Maggio 25, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Tenerife in bicicletta” afferma che lo spazio è stato eccezionale per 30 anni nel settore dei pendolari

“Tenerife in bicicletta” afferma che lo spazio è stato eccezionale per 30 anni nel settore dei pendolari

Tenerife por la bici riprende lo spazio sospeso di 30 anni di bicicletta nel pendolarismo isolano all’interno dei centri urbani. I suoi leader lo considerano “il grande dimenticato negli studi” e che “tutto deve essere fatto”. Di recente hanno tenuto un incontro con il nuovo governo del Cabildo de Tenerife per ricordare che “non ci sono chilometri di infrastrutture ciclabili (piste ciclabili) il cui uso è riservato al trasporto e non al tempo libero o allo sport”. Questo nel contesto di “dove il 50% degli spostamenti avviene all’interno delle città e il 75% degli spostamenti non supera i sette chilometri”.

Fernando Davara, redattore del Piano insulare per la mobilità sostenibile a Tenerife, si è espresso così nell’incontro del 10 tenuto dal Presidente del Cabildo, Rosa Davilaa cui hanno partecipato circa 60 soggetti. Secondo le fonti dell’associazione, “la bicicletta è chiamata a scoraggiare la mobilità sostenibile nei prossimi anni”.

Il Senato, insieme al Cities Bike Network, ha stilato una roadmap per comuni e isole affinché la decarbonizzazione sia raggiunta entro il 2040. L’obiettivo è avere una quota del 10% nel pool di corse nel 2030. In questo quadriennio, il 6% dei pendolari dovrebbe utilizzare la bicicletta entro la metà del 2027. Ciò significa una crescita dell’1,5% annuo. È una grande sfida perché oggi, al massimo, è stato raggiunto lo 0,3%.

Questa entità ritiene che per raggiungere questo “è necessario avere una chiara volontà politica di mettere la bicicletta, non solo al centro delle politiche di mobilità sostenibile, ma, almeno, sullo stesso piano del trasporto pubblico in autobus e tram. Una delle proposte è la creazione di un Osservatorio Island Bike a sostegno di 31 comuni. Ricordiamo che l’ULL avvierà presto un piano di mobilità sostenibile,

READ  Scopri la storia del gioco e quando gli esseri umani sono arrivati ​​nello spazio > Geek Culture%

Valori collettivi: “Non dovremmo aspettare che la popolazione – o la classe politica – cambino mentalità sulla modalità di autotrasporto, ma a favore della creazione di un’infrastruttura ciclabile”. Il motivo che spinge automobilisti, utenti di autobus o tram e pedoni a “andare in bicicletta”. E affermano: “Questo è quello che è successo a Siviglia, che è passata dall’assenza di piste ciclabili a una rete di 80 chilometri in quattro anni”.

Tenerife por la bici si impegna a “promuovere e sostenere finanziariamente la formulazione di piani di mobilità sostenibile nei comuni che ancora ne sono sprovvisti”. Oltre a “finanziare la scrittura di una rete ciclabile di base per ogni municipio e ULL”.

Concludono che questa sarà la norma per i prossimi quattro anni e non è un’utopia. Ancora oggi è possibile accedere al Virtual Bicycle Office, creato nel 2017 e ospitato sul sito web di Al Jazeera Sports District. Hanno concluso: “Vogliamo credere che questa volta siano seriamente intenzionati a cambiare il movimento sull’isola. Un ciclista è una grande opportunità. Non lasciamolo da parte, ancora una volta”.