Novembre 27, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

PENAZZO IN PUBBLICO E PRIVATO: IVAM accoglie la visione più intima dell’artista

Valenzano. Ignacio Benazzo È tornato all’IVAM, e lo fa con il suo aspetto più intimo e la mano di un coordinatore Vicente Bla, è specializzato nell’arte valenciana della fine del XIX e dell’inizio del XX secolo. Insieme a lui Piazza Culcher Vai in piscina Binazzo nello spazio pubblico Una mostra situata nella sala delle pareti dell’IVAM, dove si terranno le opere dell’artista valenciano fino all’inizio dell’estate. La galleria contiene circa 70 dipinti dell’artista, la maggior parte dei quali inediti, e più di 150 pezzi che incorniciano il racconto visivo del visitatore. I dipinti sono mescolati con elementi della collezione personale di Pinazo, sia fotografie, pubblicazioni e riviste che lui stesso conservava nella sua casa.

Per affrontare il modo di vivere dell’artista e metterlo in relazione con il suo lavoro, Pla ha scelto di creare una storia dai suoi primi lavori quando aveva appena 20 anni fino al suo più recente, e metterla in relazione con i media. Per generare questa lettura, Pla ha lavorato con Vicente Martinez, progettista del percorso e incaricato del montaggio della stanza, che è riuscito a creare una storia attraverso un gioco di colori e montaggio temporale. Pla ritiene che in questo modo la mostra segua una narrazione chiara e cataloghi opere che cercano una coerenza plastica e autobiografica.

La mostra suggerisce un approccio meno accademico al lavoro di Benazzo, come definito da Pla: “In questa mostra l’artista riconosce il suo discorso autobiografico e coincide con il suo contesto”. Tutto questo avviene attraverso dipinti, disegni e naturalmente lo studio dell’artista condotto in spazi aperti, opere in cui si può pensare al comportamento delle masse e al loro rapporto con il contesto culturale: “Il tuo progetto è connesso con l’idea di ​​rappresentandolo Vita quotidiana e pittura della Spagna, e in questo modo cerca di immergersi nella folla “, spiega la mostra Amin.

READ  Hubble della NASA cattura gli ultimi istanti di una stella mostruosa | Scienza ed ecologia | DW

Dall’ostruzione al rilascio

L’artista raffigura Valencia, l’epidemia di colera e il bombardamento del 1869 con inquietanti dipinti neri. In costante armonia con il suo lavoro, si possono vedere fotografie e materiali concettuali, come alcuni dipinti che riproducono una scena del bombardamento del 69, che lo stesso esercito spagnolo fece reprimere la Rivoluzione della Repubblica Federale a Valencia. Questo Benazzo vive nella sua strada, contemplando stragi e uno spettacolo tetro. Dipinge così un palcoscenico oscuro segnato dalla situazione agonizzante che lo circonda, definito nella mostra come uno spazio di ostacoli e shock.

Un gruppo di persone, 1869. Ignacio Benazzo (Efam)

Di fronte agli anni Settanta dell’Ottocento, l’artista si reca in Italia, contemplando in modo più aperto ciò che lo circonda: “Questo è il periodo dell’apertura e dell’espansione, qui la sua percezione si trasforma in una percezione completamente dinamica in relazione allo spazio pubblico che vive”, come definito dal curatore. Per inserire il visitatore nella storia, nel fondo della sala muraria sarà collocata una proiezione di “immagini in decomposizione” per impostare il contesto dell’ambiente di Pinazo. Pla li definisce come immagini associate all’idea di una continua scomposizione dell’immagine occupata dallo spettatore visivo alla potenza del cinema. Alla mostra sarà possibile contemplare le immagini dello spettacolo delle lanterne magiche, in voga a partire dall’Ottocento, e immagini di dipinti decadenti, sui quali lo stesso Benazzo conservava alcuni manifesti nella sua collezione personale. Negli spazi espositivi sarà possibile contemplare una raccolta di documentari dell’epoca dell’artista e verranno proiettati due film di finzione, di cui uno girato nella stessa Godella, il tutto per collocare il visitatore nell’ambiente dell’artista e scavare nell’immaginazione.

La visione intima di una storia aggiornata

Secondo Pla, è necessario portare Pinazo nelle discussioni culturali attuali per studiare e analizzare come ci relazioniamo con lo spazio pubblico: “È un pittore che, al di là delle sue influenze artistiche, ha una sensibilità e un grande interesse nel vivere e rappresentare le persone e studia i modi di vita del suo tempo”. Stranamente, questa lettura è in vigore oggi, insieme allo stato dell’epidemia, anche se per l’assessore si trattava solo di una coincidenza: “Questa idea mi è venuta prima dell’epidemia, pur vedendo il discorso di opere collegabili alla spettatore attraverso gli spazi”. Tuttavia, ciò che viene contemplato nella mostra rimane una lettura psicologica per le masse, poiché lo spazio pubblico è percepito secondo la concezione dell’artista.

READ  NTV: uno spazio accompagna la nostra gente - Juventud Rebeldi

personaggi femminili.  Ignacio Benazzo (IFAM)

Spiccano invece le componenti della collezione personale e le opere dell’artista, che vedono la luce per la prima volta. Come sottolineato Manolo Gonzalez, uno dei primi biografi di Benazzo, va precisato che non si tratta di bozzetti perché l’artista non intendeva realizzare con essi opere finite, e nella maggior parte dei casi: “È un’opera indipendente quella che firma e racconta. come una sorta di libro di memorie, che oggi è considerato un progetto d’arte”, conferma None. Accanto a questi progetti e oggetti della sua collezione personale, si giunge a una lettura dell’artista nei confronti delle folle e di se stesso.