Marzo 5, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Locomía torna in Perù: il fondatore racconta un aneddoto con Freddie Mercury e parla di un controverso contratto che limita le loro libertà |  carattere xavier |  Iljtbik+ |  Luci

Locomía torna in Perù: il fondatore racconta un aneddoto con Freddie Mercury e parla di un controverso contratto che limita le loro libertà | carattere xavier | Iljtbik+ | Luci

All'inizio degli anni '90, negli anni del grunge e del rock alternativo, Locomia Ha fatto irruzione sulla scena musicale con uno stile unico e trascendente. Con un numero enorme di fan, scarpe a punta infinite e spalline stravaganti, la boy band spagnola raggiunse rapidamente l'apice e allo stesso tempo il declino. “Il cielo si è aperto davanti a noi e all'improvviso si è chiuso davanti a noi”, commenta Xavier Font, ideatore ed ex membro di questa proposta che ha attraversato luci e tenebre e che nella sua attuale fase prospera e meravigliosa ritorna nel nostro Paese il 16 marzo. , come parte del suo tour “Locomía Soy Yo”.

Siamo stati quasi sempre attivi. Ci fermiamo solo in caso di epidemia. Infatti, il gruppo attuale conta due membri di 12 e 13 anni (Felix Montas e Ricky Arenas), e uno di otto anni (Aiden Glen). Mio marito, Harold (Kala), è entrato in azienda tre anni fa. È quello che ha meno tempo. Locomía in prima persona sono io. L'ho creato quando avevo 20 anni. Faccio questo da quaranta. Sei stato un pioniere, soprattutto nell'estetica. Non esiste un gruppo come il nostro. E quello che offriamo ora è lo stesso di sempre: canzoni nuove e classiche, così come remake con suoni di oggi“, ha spiegato Font in una telefonata da Barcellona.

Tifoso d'élite

Tre decenni dopo la nascita della band, ricorda Xavier Da non perdere i fatti degni di nota che circondano la collezione e la prima storia che racconta:

Prima di diventare Locomía, Xavier Font e la sua band erano una delle principali attrazioni delle notti spensierate di Ibiza. Nella discoteca Ko, una delle discoteche più importanti della regione, oltre a ballare, vendevano i loro vestiti e scarpe colorati e lussuosi.

READ  Questa è l'acconciatura con cui Ursula Corbero ha spazzato via la festa "La casa de papel"

“Devo ammettere che JQuando Freddie Mercury entrò nel mio negozio e comprò due dei miei vestiti, non sapeva chi fosse“, racconta. Dopo quel primo incontro con i membri della band spagnola, il leader dei Queen li invitò alla sua festa di compleanno al Pikes Hotel, il suo rifugio a Ibiza. Fu celebrata il 5 settembre 1987.

Per il suo compleanno le ho regalato un paio di scarpe fatte a mano. Mi aveva promesso che l'avrebbe indossato e così è stato. Lo usò in uno degli ultimi video che registrò con i Queen, “I'm Going Slightly Mad” (1991). Ho pianto dall'emozione quando l'ho visto. Mi sentivo male perché non riuscivo a camminare bene.“, conferma.

Nel 1987, Lucumia è passato dall'essere un fenomeno dello spettacolo a Ibiza a un maestoso gruppo musicale, la cui base creativa era l'amore e la passione tra i suoi membri.

È iniziato con le persone che si innamoravano. Si innamora di Manuel (Arjuna) e dell'olandese Gard (Bascher). Ho iniziato una relazione con entrambi. Poi si innamorò di Carlos, insieme a tutti. Ero un sognatore e facevo sognare gli altri. Quando si è presentato Il dirigente della registrazione José Luis Gil, Un attore che ha visto prima del tempo la grandezza di quel gruppo, ha iniziato il progetto musicale con quattro di noi 16 persone: Carlos (Armas) si è unito a Gard, e il gruppo è stato completato con me, Manuel e mio fratello Juan Antonio. Poi ci portarono a MadridLui ricorda.

Loco Mía si è formato come gruppo di stilisti e artisti di nightclub a Ibiza. (Immagine: diffusione?

Nel 1989, il gruppo pubblicò il primo album “Taiyo”., Tra cui la leucemia., una canzone che ha raggiunto il successo mondiale, vendendo più di 60.000 copie in un trimestre e stabilendo il record d'oro. E poi arrivarono Rumba Samba Mambo e Gorbaciov. Ma questo non è stato registrato dai voti dei membri.

READ  Joan Turner è un Premio Nazionale per le Arti Performative e Audiovisive

Dovevo giocare di nuovo, cosa che non avevo mai fatto prima. Non volevo dirlo per non offendere la band. È stata una decisione di Gill registrare la sua voce senza darcene la possibilità. Chiunque di noi avrebbe potuto farlo, ma non ce lo hanno permesso, né ci hanno consultato. Poi tutto è cambiato. Successivamente abbiamo avuto un impegno (“Loco Vox” e “Party Time”).“, È chiaro.

Limitare l'impegno

Per far parte di Locomía con Jill a capo, i suoi membri hanno dovuto firmare un contratto restrittivo, costringendoli a nascondere le loro preferenze sessuali e limitando alcune libertà, come andare in locali per soli gay.

Jill è arrivata in un momento difficile di crisi economica, quando la concorrenza ha bruciato la mia casa e mi ha spogliato di tutti i miei beni. Questa è stata l'aggressione più forte che ho dovuto subire, ma sono risorta dalle ceneri come una fenice. Dato che era una delle più grandi aziende del settore, mi fidavo di lui. Ho firmato un contratto senza sapere che avrebbe posto fine alla mia libertà sessuale. Non ho mai avuto bisogno di andarmene Armadio perché non ero mai dentro. Il contratto ci vietava di toccarci le mani, baciarci in pubblico, andare nei locali gay e truccarci. Era un uomo piuttosto autoritario“, Punti salienti.

La fama arrivò all'improvviso e, parallelamente ad essa, aumentarono i problemi di gelosia di Font con il suo partner, Carlos. Per evitare che la situazione peggiorasse, Gil offrì a Font di lasciare il teatro e gli suggerì di dedicarsi interamente all'immagine del gruppo e alla gestione del locale “El Sanctuary Locomía” di Madrid. La proposta venne accettata, ma l'attività di vendita di merchandise della band non ottenne il successo sperato e poco dopo fu costretta a chiudere i battenti.

READ  Chloe rimodella la sua cupola e assume l'ex Saint Laurent per il suo team di progettazione

Mi sono trovato bene con il gruppo, e ad Ibiza mi sono sentito soddisfatto e colpito. Io sono egoista. Jill ha colto l'occasione. Il mio posto è stato preso da Frances, che purtroppo è morta di recente (Lo scorso 22 novembre all’età di 54 anni). Vergogna. Mi ha preso l'impronta digitale, ma poi l'ho recuperata. E la mia leucemia è ancora mia perché sto in piedi. Ero tornato. Ho recuperato ciò che veramente mi appartiene“, Punti salienti.

Per Font Leukomia è più di un semplice business: è la sua vita. Come è successo dopo la première del documentario biografico Movistar Plus+, spera che il film, che sarà presentato in anteprima nell'aprile 2024 su Netflix, rafforzi il gruppo.

“Amo la mia storia e devo continuare a venderla perché è la mia storia. Quando non mi alzerò, vedremo se mio marito (Harold) avrà il coraggio di farla sua e continuare questa magia.”

Leucemia a Lima

Oggi: 16 marzo

Località: Centro spagnolo del Perù.

i biglietti: Joynos.