Febbraio 28, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Medico argentino trasferitosi in Italia per “salvare” una città vendendo case a un euro

Medico argentino trasferitosi in Italia per “salvare” una città vendendo case a un euro

Luciano Verone, medico argentino, ha venduto case per 1 euro e si è trasferito in Italia per “salvare” la città sovraffollata.

Dalla sua promozione nel 2019, la vendita di case a 1 euro in diverse città italiane è riuscita a invertire una tendenza che preoccupava le autorità: attirare nuove famiglie nelle zone spopolate o in invecchiamento, rilanciando l’economia.

La tendenza, consolidatasi a fine 2019, si è rapidamente diffusa dalle Alpi alla Sicilia, dove le case sono state messe in vendita. Erano molto vecchi, abbandonati e in molti casi quasi sull'orlo del collasso.. Ma il suo valore di vendita era inferiore a quello di acquisto espresso, E così continuavano ad essere molto attraenti.

Tuttavia, gli immigrati accolti negli ultimi anni hanno superato le aspettative, e oggi le loro autorità si trovano ad affrontare un nuovo problema: Negli ospedali mancano i medici.

Meyer è stato uno dei primi a notare questa situazione Musomeli, Comune situato al centro della Sicilia. “A causa della carenza di operatori sanitari nell’ospedale cittadino, È stata firmata un'associazione tra l'Università Nazionale di Rosario in Argentina e il nostro comune per coprire i posti vacanti.Presto produrremo nuovi medici argentini che parlino fluentemente l'italiano”, ha detto Giuseppe Catania.

Il comune di Mussomeli è situato al centro dell'isola di Sicilia

Per fare questo, ha contattato Erica Moscatello, una donna di Córdoba che si era stabilita a Rosario, dove ha incontrato il suo attuale marito, Javier Ravicule, e dopo aver vissuto con lui per 20 anni in Spagna, hanno trovato a Muzomelí il loro posto nel mondo.

E' moscatello Ambasciatore della Confederazione Italiana delle Piccole e Medie Imprese Private (CONFAPI) della Sicilia e presidente del comitato consultivo Cassidy Per la pubblica amministrazione, nell'agosto 2021 il governo Musomali ha affidato il compito di acquisire acquirenti di “case a 1 euro” in tutta la regione del Mercosur. Ma ora ha aggiunto una nuova sfida: Aiutaci a risolvere un’emergenza sanitaria.

“L’Ospedale Musomeli offre uno stipendio base di 3mila euro. Gestiamo le loro pratiche di immigrazione, rivalutiamo i loro titoli e li consigliamo nella ricerca di una casa. Appena arrivano, dopo 15 giorni sono già funzionantiMoscatello ha detto Infobay.

READ  Dubbio in Italia sulla partecipazione del Bungero ai Mondiali

Un chirurgo di Rosario fu uno dei prescelti per entrare nell'ospedale Maria Immacolata Longo, che stava per chiudere per carenza di medici. Luciano Verone; Si è trasferito nella comune nell'aprile di quest'anno con la moglie e i gemelli di 11 anni.

Il giorno in cui il dottor Veron ha firmato un contratto per lavorare all'ospedale Musomeli

Verone, specialista in ortopedia e traumatologia, ha già iniziato da solo la revisione del titolo, avendo già avuto l'idea di trasferirsi in Italia 20 anni fa quando era ancora calciatore. Successivamente, quando viene a conoscenza della convenzione tra l'Università Nazionale di Rosario – dove si è laureato nel 2005 – e il comune di Muzomeli, contatta Erica Moscatello e il suo nuovo progetto professionale inizia a prendere forma.

“Tutti e quattro avevamo la cittadinanza italiana, i miei figli hanno studiato alla Dante Alighieri e ci stiamo preparando a questo da quando abbiamo messo su famiglia”, ha detto Verone. InfoBay, Rosario aveva sette lavori, viveva in condizioni di estremo stress ed era preoccupato per l’insicurezza e l’instabilità economica.

È passato un anno e quattro mesi dal momento in cui ha fatto domanda per il programma di dottore al momento in cui è atterrato a Musomeli. “Eravamo determinati in quello che stavamo facendo. Non è che siamo scappati dall'Argentina. Abbiamo fatto bene lì. Mia moglie è un'assistente sociale. Siamo riusciti a risparmiare e a creare una buona base. Volevamo avere una migliore qualità di vita. Per noi era tutto chiuso perché non vedevamo barriere lavorative, culturali o sociali. È stato un po’ difficile per i bambini e mia moglie a causa della lingua, ma ora sono felici”, ha detto Veron.

