Febbraio 27, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quali azioni consigliate nel mezzo di un mercato rialzista di Wall Street?

Quali azioni consigliate nel mezzo di un mercato rialzista di Wall Street?

In questa notizia

Le azioni americane estendono il trend rialzista e raggiungono nuovi massimi. Gli investitori sono interessati ai prossimi passi della Federal Reserve, che si riunirà la prossima settimana.

Allo stesso tempo, Il mercato continua a ricevere nuovi dati societari, nel pieno della stagione dei bilanci.

Raccomandano cautela e diversificazione dei portafogli di investimento in un contesto di crescita del mercato statunitense.

Obbligazioni e azioni continuano a guadagnare grazie ai progressi del Congresso Le azioni del settore finanziario si svegliano: quali azioni consigliano gli analisti?

La tendenza al rialzo continua

Le azioni di Wall Street sono inarrestabili.

I tre principali indici azionari di New York hanno raggiunto i massimi storici e hanno registrato guadagni fino al 4% quest'anno.

Nel 2023, il Nasdaq ha chiuso con un guadagno del 54,4%, il più grande guadagno annuale dal 1999. Nel caso dell’S&P 500, l’indice è salito del 24,6%, mentre il Dow Jones ha chiuso il 2023 con un progresso del 13,8%.

Questa tendenza è continuata per tutto l’anno con le aspettative che la Federal Reserve inizierà a tagliare i tassi di interesse quest’anno.

Gli investitori festeggiano il fatto che la banca centrale americana abbia evitato un forte calo dell’economia nel contesto della sua battaglia per ridurre l’inflazione.

Guardando al prossimo anno, diverse banche di investimento sono divise in termini di aspettative su ciò che potrebbe accadere alle azioni quest’anno.

Il fondo di investimento di Oppenheimer stima che l'S&P 500 raggiungerà i livelli di 5.200 entro il 2024, il che significherebbe un aumento del 6% rispetto ai valori attuali.

Citibank, Deutsche Bank, Goldman Sachs e BMO stimano che l'indice S&P 500 salirà del 4% rispetto ai valori attuali nel 2024, chiudendo a 5.100 punti.

Da parte loro, Bank of America e RBC Capital Markets vedono l'indice salire a 5.000 punti entro la fine del 2024, con un incremento del 2% rispetto ai valori attuali.

Al ribasso c'è JP Morgan, che prevede che l'indice Standard & Poor's 500 scenda a 4.200 punti, un calo del 14% rispetto ai valori attuali.

Al ribasso anche Morgan Stanley, Scotiabank, Wells Fargo e Société Générale, con perdite comprese tra -8% e 3% rispetto ai valori attuali.

Ai suoi massimi livelli storici

Il fatto che il mercato sia ai massimi livelli e abbia registrato una crescita del 18% da ottobre a oggi rende gli analisti più cauti e selettivi.

READ  È stato inaugurato così il 30 ottobre in Argentina

Juan Manuel Franco, capo economista del Grupo SBS, ritiene che dopo il recente rally dei mercati sia opportuno essere prudenti e scegliere bene le proprie carte, poiché il mercato esclude uno scenario di profitto molto positivo che le aziende devono ora convalidare con i numeri.

Allo stesso modo, Franco ha sottolineato che dal punto di vista macro, sebbene la Fed sia riuscita a ridurre l’inflazione dopo un forte aumento dei tassi di interesse, è ancora lontana dall’obiettivo annuale del 2%, il che potrebbe implicare uno scenario di tassi di interesse più elevati. periodo.

“Il mercato sconta fino a 6 tagli dei tassi di interesse e vediamo che ce ne saranno meno. Per quanto riguarda i titoli, preferiamo nomi forti nel settore tecnologico come Microsoft, Apple o Google, e pensiamo sempre al medio e lungo Franco ha affermato: “Crediamo che ci sia valore nelle società legate alle materie prime”.

La prossima settimana ci sarà il primo incontro della Fed quest'anno, e si prevede che manterrà i tassi di interesse invariati, con una probabilità del 97,4% che alla fine ciò accada.

Si prevede che lo stesso accada alla riunione di marzo, mentre il primo taglio del tasso di interesse da parte della Fed è previsto per maggio, collocandolo in un intervallo compreso tra il 5% e il 5,25%.

Sono previsti cinque ulteriori tagli dei tassi di interesse per il resto del 2024.

Inoltre, siamo nel bel mezzo della stagione dei bilanci. Lo hanno riferito finora le banche e diverse aziende negli Stati Uniti. Nella maggior parte dei casi si sono comportati meglio del previsto.

La prossima settimana sarà un’intensa presentazione dei bilanci con l’arrivo dei numeri dalle grandi aziende, comprese le principali società tecnologiche.

I nomi includono: Pfizer, General Motors, UPS, Microsoft, AMD, Google, Starbucks, Boeing, Qualcomm, Apple, Amazon, Meta, Chevron, ExxonMobil, Merck, US Steel, Franklin Templeton, MetLife e Honeywell. e altri.

Anche Paulino Siwan, responsabile Investment Ideas di Balanz, raccomanda di essere selettivi quando si inseriscono azioni nei portafogli.

In questo senso, lo specialista ha confermato che i bilanci che le aziende presenteranno saranno importanti per determinare il futuro dei titoli.

“Il prezzo attuale dell'indice S&P è relativamente caro. Sebbene sia ai livelli più alti a livello nominale, non ha ancora raggiunto i livelli più alti dal punto di vista dei multipli. È fondamentale che i bilanci e gli utili aziendali siano in grado di giustificare questo prezzo “, ha avvertito. In caso contrario vedremo sicuramente delle correzioni.

