Marzo 5, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il motivo eroico per cui il Giappone e la NASA hanno inviato il legno nello spazio – Insegnami la scienza

Il motivo eroico per cui il Giappone e la NASA hanno inviato il legno nello spazio – Insegnami la scienza

interessante!, una pentola Il Giappone e il Giappone stanno collaborando per lanciare un satellite rivoluzionario fatto di legno artificiale, segnando una pietra miliare nella ricerca di soluzioni sostenibili al crescente problema dei detriti spaziali. Questo progetto innovativo è guidato da Università di Kyoto e Agenzia giapponese per l’esplorazione aerospaziale (JAXA).)che porta il nome lignosato L’uscita è prevista per la prossima estate.

La dimensione del satellite è sorprendente: può essere paragonata alle dimensioni di una tazza di caffè. Ma perché scegliamo il legno invece dei materiali tradizionali come l’alluminio? La risposta sta nella resistenza unica del legno allo spazio, dimostrata durante i test condotti quest’anno presso il centro Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

Il legno, in particolare la magnolia, ha dimostrato una straordinaria durata e stabilità nelle dure condizioni dello spazio. A differenza del legno sulla Terra, il legno nello spazio non brucia né marcisce, poiché non c’è ossigeno o organismi che favoriscano questi processi. Questo fatto lo rende un materiale biodegradabile, fornendo una soluzione ambientale alla crescente sfida dei detriti spaziali.

Attualmente, intorno 10.590 I satelliti orbitano attorno alla Terra, inclusi ca 8800 Sono ancora in fase di elaborazione. Supera la massa totale degli oggetti spaziali in orbita 11000 Tonnellate. Dato il previsto aumento del numero di satelliti nei prossimi anni, la ricerca di materiali sostenibili diventa fondamentale per mitigare gli impatti ambientali.

Koji Murataricercatore in Università di Kyoto Il partecipante al progetto spiega che il legno, oltre alla sua sostenibilità ambientale, ha una resistenza al peso paragonabile a quella dell’alluminio. Durante le prove a Stazione Spaziale InternazionaleI campioni di magnolia, ciliegio e betulla sono stati esposti a condizioni estreme, inclusi sbalzi di temperatura, radiazioni cosmiche e particelle solari, senza mostrare deformazioni o cambiamenti significativi.

READ  I primi confronti tra FSR 2.0 e DLSS indicano che AMD ha fatto la sua parte

Alla fine è stata scelta la Magnolia perché aveva meno probabilità di rompersi durante la produzione. Oltre alla mitigazione dei detriti spaziali, si è ipotizzato il possibile utilizzo del legno negli interni dei veicoli spaziali. Il legno può fornire una protezione aggiuntiva agli astronauti dalle radiazioni nocive, aggiungendo un ulteriore livello di beneficio a questo materiale versatile.

Fonte: HispaVision

Tuttavia, nonostante queste promettenti possibilità, permangono ancora incognite sulle strutture spaziali in legno. Tatsuhito FujitaIngegnere presso l’Agenzia aerospaziale giapponese JAXA Partecipazione al progetto lignosatoSottolinea che, sebbene l’utilizzo delle risorse naturali per l’hardware spaziale sia coerente con gli obiettivi di sviluppo sostenibile, la mancanza di precedenti esperienze con il legname sui satelliti lascia domande senza risposta.

Con il lancio previsto del satellite artificiale in legno 2024, il gruppo di ricerca intraprenderà uno studio più approfondito della dissoluzione su scala nanometrica della materia nello spazio. L’obiettivo è sviluppare legni resistenti e ad alte prestazioni per future applicazioni aerospaziali.

Questo entusiasmante progetto non solo rappresenta un importante progresso tecnologico, ma apre anche le porte a nuove possibilità sostenibili nell’esplorazione spaziale. Il legno, che sembra improbabile che venga utilizzato come materiale spaziale, potrebbe diventare la chiave per affrontare le sfide ambientali e tecniche che dobbiamo affrontare nello spazio. Mentre aspettiamo il lancio lignosatoResta da vedere se il fiore di magnolia sarà l’eroe ecologico nel vuoto dell’universo e se le astronavi del futuro somiglieranno più a cabine in paesaggi montuosi che a macchine metalliche.

Condividi la scienza, condividi la conoscenza.