Dicembre 9, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guarda Paula / Oh La La

In questo oceano onnipresente di dozzine e centinaia di nuova musica, hai davvero bisogno di una canzone che si distingua sopra la media per debuttare. Mira Paula è riuscita ad attirare l’attenzione non con una o due canzoni, ma tre canzoni sono state incluse in questo primo EP. Inoltre, in questo caso, non siamo soli: tutti e tre sono già vicini ai 100.000 stream su Spotify.

Paula Ruiz è una giovane artista multidisciplinare nata ad Alicante e con sede a Madrid, che, oltre ai suoi primi passi nella danza e nel teatro, recita nella troupe. Natalia Lacunzain Gange In un progetto chiamato Viola. A Mira Paula governano tutte le influenze francesi. E lo dico al plurale perché per un universo sonoro in cui possiamo parlare dei più diversi di Benjamin Bewley, dobbiamo aggiungere un universo cinematografico molto vario. essi La prima grande canzone si chiamava “Godard”.; L’attrice Marion Cotillard è il grande riferimento su cui scommette nel suo comunicato stampa.

La “caduta del nome” può essere molto pedante, insopportabile e molti decenni dopo “Bande à part” o “Vivre sa Vie”, che ha ispirato molti altri blog, musica e film. Nel caso di Mira Paula, è più un modo per incanalare i suoi sentimenti che per darle un elenco. “Godard” è una canzone post-rottura che si vergogna della sua pietà (“È tutto così assurdo che mi vergogno del mio stato d’animo”), e si connette con l’universo profondo che La Casa Azul di solito ci offre.

Qualcosa che sottolinea il carattere di “Buena gente”, dato che Guille Milkyway sembra uscire in qualsiasi momento per fornire ritornelli, in particolare nella parte “Mi piacerebbe sempre essere brave persone”. Invece, Jang si è avvicinato a fare un duetto in “Alice et Moi”: “Ho pensato a un piano per noi due / Popcorn all’Ideal Cinema / E suonare i dischi in qualsiasi bar / Io e te Alice et Moi”. In un’altra città (non importa quale), in un’altra (più di quella), questo potrebbe essere un personaggio di “Il suono frizzante di La Casa Azul“.

READ  Alessandra Rosaldo torna sul palco ed Eugenio Derbez è orgoglioso di lei

La produzione è più francese e ha insistito sul fatto che è più italiana. Questa base musicale è quella perfetta perché le parole di Mira Paola siano più pronunciate che cantate, cosa che funziona soprattutto in “Buena gente” per via della sua quotidianità. “A volte mi sento ridicolo” è un ritornello irresistibile, uno di quelli capaci di piangere, ma attenzione anche alla seconda sillaba: “Bevo succo la mattina, lo faccio tutti i giorni a letto / Mi dedico all’esercizio, mi andare a letto prima delle 12 / Vado al Park la domenica, tutti i giorni leggo un libro/faccio yoga, non fumo mai, non mi drogo, al massimo/chiudo Tinder, e non flirto durante la settimana. ” Mentre la produzione della canzone fatica ad alzarsi, Paula fatica a convincersi, a rifare se stessa.

Ci sono alcuni casi in cui la canzone più ballabile dell’album non è immediatamente la migliore, e questo accade in questo EP con Alice et Moi, che comunque arriva in una buona posizione a metà delle cinque canzoni, prima di Oh La Chiude La by electropop di Édith Piaf E una storia più audio nel contesto di Carla Bruni. Ana Cora aveva già spagnolo “Rien de rien”, e se quello Una riflessione molto rara sul finale di Movida, questo attira l’attenzione per il suo carattere violento. “Indosso un mantello, mortai e coltelli di ferro, e ora nel mio tempo libero posso ricominciare da zero”, dice Mira Paula, facendoci pensare a Maria Rhodes nella sua commedia. L’EP è così ricco, non è mai andato in pezzi a causa dei suoi molteplici riferimenti, che dovrebbero predire il meraviglioso anno 2023 per questo nuovo artista.

READ  Barbie: Kate McKinnon si unisce al cast insieme a Margot Robbie, Ryan Gosling e Simo Liu