In questo momento Vivono in una casa nuova di zecca con giardino all'interno di una sorta di comunità recintata, a due isolati dall'ospedale. A Musomeli vivono circa 12mila persone su un'area di 161 km2. «Dato che siamo a circa 900 metri sul livello del mare, la città è un po' isolata dalla Sicilia, il che significa che ci vogliono 15 minuti in più per raggiungere la strada che ci collega alle altre città», spiega Verone.

Accesso: una foto del primo giorno di lavoro del chirurgo Veron nell'aprile di quest'anno

Mussomeli rappresenta invece la possibilità di vivere con ritmi più lenti e di avere più tempo libero; Anche per ritrovarsi con gli amici: “Con i medici argentini abbiamo formato una grande comunità e ci riunivamo per fare grigliate e giocare a calcio con loro”.

READ  Un finto rapimento durante un addio al celibato provoca panico e caos in Italia Nove prigionieri

Lì puoi mantenerti avendo un lavoro e lavorando dalle 8 alle 15 ore.. Tuttavia ammette: “Fare il chirurgo è una specialità dove ci sono sempre delle emergenze e molte volte non sai a che ora uscirai. Ma di solito lavoro 38 ore a settimana.

L'équipe di cui fa parte è composta da cinque specialisti in traumatologia, due dei quali provenienti dall'Argentina. Ma ci sono anche ragazzi di altre specialità. “Ci sono medici di Rosario e Córdoba e chirurghi di Buenos Aires e Santa Fe”, ha spiegato.

Anche se il suo contratto scade alla fine del prossimo anno, assicura che ci sono già le condizioni per essere effettivamente assunto. “Sto bene e la settimana scorsa ho fatto la mia prima artroscopia alla caviglia. “È una pietra miliare per l'ospedale.” Lo sottolineò con orgoglio.

Sebbene il suo sogno sia quello di trasferirsi in una grande città come Roma o Milano, Verone non si pente della sua decisione e assicura di aver trovato in questa città italiana il suo posto nel mondo. “Non mi vedo fare un altro trasloco. I ragazzi hanno già un gruppo di amici e conduciamo una vita molto tranquilla e sicura. È un sollievo non vedere Kate quando mia moglie accosta con la macchina per paura di essere investita, ” ha esemplificato.

Meno di 8 mesi dopo il suo arrivo all'ospedale Musomeli, Veron ha segnato una pietra miliare: ha eseguito la sua prima artroscopia alla caviglia.

E ha aggiunto: “Siamo vicini a tutto: un'ora e mezza da Palermo, e due ore da Catania. Abbiamo già percorso quasi tutta l'isola e abbiamo avuto modo di visitare altre città italiane. Siamo molto a nostro agio in questo posto“, ha osservato, convinto della sua decisione.

READ  Alberto Fernandez si reca a Lima per partecipare alla cerimonia di apertura del Castillo Agenda del presidente in Perù

“Stiamo vivendo un massiccio esodo di medici. “Direi che è il più grande nella storia dell'Argentina.”Erica Moscatello ha detto che ci sono più di 20mila medici in lista d'attesa.

Obiettivi? “Buona paga per il lavoro. Dopo un mese comprano un'auto, dopo un anno hanno già una casa», ha detto l'argentino, che fa da tramite tra gli specialisti argentini e gli ospedali di tutta Italia.

“Anche se abbiamo iniziato invitando i medici di Rosario a coprire la quota di 12 specialisti dell'ospedale Musomeli, l'appello è stato esteso a tutta l'Argentina per cambiare l'emergenza sanitaria vissuta oggi in tutta Italia”, ha spiegato. Così iniziò rapidamente a coprire posti vacanti in Sicilia, poi nel nord Italia e ovunque Oggi mandano i medici ovunque ce ne sia bisogno.

Erica Moscatello con il marito Javier Ravicule: due argentini che coordinano l'arrivo dei medici argentini in Italia.

“La maggior parte degli interessati viene da Buenos Aires, seguita da Córdoba e Santa Fe.”Viene menzionato Moscatello. “Una volta che si sono sistemati, mandano la famiglia, i suoceri e persino il cane”, ha scherzato sui vantaggi della vita nel villaggio. “Tutti cercano di andare avanti e cercano di arrivarci velocemente. Con la nostra consulenza risolviamo la ricerca di lavoro, iscriviamo i bambini a scuola e forniamo loro tutti i documenti richiesti dallo Stato”, ha osservato.

“Tutte le esperienze fino ad oggi sono state positive e nessuno ha detto nulla 'Non è per me, sto volando via'. Abbiamo già reclutato 500 medici argentini, ma il bisogno è ancora grande– concordò Moscatello.

“Proprio adesso, L’Italia ha bisogno di 36mila medici. Per questo il bando è aperto anche ai medici italo-argentini uguale per tutti. Naturalmente per questi ultimi ci vorrà un po’ più di tempo per elaborare i documenti perché li dobbiamo rilasciare con i visti lavorativi”, ha concluso Moscatello.