Settembre 25, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un nuovo studio del Massachusetts Institute of Technology mostra che il riscaldamento globale sta generando più riscaldamento

(Reuters)

Il riscaldamento globale genera un riscaldamento più estremo, Trova un nuovo studio sul clima antico. I ricercatori notano un “pregiudizio di riscaldamento” negli ultimi 66 milioni di anni che potrebbe tornare se le calotte glaciali scompaiono.

È diventato più chiaro Condizioni di siccità prolungate, calore senza precedenti, incendi boschivi persistenti e tempeste frequenti e più intense negli ultimi anni sono il risultato diretto dell’aumento delle temperature globali. A causa dell’aggiunta di anidride carbonica nell’atmosfera da parte dell’uomo. nuovo studio del Massachusetts Institute of Technology sugli eventi meteorologici estremi nella storia antica della Terra suggerisce che il pianeta di oggi potrebbe diventare più volatile mentre continua a riscaldarsi.

FILE PHOTO: Una centrale elettrica a carbone dietro un impianto a Baotou, nella regione autonoma della Mongolia interna cinese, 31 ottobre 2010. REUTERS/David Gray/
FILE PHOTO: Una centrale elettrica a carbone dietro un impianto a Baotou, nella regione autonoma della Mongolia interna cinese, 31 ottobre 2010. REUTERS/David Gray/

Lo studio, che appare oggi in progresso scientificoe Esamina il record del paleoclima degli ultimi 66 milioni di anni, durante l’era cenozoica, iniziata poco dopo l’estinzione dei dinosauri. Gli scienziati hanno scoperto che durante questo periodo, le fluttuazioni del clima terrestre hanno subito un improvviso “pregiudizio di riscaldamento”. In altre parole, Ci sono stati molti più eventi di riscaldamento globale (periodi di riscaldamento globale prolungato, che durano da migliaia a decine di migliaia di anni) che eventi di raffreddamento.. Inoltre, gli eventi di riscaldamento tendono ad essere più estremi, con variazioni di temperatura maggiori, rispetto agli eventi di raffreddamento.

I ricercatori dicono Una possibile spiegazione per questa distorsione da riscaldamento potrebbe risiedere in un “effetto moltiplicatore”., dove un piccolo grado di riscaldamento, ad esempio, dovuto ai vulcani che rilasciano anidride carbonica nell’atmosfera, accelera naturalmente alcuni processi biologici e chimici che esaltano queste fluttuazioni, portando, in media, ad un maggiore riscaldamento.

curiosamente, Il team ha notato che questa tendenza al riscaldamento globale è scomparsa circa 5 milioni di anni fa, Quando le calotte glaciali hanno cominciato a formarsi nell’emisfero settentrionale. Non è chiaro quale effetto abbia il ghiaccio sulla risposta della Terra ai cambiamenti climatici. Ma mentre l’attuale ghiaccio artico si allontana, il nuovo studio suggerisce che potrebbe emergere un effetto a catena. Il risultato potrebbe essere un’ulteriore amplificazione del riscaldamento globale causato dall’uomo.

Foto: uccelli volano oltre i tralicci dell'elettricità in un pomeriggio pieno di fumo nei vecchi quartieri di Delhi, India, 30 ottobre 2019. (Reuters) / Adnan Abedi / File Photo
Foto: uccelli volano oltre i tralicci dell’elettricità in un pomeriggio pieno di fumo nei vecchi quartieri di Delhi, India, 30 ottobre 2019. (Reuters) / Adnan Abedi / File Photo

“Le calotte glaciali nell’emisfero settentrionale si stanno riducendo e potrebbero scomparire come conseguenza a lungo termine delle azioni umane”, afferma l’autore principale dello studio. Costantino Arnschedt, Studente laureato presso il Dipartimento di Scienze della Terra, dell’Atmosfera e Planetarie del MIT. “La nostra ricerca suggerisce che questo potrebbe fondamentalmente rendere il clima della Terra più vulnerabile agli eventi di riscaldamento globale estremo a lungo termine, come quelli osservati nel passato geologico”. Il coautore dello studio Arnscheidt Daniel Rothman, professore di geofisica al MIT e co-fondatore e co-direttore del MIT Lorenz Center.

READ  La rimasterizzazione del leggendario Blade: The Edge of Darkness ha già una data di uscita e puoi provare una demo su PC

impulso volatile

per la tua analisi, Il team ha consultato grandi database di sedimenti contenenti foraminiferi bentonici nel mare profondo, organismi unicellulari che esistono da centinaia di milioni di anni e i cui gusci duri sono conservati nei sedimenti.. La formazione di questi gusci è influenzata dalle temperature oceaniche man mano che gli organismi crescono; Pertanto, le conchiglie sono considerate un proxy affidabile per le antiche temperature della terra. Per decenni, gli scienziati hanno analizzato la composizione di questi gusci, raccolti in tutto il mondo e datati in diversi periodi di tempo, per tracciare come la temperatura della Terra ha oscillato nel corso di milioni di anni.

FOTO FILE: La centrale elettrica a lignite del fornitore tedesco di energia e servizi pubblici RWE si riflette in un grande stagno a Neurath, a nord-ovest di Colonia, Germania, 5 febbraio 2020. REUTERS/Wolfgang Rattay/File Photo
FOTO FILE: La centrale elettrica a lignite del fornitore tedesco di energia e servizi pubblici RWE si riflette in un grande stagno a Neurath, a nord-ovest di Colonia, Germania, 5 febbraio 2020. REUTERS/Wolfgang Rattay/File Photo

“Quando si utilizzano questi dati per studiare eventi meteorologici estremi, la maggior parte degli studi si è concentrata su grandi aumenti individuali della temperatura, in genere di pochi gradi Celsius di riscaldamento”, afferma Arnscheidt. “Invece, stiamo cercando di guardare le statistiche generali e osservare tutte le fluttuazioni rilevanti, piuttosto che scegliere quelle più grandi”.

Il team ha prima eseguito un’analisi statistica dei dati e ha scoperto che negli ultimi 66 milioni di anni, la distribuzione delle fluttuazioni della temperatura globale non assomigliava a una curva a campana standard, Con code simmetriche che rappresentano lo stesso potenziale per il caldo estremo e il freddo estremo. Invece, la curva è stata notevolmente inclinata, tendendo a eventi più caldi piuttosto che a eventi freddi. La curva ha anche mostrato una coda significativamente più lunga, che rappresenta eventi caldi che erano più intensi o più caldi di quelli più freddi.

READ  Questo 2018 di fascia alta è aggiornato ad Android 11

“Questo suggerisce che c’è una sorta di amplificazione rispetto a ciò che altrimenti mi sarei aspettato”, afferma Arnscheidt. “Tutto indica qualcosa di fondamentale che sta causando questa spinta o pregiudizio verso gli eventi di riscaldamento. È giusto dire che il sistema Terra sta diventando più volatile, nel senso di riscaldamento.“.

moltiplicatore di riscaldamento

Il team si è chiesto se questa distorsione da riscaldamento globale potesse essere il risultato di un “doppio rumore” nel ciclo climatico del carbonio. Gli scienziati hanno da tempo riconosciuto che le temperature più elevate, in una certa misura, tendono ad accelerare i processi biologici e chimici. Poiché il ciclo del carbonio, che è uno dei principali motori delle fluttuazioni climatiche a lungo termine, è esso stesso costituito da tali processi, l’aumento della temperatura può portare a maggiori fluttuazioni, inclinando il sistema verso eventi di riscaldamento estremo.

FILE PHOTO: Il fumo si alza sulle colline a nord di un rifugio per disastri della Croce Rossa mentre il Bootleg Fire si espande a più di 210.000 acri.  Klamath Falls, Oregon, USA, 14 luglio 2021. REUTERS/Mathieu Lewis-Rolland/File Photo
FILE PHOTO: Il fumo si alza sulle colline a nord di un rifugio per disastri della Croce Rossa mentre il Bootleg Fire si espande a più di 210.000 acri. Klamath Falls, Oregon, USA, 14 luglio 2021. REUTERS/Mathieu Lewis-Rolland/File Photo

In matematica, esiste una serie di equazioni che descrivono questi effetti inflazionistici generali o di raddoppio. I ricercatori hanno applicato questa teoria della moltiplicazione alla loro analisi per vedere se le equazioni potevano prevedere la distribuzione distorta, incluso il grado di distorsione e la lunghezza delle loro code.

Alla fine l’hanno trovata I dati e la tendenza osservata verso il riscaldamento possono essere spiegati dalla teoria del moltiplicatore. In altre parole, è molto probabile che negli ultimi 66 milioni di anni i periodi di riscaldamento moderato siano stati mediamente potenziati da effetti moltiplicatori, come in risposta ai processi biologici e chimici che hanno riscaldato il pianeta.

READ  Virgin Mobile ti invita a sperimentare qualità e servizio con un regalo sim

Nell’ambito dello studio, I ricercatori hanno anche analizzato la relazione tra i precedenti eventi di riscaldamento e i cambiamenti nell’orbita terrestre.. Nel corso di centinaia di migliaia di anni, l’orbita della Terra intorno al Sole diventa regolarmente più o meno ellittica. Ma gli scienziati si sono chiesti perché così tanti eventi di riscaldamento passati abbiano coinciso con questi cambiamenti e perché questi eventi mostrano un aumento così drammatico delle temperature che ciò potrebbe causare il solo cambiamento nell’orbita terrestre.

Pertanto, Arnscheidt e Rothman hanno incorporato i cambiamenti orbitali della Terra nel modello moltiplicatore e nella loro analisi dei cambiamenti di temperatura della Terra, e hanno scoperto che gli effetti moltiplicatori possono amplificare, in media, modesti aumenti di temperatura dovuti ai cambiamenti nell’orbita terrestre.

Rothman continua: “Il clima si sta riscaldando e raffreddando in concomitanza con i cambiamenti tropicali, ma i cicli tropicali stessi prevedono solo modesti cambiamenti climatici”. “Ma se consideriamo un modello moltiplicatore, il modesto riscaldamento, combinato con questo effetto moltiplicatore, Può portare a eventi estremi che tendono a verificarsi contemporaneamente a questi cambiamenti orbitali“Gli esseri umani impongono l’ordine in un modo nuovo”, aggiunge Arnscheidt. “E questo studio mostra che quando alziamo la temperatura, è probabile che interagiamo con questi effetti di amplificazione naturali”.

Continuare a leggere: