Agosto 5, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Qual è il nuovo studio sulle infezioni negli operatori sanitari che sono stati vaccinati contro il COVID-19?

Gli operatori sanitari sono in prima linea nella lotta al contagio e la vaccinazione è una priorità quando saranno disponibili i vaccini COVID-19 EFE / Juan Ignacio Roncoroni / Archivio

Prevenire e ridurre la gravità delle infezioni COVID-19 Questo continua ad essere uno dei temi di grande preoccupazione per la comunità scientifica mondiale. Al di sopra di Un anno e mezzo dopo l’inizio dell’epidemia Corona virus, in piena apparizione Nuovi tipi Poiché sempre più vaccini vengono sviluppati e studiati in senso orario, le infezioni post-vaccino sono un altro problema che viene attentamente monitorato nelle ricerche di laboratorio in tutto il mondo.

Tuttavia, Cosa sta succedendo con lui? Operatori sanitari?, I vigili del fuoco di prima linea, la maggior parte di loro, sono già stati vaccinati in tutto il mondo. È noto come: Gli operatori sanitari sono stati in prima linea nella lotta contro l’infezione e hanno reso la vaccinazione una priorità quando i vaccini COVID-19 sono disponibili..

Italia, Per fare un esempio, Il 1° aprile è diventato il primo Paese europeo a rendere obbligatorio il vaccino COVID-19 per gli operatori sanitari, Dovrebbe avere una terza ondata di malattia. Questo ordine ha lo scopo di proteggere gli operatori sanitari dalla responsabilità penale dopo la somministrazione del vaccino.

Secondo Incontrato all’ultima ora Città New York Forzare i lavoratori dei suoi centri medici e ospedali pubblici Fatti vaccinare o testare il virus corona ogni settimana, Una misura che cerca di ridurre il tasso di vaccinazione adeguato tra gli operatori sanitari.

Si stima che il nuovo standard sarà interessato Più del 10% delle 300.000 persone che lavorano a New York City. Attualmente, un terzo dei servizi igienici della metropoli Non sono vaccinati.

READ  Papa Francesco è stato autorizzato a operare sui "diverticoli del colon".

Studia dentro

Lo studio, pubblicato su The Lancet, ha esaminato 28.342 persone vaccinate con SARS-CoV-2.  Questo universo include medici, infermieri, paramedici, amministratori e paramedici EFE / Juan Ignacio Roncoroni
Lo studio, pubblicato su The Lancet, ha esaminato 28.342 persone vaccinate con SARS-CoV-2. Questo universo include medici, infermieri, paramedici, amministratori e paramedici EFE / Juan Ignacio Roncoroni

Sebbene Vaccini Nella maggior parte dei casi previene efficacemente l’infezione, Sono stati segnalati alcuni casi di infezioni post-vaccinazione, il che solleva preoccupazioni sull’efficacia del vaccino.

Questo risultato Si svolge su uno studio Rivista scientifica The Lancet, Ricercatore sull’efficacia dei vaccini COVID-19 Prevenire e ridurre la gravità delle infezioni post-vaccinazione tra gli operatori sanitari.

Indagine Un totale di 28.342 persone sono state vaccinate con SARS-CoV-2. Questo universo è incluso Medici, infermieri, paramedici, personale amministrativo e personale di supporto. Ci sono state infezioni nei primi cinque mesi dopo la vaccinazione (dal 16 gennaio al 15 giugno 2021). I medici hanno lavorato in 43 ospedali in 24 città indiane. Vaccini somministrati Covshield TM, (Serum Institute, India) e vaccino cellulare inattivato con virulenza totale (KovacsDM, Bharat Biotech, India)

Sono stati valutati diversi parametri, quali età, sesso, tempo di infezione, tipo di vaccino, distribuzione mensile dell’infezione dopo una e due dosi, gravità clinica dell’infezione, ricovero ospedaliero e unità di terapia intensiva.

EFE / Gustavo Amador / Archive impiega medici di ricerca in 43 ospedali in 24 città indiane
EFE / Gustavo Amador / Archive impiega medici di ricerca in 43 ospedali in 24 città indiane

Tra le invenzioni È stato scoperto che i vaccini hanno una bassa percentuale di casi sintomatici e questi sono spesso lievi, Pertanto, non hanno bisogno di essere ricoverati in ospedale o ricoverati in terapia intensiva o sono morti. Tutti i vaccini hanno fornito una protezione simile, con infezioni post-vaccinazione comprese tra il 5% e l’11% e il 4-58%, rispettivamente.

Un altro dei risultati di questa ricerca prestampata, che non è stata precedentemente esaminata, Indica che Il personale infermieristico di età superiore ai 50 anni ha avuto una maggiore incidenza di infezioni E quelli vaccinati in due dosi, Hanno ridotto significativamente le possibilità di sviluppare la malattia. Le epidemie di picco si sono verificate tra metà aprile e maggio 2021 al culmine della seconda ondata di COVID-19.

READ  Il mistero del gatto nero sopravvissuto all'incidente di Miami è ora "santificato" sui social

Tra i risultati raggiunti attraverso lo studio, The Le infezioni post-vaccinazione si verificano in una piccola percentuale (5,07%) degli operatori sanitari vaccinati. “Il ricovero vaccinale ha impedito l’insorgenza di malattie gravi portando a cure intensive e alla morte. Il vaccino COVID-19 ha avuto un impatto positivo significativo sulla riduzione delle infezioni post-vaccinazione.

Le infezioni vaccinate si verificano in una piccola percentuale (5,07%) degli operatori sanitari vaccinati, secondo lo studio di The Lancet
Le infezioni vaccinate si verificano in una piccola percentuale (5,07%) degli operatori sanitari vaccinati, secondo lo studio di The Lancet

D’altro canto, Il personale infermieristico e medico, gli operatori sanitari di età superiore ai 50 anni e gli operatori sanitari nell’India occidentale sono stati significativamente colpiti dalle infezioni post-vaccinazione.

C’è stata una riduzione significativa dell’incidenza di infezioni post-vaccino dopo aver ricevuto una singola dose. “Entrambe le dosi del vaccino riducono il rischio di infezioni dopo la vaccinazione”Lo studio dice.

La distribuzione del genere era quasi identica: 14.980 maschi e 13.362 femmine. Le infezioni post-vaccinazione sono state leggermente più elevate nei maschi (5,33% maschi e 4,85%), cioè non vi è stata alcuna influenza significativa sul genere o sulla vaccinazione nell’insorgenza di infezioni post-vaccino. Studia in questo multicentro.

Operatori sanitari, preferibilmente in Italia, Francia e Grecia

Questa settimana, in Italia, Francia e Grecia hanno reso obbligatorio per tutti gli operatori sanitari la vaccinazione contro il virus corona EFE/EPA/LUCA ZENNARO/Archivio
Questa settimana, in Italia, Francia e Grecia hanno reso obbligatorio per tutti gli operatori sanitari la vaccinazione contro il virus corona EFE/EPA/LUCA ZENNARO/Archivio

Questa settimana Italia, Francia e Grecia hanno reso obbligatorio il vaccino contro il virus corona per tutti gli operatori sanitari. Questi paesi hanno limitato molte attività quotidiane ai vaccinatori: nel caso della Francia, è accettato un test PCR negativo o un test di immunizzazione.

Anche Macron ha annunciaton Operatori sanitari E coloro che lavorano con persone vulnerabili, personale delle case di cura, Avranno l’obbligo di vaccinarsi prima del 15 settembre, dopodiché chi non lo farà sarà multato. Il presidente francese ha indicato che il suo governo sta valutando la vaccinazione obbligatoria di tutti i francesi. “A seconda dell’evoluzione della situazione, dovremo sicuramente porci la questione della vaccinazione obbligatoria per tutti i francesi”, ha detto in un discorso televisivo alla nazione.

READ  Scandalo in Uganda: centinaia di persone ricevono falsi vaccini COVID-19

Nel frattempo, lunedì scorso il primo ministro greco Mitsodakis ha annunciato in un discorso alla nazione che la vaccinazione sarebbe stata obbligatoria in Grecia per tutti gli operatori sanitari. Per promuovere l’immunità contro la diffusione della variante delta di Govit-19.

Tutte le persone che lavorano Appartamenti per anziani, Dovrebbero essere vaccinati da ora fino al 16 agosto, Altrimenti non potranno lavorare, ha osservato il Primo Ministro. Nel frattempo, ha spiegato che dal 1 settembre era obbligatorio vaccinare il personale medico. Generale Personale, Quando Il 99% delle persone intuitive è sconosciuto.

Continua a leggere: