Marzo 5, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Questa “torre pendente” in Italia è in “massima allerta” per il collasso

Questa “torre pendente” in Italia è in “massima allerta” per il collasso

(CNN) — Una “torre pendente” che si è piegata ma è rimasta ferma per quasi 1.000 anni. Ma ora i giorni della Torre Garrisenda a Bologna, in Italia, possono essere contati. Dopo le udienze del mese scorso, la città sta spingendo per un piano di protezione civile per il “crollo improvviso e inaspettato della torre” che domina lo skyline di Bologna dal XII secolo.

Il consiglio comunale ha precisato in un comunicato che sarà eretto un anello metallico di sicurezza “per contenere i detriti derivanti da un possibile crollo, ridurre i danni agli edifici circostanti, ridurre l’esposizione della popolazione e impedire l’accesso all’area riservata”.

Il giardino sarà fissato al terreno e sarà dotato di reti di sicurezza contro la caduta massi appositamente progettate, che saranno metalliche e ancorate al terreno.

Il team scientifico che monitora il sito dal 2019 ha avvertito di un possibile crollo in un rapporto di 27 pagine condiviso con la CNN.

Mette il sito in “massima allerta” e afferma che gli esperti “ritengono che non ci siano condizioni sicure per operare sulla torre o nelle sue vicinanze, se non nel quadro del Piano di Protezione Civile”.

Il monitoraggio del sito nell’ultimo mese ha rivelato un “andamento imprevedibile e rapido” di ritiro “schiacciante” alla base della torre, graduale disintegrazione della pietra utilizzata per coprire la base e ampliamento delle fessure nella muratura sovrastante. .

I lavori di consolidamento già in corso verranno interrotti e la zona di esclusione sarà costruita “al più presto possibile”.

Tuttavia, la torre non corre il pericolo imminente di crollare, ha detto un portavoce alla CNN.

“Ci comportiamo come se si trattasse dello scenario peggiore, ma ciò non significa che accadrà”, ha detto, aggiungendo che le precauzioni sono attualmente in allerta “gialla” anziché rossa, dove un collasso è imminente.

READ  L'Italia approva 14.000 milioni di dollari di incentivi contro gli aumenti energetici

“Ci comportiamo come se crollasse, ma nessuno sa quando accadrà: potrebbero essere tre mesi, 10 anni o 20 anni.”

“Se c’è un rischio immediato di crollo, evacueremo tutti”, ha detto, aggiungendo che le apparecchiature di monitoraggio forniscono letture ogni 15 minuti, il che significa che dovrebbero essere allertati in caso di crollo ed essere in grado di evacuare l’area circostante.

Una poesia di Dante

La torre è stata messa in quarantena in ottobre per il monitoraggio. (Credito: Michele Lapini/Getty Images)

La Garricenda, alta 48 metri, una delle famose “torri gemelle” di Bologna che domina il centro della città, fu costruita nel XII secolo, quando Bologna era una mini Manhattan, con dozzine di torri che svettavano verso il cielo. Costruito da famiglie locali, cercando di costruire più alto del precedente. Oggi ne restano pochissimi. Di quelli rimasti, molti avevano tagliato la parte superiore e si erano trasformati in case normali.

Caricenda è inclinata di un angolo di quattro gradi ed è leggermente più verticale di cinque gradi. Torre pendente di Pisa. Era già pendente quando Dante scriveva agli inizi del XIV secolo”Inferno”, in cui descrive la sensazione di vertigine guardando il lato reclinato di Caricenda. Successivamente accorciato, si erge nel centro della città, accanto agli Asinelli, una torre alta il doppio di quella su cui potevano salire i turisti fino al mese scorso.

Il sindaco di Bologna Matteo Lebor ha ordinato la chiusura dell’area intorno alle torri in ottobre, anche se la decisione di isolarle è avvenuta per motivi di indagine piuttosto che per ragioni di sicurezza. Attorno alla caricenda sono stati posizionati dei sensori acustici per monitorare gli scricchiolii, e in entrambe le torri è stato installato un pendolo per monitorare il movimento e vedere se la regolare “oscillazione” superava una certa soglia.

READ  Iniziativa Love Path supera le aspettative - Escompre

Quell’indagine ora mostra non solo un aumento del restringimento alla base della torre, ma anche che l’inclinazione della torre ha iniziato a spostarsi da una direzione est o sud-est a 90 gradi verso sud.

Un portavoce dell’amministrazione locale ha affermato che le condizioni sono in costante peggioramento da luglio.

“Situazione inevitabilmente pericolosa”

Verrà ora costruita una zona di esclusione. (Credito: Comune di Bologna)

Dal 2020 si è osservato un progressivo deterioramento della roccia attaccata alla base e crepe verticali nei mattoni che compongono la torre, ma queste ora sono peggiorate.

Il rapporto, pubblicato il 15 novembre, conferma che la torre è “in condizioni inevitabilmente pericolose da tempo” e suggerisce che interventi precedenti, tra cui un “cerchio” di fili e cavi d’acciaio attorno al sito nel 2020, hanno peggiorato la situazione.

“Purtroppo la situazione generale è peggiorata in modo significativo, con implicazioni preoccupanti per la stabilità complessiva della torre”, si legge nel rapporto.

“Questa tendenza inaspettata e accelerata spinge il team a sospendere immediatamente tutte le operazioni in corso (in particolare il consolidamento) e a mettere il sito in massima allerta. [El comité cree] Tranne che nel quadro del Piano di Protezione Civile, non esistono condizioni sicure per operare all’interno o intorno alla torre.

Secondo un portavoce dell’amministrazione locale, hanno avuto un ruolo anche gli eventi meteorologici estremi, tra cui le alte temperature quest’estate e le inondazioni all’inizio di quest’anno.

allarme rosso

L’accerchiamento terminerà a febbraio. (Credito: Comune di Bologna)

I materiali per l’anello di sicurezza saranno consegnati al cantiere vicino alla torre nelle prossime settimane, e i lavori saranno completati a febbraio, ha detto il consiglio comunale.

READ  Un misterioso anello di luce rossa è apparso nel cielo sopra l'Italia, di cosa si trattava?

Ma chiunque creda che il Giardino si abbinerà agli edifici medievali che lo circondano rimarrà deluso dalle immagini del progetto, che mostrano barriere rosso vivo che circondano la caricenda. Si può però solo sperare che sia temporaneo: il rapporto sottolinea che eventuali misure anti-crollo devono essere reversibili.

Una volta stabilito il blocco, le nuove indagini verranno condotte in due fasi, ha detto un portavoce municipale: prima per trovare una soluzione per stabilizzare la torre, e poi per affrontare il problema di fondo.

La prima fase creerà una “gabbia” metallica per la struttura, ha detto. La seconda fase è più controversa.

“Alcuni dicono che lo abbatteremo, rifaremo le fondamenta e ricostruiremo. Altri dicono che lo abbatteremo [la propia torre] Come si faceva nel Medioevo. “Queste sono tutte ipotesi che stiamo studiando: la torre ha quasi 1.000 anni e non esiste un regolamento”, ha detto.

I lavori non saranno economici: solo il giardino costerà 4,4 milioni di euro (circa 4,8 milioni di dollari) e qualsiasi lavoro di stabilizzazione costerà “milioni e milioni”, ha detto il portavoce. Creato dal Consiglio Comunale Raccolta fondi online L’obiettivo è raccogliere 3 milioni di euro. In una settimana ha già raccolto 800.000 euro.

“Le torri gemelle insieme al portico sono uno dei simboli della città [protegidos por la Unesco]”ha detto il portavoce.

“Non si tratta solo di salvare un sito storico; Ha anche un valore simbolico molto forte.