READ  Cos'è il “crypto winter” e perché se ne è parlato in questi giorni | Bitcoin | Criptovalute | Economia | tdex revtli | le risposte

Per quanto riguarda i settori, Siwan ha sottolineato che tutto ciò che riguarda l’intelligenza artificiale, sia hardware (semiconduttori) che software, mostra potenziale.

“Le nostre aziende in primo piano includono AMD, Lam Research, Qualcomm, Intel e Nvidia sul lato dei semiconduttori. E sul lato del software Microsoft, IBM e Meta. Come attori alternativi nel settore dell'intelligenza artificiale, vogliamo evidenziare GE che sta completando il suo processo di ristrutturazione Un altro settore da considerare è quello sanitario, in cui segnaliamo LLY (Eli Lilly)”, ha affermato Seoane.

Sebastin Azumendi, commerciante di vendite internazionali presso Adcap Grupo Financiero, ha confermato che gli aumenti delle azioni sono dovuti alla prospettiva più indulgente della Fed, sebbene questa informazione sia già inclusa nei prezzi.

“Sia l'S&P che il Dow Jones sono in rialzo. Il fatto che i tassi di interesse sui buoni del Tesoro verranno abbassati quest'anno è positivo per le azioni, ma nella maggior parte dei casi sono già prezzati in anticipo. Le previsioni della maggior parte delle banche di investimento vedono entrambi gli indici terminare il 2024 a livelli più alti” ha detto Azumendi.

D'altro canto lo specialista di Adcap Grupo Financiero monitora anche i bilanci delle aziende.

“Mancano settimane all'annuncio dei risultati. La maggior parte delle banche lo ha già fatto e con buoni numeri. Allo stesso modo, ci sono ancora più aziende come le grandi aziende tecnologiche (Google, Apple, Nvidia, Meta, Amazon, Microsoft, ecc.) ).” spiegare.

Infine, per quanto riguarda la strategia, si raccomanda cautela riguardo all'attuale livello delle azioni.

“I livelli dell'S&P 500 sono molto alti e dobbiamo tenere conto che gli anni delle elezioni presidenziali negli Stati Uniti di solito non sono buoni per Wall Street. Consigliamo di ridurre i rischi o di prendere profitti in società tecnologiche come Amazon e Microsoft e iniziare ad accumulare posizioni. “Nei titoli dell’economia reale, ovvero nelle blue chip tradizionali.”

Portafogli consigliati

Il fatto che il mercato statunitense sia ai massimi livelli significa che le opportunità di aggiustamento stanno crescendo marginalmente e che potrebbero essere evidenti alcune riduzioni temporanee.

Ciò non significa che gli investitori non debbano acquistare azioni, ma piuttosto che la chiave è la selettività e la diversificazione del portafoglio, che sembrano cruciali in questo momento.

READ  L'inflazione dell'Eurozona è in espansione e continuerà ad aumentare, afferma Schnabel della BCE

Falvio Castro, analista di gestione patrimoniale presso Criteria, ha aggiunto che il 2023 ha lasciato buoni rendimenti per le attività di rischio, quindi il 2024 fornisce argomenti per rimanere aggressivi nei portafogli di Cedears.

“È difficile sapere esattamente cosa porterà il 2024 in termini di rendimenti di mercato, ma alcuni aspetti del mercato e dell’economia statunitense ci fanno pensare alle opportunità per rimanere aggressivi nelle nostre scelte”, ha affermato.

In questo senso Castro ha sottolineato che Visa e Alphabet rimangono i suoi titoli preferiti nel mercato attuale.

All'inizio del 2024, Portafoglio di riferimento consigliato da Cederasdetiene il 40% del suo portafoglio tra queste due alternative di valore.

“Visa È influenzato dalla tendenza verso una società senza contanti e beneficia della diffusione del commercio elettronico. Si prevede che genererà un significativo flusso di cassa libero nei prossimi anni e le sue prospettive di crescita degli utili ne trarranno beneficio. Per questa parte, l'alfabeto (Google) ha tutte le caratteristiche per diventare una delle aziende più performanti nel 2024.”

Il portafoglio azionario consigliato per i benchmark è Google (20%), Visa (20%), McDonald's (5%), Cisco (10%), Microsoft (10%), UnitedHealth (10%), Pepsi (10%), Apple (10%) e Berkshire Hathaway (5%).

Infine, gli analisti del Grupo IEB raccomandano anche un portafoglio diversificato di azioni statunitensi, sia in titoli che in ETF.

“Il nostro portafoglio CEDEAR proposto ha mantenuto un risultato positivo durante il primo mese dell’anno, con un rendimento del 32,92%, che rappresenta uno spread del 3,10% rispetto al nostro benchmark; SPY (S&P 500), 3,41% rispetto a QQQ (Nasdaq 100); 01% rispetto al Dow Jones Industrial ETF (DIA) che ha ottenuto un rendimento del 28,91% nello stesso periodo”, precisa il Gruppo IEB.

I titoli degni di nota includono l'ETF S&P500 (20%), l'ETF Dow Jones (15%) e il Nasdaq (4%).

Raccomandano anche titoli specifici come Microsoft (4%), Google (4%), Meta (4%), Amazon (4%), Nvidia (4%), Vista (4%), Mercado Libre (5%), Berkshire Hathaway (10%), Disney (3%), McDonald's (4%), Coca-Cola (7%) e altri.