a lungo termine per la protezione ambientale; E l’intelligenza artificiale “come motore dell’economia e della società”.

Quest’ultimo punto rivela come la tecnologia in generale e l’intelligenza artificiale in particolare si siano posizionate come punto di partenza Direzione trasversale Colpisce tutti i settori dell’economia a livello globale, cosa già confermata nella scorsa edizione e ulteriormente rafforzata in quella appena conclusa.

Nello specifico, nell'incontro di quest'anno, l'intelligenza artificiale è stata presente con idee su come questo strumento influenzerà i modelli di business esistenti, nonché sulla formula per contenere i rischi ad esso associati, cosa di particolare interesse dopo l'accordo raggiunto durante la Presidenza spagnola del il Consiglio d’Europa. L’Unione Europea in merito al progetto di legge europea sull’intelligenza artificiale appena un mese fa.

Sanchez e i pericoli dell'intelligenza artificiale

Per quanto riguarda la Spagna, questo Paese è stato rappresentato in modo significativo al Forum a livello politico, con un intervento (il quinto della sua storia) del Capo del Governo, Pedro Sánchez, ma anche alla presenza del Presidente recentemente nominato. Ministro della Trasformazione Digitale e del Servizio Pubblico, José Luis Escrivá. L'esistenza di quest'ultimo è diventata completamente Dichiarazione di intenti riguardante la posizione rilevante data da questo paese al settore tecnologico Come motore trainante dell’economia.

READ  El Ganso, una filiera in cammino verso la ricerca di nuove tecnologie

La presentazione di Sanchez, infatti, si è concentrata quasi interamente su uno degli strumenti digitali emersi durante l'incontro: l'intelligenza artificiale (AI), che la sua amministrazione ha definito come “Una delle grandi sfide globali in sospeso.”

Il presidente spagnolo ha spiegato che l’intelligenza artificiale, insieme ad altre tecnologie avanzate, “è l’opzione migliore” per risolvere le sfide che l’umanità si trova ad affrontare, ma ha sottolineato che queste opportunità ““Non devono farci dimenticare le minacce che esistono”.. “Dobbiamo prestare maggiore attenzione alle preoccupazioni dei nostri lavoratori, dei nostri giovani e dei nostri anziani… E prestare meno attenzione alle promesse vuote fatte da alcuni guru della Silicon Valley “A chi interessa più guadagnare follower o scalare la lista di Forbes che il vero progresso dell’umanità.”

In questo senso ha affermato che “il mondo oggi più che mai ha bisogno”“Governance globale della digitalizzazione” Chi difende i diritti dei cittadini al di sopra degli interessi degli Stati e delle imprese. Ha sottolineato qui il lavoro svolto dall’Europa attraverso l’accordo sulla legge sull’intelligenza artificiale raggiunto alla fine dello scorso anno.

Incontri con le “big tech company”

A parte il suo intervento, il Primo Ministro ha avuto abbastanza tempo per farlo Incontra i manager delle principali aziende tecnologiche Durante il vostro soggiorno nella città svizzera.

Nello specifico, Sanchez ha partecipato ad un incontro informale Con il co-fondatore di Microsoft Bill GatesViene insegnato anche attraverso il loro profilo su

Ha anche coinciso con il CEO di Intel, Pat Gelsinger, con il quale ha parlato “Grandi sfide e sfide tecnologiche” Ha affermato nel suo post sul suddetto social network che ciò che il mondo sta affrontando attualmente rappresenta una “grande opportunità” per trasformare il tessuto produttivo “e generare maggiori e migliori opportunità di lavoro”.

READ  Anche se la capacità installata di energia rinnovabile aumenterà del 50% nel 2023, “non è sufficiente”.

Inoltre, ha incontrato Chuck Robbins, CEO di Cisco, in una conversazione che ha definito “molto produttiva” in cui ha ringraziato l’azienda per la fiducia riposta nella creazione del primo centro europeo di progettazione di chip in Spagna nell’ambito di PERTE Chip.

Allo stesso modo, ha incontrato tra loro Kent Walker, responsabile degli affari globali di Google Ha evidenziato il suo annuncio a sostegno dell’ecosistema dei semiconduttori In Spagna è una “priorità per il governo”. “Potete contare sul nostro pieno sostegno per portare avanti questa iniziativa, che comprenderà anche accordi di cooperazione tra Google e le università spagnole”, ha affermato Sanchez.

Sanchez ha anche condiviso momenti con altri dirigenti tecnologici come il CEO di Qualcomm, Cristiano Amon, o il CEO di Fujitsu, Takahito Tokita.

La prima apparizione di Escrivá

Da parte sua, Escrivá, la cui posizione è stata praticamente dimostrata a livello internazionale con questo intervento, nel suo intervento in questo forum si è concentrato su L’avversione al rischio riscontrata nel continente antico. Secondo lui, il sistema finanziario della regione è “fortemente dipendente dalle banche e non orientato al mercato dei capitali, come negli Stati Uniti”, per questo ha sottolineato la necessità di rafforzare “più istituzioni pubbliche” che sostengano il sistema finanziario della regione. finanze. capitale di rischio, “Assumersi più rischi da parte del management”.

Ha anche sottolineato l'importanza di costruire Il mercato unico europeo è un’ancora di salvezza di fronte alla mancanza di competitività In questo mercato. Qui ha sottolineato il ruolo della Spagna nel ridurre la burocrazia e l'eccesso di regolamentazione attraverso misure come la legge sulle start-up.

READ  Uber introduce supplementi carburante negli Stati Uniti a causa dell'aumento dei prezzi del gas

[José Luis Escrivá, en Davos: “Europa debe asumir más riesgos para ser competitiva en innovación”]

Escrivá ha sottolineato anche le sfide implicate Attrarre e trattenere i talenti. “In Europa, forse a causa della cultura che abbiamo nei confronti dell’uguaglianza, siamo molto riluttanti a premiare o riconoscere il talento; le due parti non si escludono a vicenda: possiamo premiare il talento e il successo mantenendo politiche ambiziose di ridistribuzione del reddito”, ha affermato.

È interessante notare che il nuovo Ministro della Trasformazione Digitale e dei Servizi Pubblici ha coinciso con il suo predecessore Nadia Calviño, che ha partecipato al Forum di Davos in qualità di Presidente della Banca Europea per gli Investimenti (BEI). La sua apparizione a Davos è stata uno dei suoi primi interventi dopo il suo insediamento il 1° gennaio.

L'intelligenza artificiale come protagonista

Oltre agli interventi dei rappresentanti spagnoli, AI è emersa come protagonista indiscussa di diversi altri discorsi, tra cui quello della presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen. Lo ha spiegato il presidente europeo nel suo discorso Opportunità derivate dall'utilizzo di questa tecnologia Purché venga utilizzato in modo responsabile.

Allo stesso tempo, il Primo Ministro della Repubblica popolare cinese ha espresso: Ha descritto l’intelligenza artificiale come una “spada a doppio taglio”. Può avere conseguenze positive per il progresso umano, ma comporta anche rischi per la sicurezza e l’etica, ha spiegato.

Di questo ha parlato anche il CEO di Microsoft Satya Nadella, che ne è stato un sostenitore Promuovere normative comuni a livello globale E organizzare questo strumento con l’obiettivo di favorirne lo sviluppo e controllarne i potenziali effetti negativi.